Documents relating to his vocation

 

 

 

 

RAGIONI PRO

 

 l.  L'aver da fanciullo questa vocazione fino quasi al quattordicesimo anno.

 

 2.  Non essersi tale vocazione in me per lungo tempo spenta negli susseguenti di mia vita.

 

 3.  Fino a che non si fece piu' viva in me, nel principio dell' estate passato, quando per primo la confessai al mio confessore.

 

 4.  La meditazione della morte.  Sento che questa e' il vero stato a cui sono vocato.

 

 5.  Il desiderio di darmi tutto a Dio avendo Egli tanto sofferto pei miei peccati.

 

 6.  Il desiderio di camminare sulla via della perfezione, e cosi' non temere la morte, anzi considerarla come il mezzo che ci reca alla vera felicita'.

 

 7.  L'aver letto in S.Alfonso de Liguori che egli era uscito dal mondo a 26 anni, ma sara' beato colui che ne uscisse prima.

 

 8.  L'aver dopo riflessione trovato essere questo lo stato piu' confacente alla mia natura.

 

 9.  La malattia di mio fratello.

 

l0.  La morte di mio padre.

 

ll.  Il sentirmi dover essere felice in questo stato, in tutte le controversie quali fin ora m'incontrai in questa vita.

 

12.  Il giorno 8 Maggio 98, dopo una novena alla V. di Pompei in cui la chiesi di farmi conoscere la vera volonta' di Dio: senti la forza di decidere pel bene, cioe' in favore allo stato sacerdotale.

 

 

RAGIONI CONTRO

 

1.  L'istinto animalesco alla vita coniugale;

2. e percio' il timore che durante la mia vita celibe; nella lotta tra lo spirito e la materia abbia questa ultima il sopravente.

ACCADEMIA

 

RAGIONI PRO

 

 1.  Alcuni di famiglia desiderano che io andassi, e si son offerti perfino di pagarmi la rata.

 

 2.  Lo stesso Presidente dell'Accademia si e' portato dal Rettore, e gli ha espresso il desiderio che io andassi.

 

RAGIONI CONTRA

 

 1.  Perche' all'Accademia, finche' io sappia, non ci vanno che queli, i quali possono vantare una buonanascita.

 

 2.  Perche' all'Accademia, mi si mette, come a dire, in mostra, per aver qualcheposto; mentre e' dottrina certissima che Gesu' predilige coloro, qui ament nesciri.  E siccome Egli allorche' determino' di eleggermi per suo ministro seppe trovarmi tra il numero dei peccatori: cosi adesso se Egli ha deliberato di me qualche altra cosa, a fortiori sapra' trovarmi nel numero dei suoi eletti, e non e' necessario che io mi metta avanti e cercar di farmi conoscere coll'andar all'Accademia.

 

 3.  Si recogito peccata mea, non mi trovo degno che di bastonate; altro che prelature e posti diplomatici!!!.. e' gia' infinitamente troppo se arrivo ad essere sacerdote.

 

 4.  In fatto di intelligenza non risplendo.  Fin ora ho tirato avanti.  Quando il Signore mi chiamo' allo stato ecclesiastico mi trovavo al primo anno di legge all'Universita' di Malta.  Adesso faccio il terzo di Teologia  alla Gregoriana.  L'esame per il baccellerato e' andato maluccio, da tre voti ho avuto due col vix; percio' tra quel che e' in me ed il rigore degli esami, la speranza di ulteriori gradi e' molto ridotta.  Tu Diritto Canonico forse ci riesco di piu'.  Siccome nelle mie communioni una delle prime grazie che chiedo al Signore, e' appunto di farmi conoscere la sua volonta', credo che il rifiuto motivato, mi sia stato da Lui suggerito.

 

 5.  Perche' mi metto in pericolo di desiderareposti, cariche ed onori; et qui  vult periculum peribit in illo.

 

 6.  Mentre al incontro, col rifiutare di andare all'Accademia mi son messo al sicuro dal desiderare e molto piu' dal domandare posti e cariche onorifiche in diocesi.

 

 7.  Perche', secondo me, il Signore ha permesso che io fossi tentato di andare all'Accademia, per formare la mia fermezza della risoluzione che avea preso, perche' giorni addietro, quale e' quella diportarmi e stabilirmi nella Casa di San Giuseppe previo il permesso del Vescovo.

 

 8.  Infatti allorche' per mezzo del mio Rettore, mandai al Presidente dell'Accademia la negativa, sperimentai grande consolazione nel pensare di aver scelto la corona di spine con Gesu' anziche' quella delle rose.

 

9.  Casa si San Giuseppe.

 

_______________________

 

CASA DI SAN GIUSEPPE.

 

RAGIONI PRO.

 

 1.  Perche' un sentimento interno mi dice, che Iddio da questo Istituto voglia formare a Malta una Congregazione di Sacerdoti sotto il Patrocinio di San Paolo; e cosi' nel rendere stabile l'Opera a Malta si diffonda anche all'estero.  N.B. Questa ragione mi e' stato consigliato di sospederla, e lo faccio ben volentieri.

 

 2.  L'amore di vivere in communita' di persone ecclesiastico e percio' sento dover essere contento in compagnia dei due sacerdoti, che gia' stanno in direzione della Casa di San Giuseppe.

 

 3.  Il desiderio di far penitenza pei miei peccati particolarmente per quelli che sono stati di danno al prossimo.

 

 4.  Perche' stando in famiglia mi metto in pericolo di attacarmi alla richezze; o che e' certo occuperanno gran parte dei miei pensieri e del mio tempo.

 

 5. Perche' potro' imitare Gesu' piu' da vicino.

 

 6. Perche' trovero' pronto il campo di esercitare il mio ministero.

 

 7.  Perche' mi sara' facile esercitare la virtu' della poverta'; quantunque senza voto, ed in qualche modo anche quelli dell'ubbidienza.

 

 8.  Perche' alla morte possa trovare qualche conforto nel pensiero di aver sofferto un poco per Gesu' avendo Eglio tanto sofferto pei miei peccati.