Mons. Guzeppi De Piro

 

Predikatur Imheggeg

tal-Kelma t’Alla

 

Volum 3

 

 

Guzeppi De Piro, Predikatur Imheggeg tal-Kelma t'Alla, vol III, ([Malta]: Postulazzjoni Kawza ta' Mons G De Piro, 1987).

 

[page i]

 

(Presentation: Prezentazzjoni ta' Volum III. – not included).

 

[page ii]

 

Werrej

 

Prezentazzjoni                                                                                                                         i

Werrej                                                                                                                                      ii

Il-Hajja Religjuza                                                                                                                280

Il-Missjoni                                                                                                                           294

Is-Sahha                                                                                                                             296

Il-Mewt – Il-Mejtin                                                                                                               299

L-Ahhar tas-Sena                                                                                                              305

Irtiri / Ezercizzi                                                                                                                    308

: Programmi                                                                                                                       308

: Introduzzjonijiet                                                                                                                319

: Il-Fini tal-Bniedem                                                                                                           327

: Il-Fini tal-Holqien                                                                                                              334

: Indifferenza                                                                                                                       338

: It-Tiepidezza                                                                                                                    339

: It-Tentazzjoni                                                                                                                    341

: Id-Dnub                                                                                                                             342

: L-Infern                                                                                                                              356

: L-Infern tas-Sensi                                                                                                            357

: Il-Mewt                                                                                                                              359

: It-Talb ghall-Mejtin                                                                                                           368

: L-Iben il-Hali                                                                                                                     369

: Il-Meditazzjoni                                                                                                                  373

: Il-Kelma ta' Alla                                                                                                                374

: Is-Saltna ta' Kristu                                                                                                           375

: It-Twelid ta' Gesu' Kristu                                                                                                 378

: Il-Hajja Privata ta' Gesu'                                                                                                  383

: Il-Hajja Publika ta' Gesu'                                                                                                 385

: L-Ewkaristija                                                                                                                    390

: It-Tbatija – Is-Salib                                                                                                          397

: L-Imhabba ta' Alla                                                                                                           398

: Il-Karita'                                                                                                                            404

: Il-Hniena                                                                                                                           411

: Il-Qrar                                                                                                                                414

: Gheluq                                                                                                                              421

-- O --

[page 280]

[homily 107]

"Exemplum esto ... in verbo, in conversatione, in charitate, in fide in castitate". (1Tm 4:12)

1.         Variazione delle vie che conducano a G.C. eremiti, monaci, religiosi, etc.

2.         Le Sacre Vergini anticamente si santificavano nel ritiro, appartate, tra digiuno e penitenza.
Oggi puntiamo e diamoci all societa' per santificare norme per regolare la vita esteriore.

3.         La vita esteriore e' la manifestasione della vita interiore, come l'odore di un vaso di un fiore, cosi' la virtu' non se nasconde.

4.         Dunque la Religiosa deve essere persuasa che non e' l'abito, l'istituto, le opere delle altre.
monastero        – ospedali, case di ammalati;
cella                  – alloggio;
cappella           – chiesa della parrocchia;
chiostro            – vie della citta', scuole;
clausura            – obbedienza;
grata                 – il timor di Dio;
velo                   – la modestia;
deve salvare se stessa e colore che l'avvicinano.

 

Exemplum esto in verbo (1Tm 4:12)

discorsi inutili
critiche
mormorazione

difficolta di parlare
in pubblico
persone estrane
laici
parenti

Sermones Dei contro il vizio, a pro della virtu'.

La parola e' d'argento ma il silenzio e' di oro.

Exemplum esto in conversatione (1Tm 4:12)

Deve essere relativa alla stato – Sempre di Dio mai' del mondo – A Cesare quel che e' di Cesare (Mt 22:21) – i morti seppelliscono i loro morti (Mt 8:22).

"Nostra conversatio in coelis est" (Ph 3:20)

Gesù Cristo si trattiene colle turbe coi discepoli ma perche?
e quando termina si ritira all solitudine.

 

Exemplum esto in fide (1Tm 4:12)

Non voglio dire che religiosa debbe avere la fede, ma che questra resplenda nelle opere – fides sine speribus mortua (Jm 2:17) –

Se se parla di Dio
Del Santissimo Sacramento
Cappella, altare
Comunione
Ospedali, scuole

- perche' lo vede o almeno lo sente
- e' adoratrice
- nettezza
- in paradise
- instillarla negli altri

 

[page 281]

Exemplum esto in caritate (1Tm 4:12)

Suora di Carita'[1]
Casa di Carita'

La carita' il campo della buona religiosa.

L'amor del prossimo e' un estrinsecazione dell' amor di Dio.

"Transibat benefacendo faciendo et samando omne." (Ac 10:38)

Non siamo riguardi individuali – simpatie – indifferenza – antipatia.

 

Exemplum esto in castitate (1Tm 4:12)

Grande attenzione anche in clausura
Voi fuori del mondo e nel mondo
dunque cautela – fece – fango.

– sguardi non si fissino in oggetti vani – guardare e non fissare -

– il vestire uniforme alla regola

– Segolo – ricercatessa

Cuore desideri. Amarsi come angeli e fuggire come demoni.

– famigliarita'

– La carita' vi faccia accorrere a tutti ma la castita' la modestia vi tenga in riservo.

La Religiosa va al mondo non per gustarlo ma per combatterlo.

 

[page 282]

[homily 108]

Vigilate et orate (Mt 26:41)

Gesù Cristo capo della Chiesa si perpetua nel fedele, nel sacerdote, nell'anima religiosa.

Il religioso per l'emissione dei voti perpetui sulla terra – il sacrificio.

La religiosa si offre in olocausto – offer tutti i beni colla poverta', castita', ed ubbidienza.

Il Voto cuore incestante – passioni insaziabili – l'aria del mondo – ci allontanono da Dio ed i voti ci legano.

 

Gesù Cristo Ha salvato il mondo colla croce i coi patimenti – Voi scelte a continuare la sua missione "nisi granum frumente". (Jn 12:24) Il sacrificio dunque e' il fondamento della vita religiosa.

 

Occasioni di soffrie – Il demonio – La superiora[2] ed il confessore – Le compagne – L'ufficio – Il vostro carattare medesimo – Le amiche – La vecchiaia – L'infermita'.

 

Siamo pellegrini – ma la religiosa e' crocifissa – anzi morta – anzi sepolta.

Mezzo – la preghiera

La prghiera toglie la distanza, ci unisce a Dio. La piu'nobile occupazione – ufficiatura. Ci da' forza, balsamo, felicita', vita. – E' una grazia, anzi sorgente di grazie.

 

Condizioni

Attenzione:            gli ebrei nelle loro sinagoghe. "Prepara animam tuam." (Si 2:1)

Umile:                    il fariseo e publicano – mendicanti colpevoli – infermi – debitori (Lk 18:9-14)

Confidente:           vuole essere chiamato padre – lasciarci in mano sua. (Lk 22:43)

Perseverante:       "prolixium orabat: oravit iterum eundem sermonem dicens." (Mt 26:44)

 

Effetti

Onora Iddio    – riconoscendolo

Consola          – utilizzare le lagrime

Illumina           – accedite et illuminamino

feconda          – ripara – arresta, castiga e fa cadere una grazia – allevia le pene del purgatorio pregate per supplire a chi non prega mai. S. Alfonso – pregate, pregate.

[page 283]
"Ego dormio et con meum vigilat". (Sg 5:2)

Lo stato religioso e' unostato di prova e come tutte le prove deve avere dei contrasti piu' forti piu' terribili quanto piu' nobile e' il premio assegnato a questa prova.

Vivere e' lo stesso che resistere - l'idea della vita non puo' essere dissociata da qulllo della lotta. E quanto il combattimento da affrontare.

Ed eccho perche alcune anime sperimentando aumentato il combattimeto si scoraggiono.

L'Elmo dell'ubbidienza, corazza della castita', scudo della proverta'.

Sofferenze

Si noi verremo al tup tabernacolo per la tua vigilanza che e' il conforto della vita presente e la gioia della vita "dejjem".

 

[page 284]

[homily 109]

31 dic 1919
Alle suore dell'Istituto Nuzzo Hamrun
[3]

            "Et vos estote parati quia qua ora non putatis filius hominis veniet" (Lk 12:40)[4]

            Trovatevi sempre preparati perche' in quell'ora in cui non credete il figlio dell'uomo verra'. – Sono queste le ultime parole salutari del vangelo di S. Luca che abbiamo ora letto, come dirette dalla Chiesa nostra madre. Esse contengono un'ammonizione molto adatta al giorno in cui ci troviamo. Naturalmente infatti noi tutti sentiamo che la fine di un anno ed il principio di uno nuovo costituiscono un momento importante di questa nostra breve vita. Noi in questo momento ci sentiamo portati a pensare e reflettere con maggiore premura del solito sul come e' passato per noi l'anno che se ne va, e l'osservazione e l'esperienza del passato ci invitano, ci spronano a proporre per quest'altro anno a tracciare le linee di condotta per il nostro maggiore profitto.

            "Filius hominis veniet." (Lk 12:40) Ah! il Signore verra', verra' senza dubbio, ed anche presto, "quia tempus breve est" (1Co 7:29), e percio' oggi che ci troviamo qua' raccolti per far terminare devotamente, religiosamente, a quest'anno che termina, secondiamo questo nostro sentimento naturale, inspiriamoci all'avviso che ci da il vangelo e facciamo un po i nostri conti. – Tralascio, Sorelle Dil in G. C., di parlarvi dei molteplici talenti che il signore vi ha affidato a metter a frutto e la vostra attenzione oggi richiama a quel talento che in voi comprende tutti gli altri. Voi bene mi capite, e' il talento della vostra vocazione. – Oh! Potessimo comprendere la sua presiosita'? Voi al certo vi ricordate di quella risoluzione generosa di quel giovanetto di cui ci parla S. Matteo nel suo vangelo. Si presenta costui un giorno a Gesu' Cristo e cosi' gli disse: "'O buon Maestro, che cosa debbo fare per ottenere la vita eterna?' E Gesu' Cristo rispose: 'se brami arrivare alla vita eterna, osserva i miei comandamenti.' 'E quali sono?' Ripiglio'[5] il giovanetto. E Gesu' Cristo rispose: 'Non ammazzare, non rubbare, non dire falso testimonio, onora il padre e la madre tua, ed ama il prossimo tuo come te stesso.' 'Ma tutto questo l'ho osservato sempre', disse gli il giovane; 'che mi manca ancora?' Allora G.C.: 'Se vuoi esere perfetto, va' vendi cio' che hai, dallo ai poveri, vieni e seguimi.'" - "Veni et seguere me." (Mt 19:16-21) Ciascuno di voi – (Sorelle Dilettisime in Gesù Cristo) – richiami alla memoria i giorni della sua vocazione. – Si' anche voi, ogniuna di voi, ha domandato al Signore: "Maestro che cosa mi resta a fare dopo aver seguito i precetti comuni della legge?" Ed Egli respose: "Seguimi Se vuoi essere perfetta". "Seguere me si vis perfetta esse." (Mt 19:16-21) Ecco in che consiste la vostra vocazione! Essa vi ha messo sulla via della perfezione, e Voi, avendo deliberato di batterla, avete resoluto di seguire G.C. da vicino, cioe' di ricopiarlo in voi, imitandolo per quanto possibile; imitaione questa che vi ha fatto meritare dalla Chiesa il titolo di Spose di Gesu' Cristo.

            Sposa di Gesu' Cristo...! Ah! riandiamo, riandiamo colla nostra memoria i giorni dell'anno che spira', vediamo qual'e' stata la nostra corrispondenza, con questo nostro sposo divino. Vediamo un poco come son andate le nostre cose in Cappella, in iscuola, nel nostro ufficio, nel nostro lavoro, l'osservanza dell regola, i nostri voti, le nostre relazione coi Superiori, cogli uguali, cogli inferiori. – (Oh! con quanti defetti, con quante ommissioni, con quante imperfezioni forse ci e' dato di incontrarci). – Le nostre preghiere sono state fredde, le nostre meditazioni prive dell' azione feconda della volonta' siamo usciti senza propostiti, le Comunione senza fervore, solo per uso,
[page 285]
visite a G.C. in sacramento con disttrazione, ci siamo dimeticati di G.C. anche innanzi al Tabernacolo, - ispirazioni non ascoltate, mortificazioni fuggite, (al contrario forse abbiamo secondato la pigrizia, la vanita', l'amor proprio, la nostra comodita').

            Di fronte a questi difetti, a queste mancanze, a questa mal corrispondenza, come dovra' essere la nostra condotta? Ci dobbiamo forse, Sor. Dil. in G.C., scoraggiare? Ah! tutt'altro, anzi tutto prostriamoci innanzi al Signore e coll'amarezza del pentimento dimandiamo pieta' e perdono, poi preghiamo lo a voler rinnovare nell'anima nosttra quel primo ardore (hrara) che avemmo nei giorni della vocazione e proponiamo di voler essere per l'avvenire spose piu' fedeli del Signore nostro Gesu' Cristo. E come base ed aiuto ed adempire questo vostro proponimento vi propongo la reconoscenza, la gratitudine.

            Si! L'ingratitudine e' quel vizio mostruoso che ha sempre contribuito a deturpare[6] il mondo. – Essa e' figlia della superbia e della presunzione, come per contrario la gratitudine e figlia dell'umilta' e dell'amore.

            Donde viene, domanda San Bernardo, che quantunque Iddio non cessa di compatire giono e notte agli uomini tanti benefici e tanti aiuti, pochi sono quelli fra essi che si avanzano nella virtu', pochi sono quelli che seguono la via stretta del paradise, senza piegare alla via larga della perdizione? (Mt 7:13) A che attribuire tutto questo se non all'essere quase tutti gli uomini simli ai nove lebbrosi del Vangelo, che molto presto si dimenticarono del beneficio ricevuto, e pochi, pochissimi essere quelli, che come il Samaritano, tornino a rendere grazie? (Lk 17:11-19)

              E noi, ad esempio di San Bernardo, domandiamo donde viene che molte sono da Dio chiamate ad essere Suore, molte recevono il dono della vocazione, e poi dall'altro canto poche sone quelle che corrispondono alla loro vocazione e si occupano di avanzarsi nella via della propria perfezione e santificazione? Quante poche infatti sono le Teresa, le Maddalene de' Pazzi, le Margarite Alocuque? Perche'? Perche' questo se non perche' molte si dimenticano col tempo del gran beneficio che hanno da Dio ricevuto e percio' stesso dall'obligo di essere continuamente grate per tanto dono. Si' l'ingratitudine e' una specie di tarlo[7] che rode[8] l'anima, fiacca il vigore[9] e il rigoglio[10] della virtu' e lascia l'uomo destituito di forza e di azione. L'ingratitudine e' una vento divampante che dissecca la fonte della devozione, ristagna[11] la soave rugiada della Misericordia e i copiosi rivi della grazia. Ah! – Sorelle Dilettissime – che non sia, che non sia questo di noi; riflettiamo stamani che prima di recevere il benificio della vocazione, quanti e quanti altri beneficii si presuppongono l'esistenza – la necessita' in grembo della Chiesa Cattolica. Battesimo – Conferma – Eucarestia. – Voi avete voluto fuggire il mondo ed ecco che il Signore, che il Sacro Cuore di Gesu', si apre questo nuovo Istituto, appositamente per voi. Ed ecco che al ricordarci di tanti benefici, ma sopratutto del beneficio grande della vostra vocazione, noi sentiamo il nostro cuore aprirsi e sprigionare i sentimenti piu' teneri gratitudine. Si' "Te Deum laudamus". Si' a Te ogno lode, a te siamo rese grazie. Ah Si'! noi Ti ringraziamo di tanti beneficii ma sopratutto di averci scelte per tue spose. Ah! Si' o Gesu' fa che la vita che ci rimane sia tutta spesa nel ringrasiarvi. – In verita' come le Sante, leggete, leggete le loro vite, le troverete un continuo inno di gratitudine e di riconoscenza verso Iddio, verso l'amato loro sposo Gesu' Cristo. Coltivate percio', sorelle dilettissime, la virtu' della gratitudine ed avrete corrisposto alla vostra vocazione, ed avrete anche adempito il consiglio dell'odierno Vangelo, "Estote parati". (Lk 12:40)

 

[page 286]

[homily 110]

Per la rinnovazione dei Voti alle Suore dell'Istituto Nuzzo[12] – 11 Gugno 1920.

"Festa del Sacro Cuore"

            Da questa piccola, umile cappella dove voi devotamente vi siete raccolti per rinnovare vostra professione religiosa, il mio pensiero se ne vola a Roma, se ne va la dentro alla Basilica Vaticana, dove pochi giorni or sono il glorioso regnante Pontifice Benedetto XV[13] dichiarava degna degli onori dell'altare la Serva di Dio la Beata Margherita Maria Alocoque[14].

            Si' la Beata Alacoque oggi e' dalla Chiesa dichiarata essere santa. Ma che cosa la fece santa? Qual e' stato il primo sentimento che come religiosa la fece santa? Apriamo, S.D., la sua vita e proprio nelle prime sue pagine noi troviamo che a 23 essa entro' nel Monastero della Visitazione. Ed il sentimento che dal primo giorno occupo' la sua mente ed il suo cuore, e che l' accompagno' pel restante dei suoi giorni, fu appunto questo:

            a)    "Una casa religiosa e' un luogo santo."
            b)    "Che quelle che vi soggiornano sono destinate a diventar sante."
            c)    "Che per diventare sante devono rinunciare a se stesse senza risparmio."

            Ed io oggi quando unite a tutto il mondo cattolico, vi vedo qui adunate a festeggiare il Sacratissimo Cuore di Gesu'a festeggiare quel Cuore dal quale la vostra congregazione prende il mome a festeggiando non in via comunne ma in una maniera tutta speciale - a festeggiarlo anche col perfetto olocausto di voi estesse - ma a festeggiarlo colla rinnovazione della vostra professione religiosa - ma a festeggiarlo da vera sue serve col rinnovare i patti della vostre servitu'- ma a festeggiarlo da vere sue spose, col rinnovare i vincoli che legano il vostro cuore al cuore di Gesu'. Io vi invito prima di divenire ad un alto cosi solenno, vi invito di dare uno sull'anima vostra, di dare uno sguardo sull'anima la piu' dal Cuore SSmo di Gesu' sull'anima di Margherita Alocoque - e di esaminare se lo stesso sentimento che animava la anima voi adesso.

a) Siate voi persuase che trovandovi in questa casa voi vi trovate in un luogo Santo. Un luogo benedetto secondo i Riti della Chiesa, un luogo Gesu', questo sposo amato delle amime nostre, abita in mezzo alle anime delle sue spose predilotte (avete voi sempre fatto corrispondere tutte le vostre azioni come conviene a questo luogo santo. Avete voi qua' vissuto con timore "locus iste terribilis est" (Gn 28:17) Avete voi fatto il vostro possibile per evitare qualsiasi difetto, qualsiasi imperferzione, qualsiasi peccato non dico mortale ma anche veniale, "Locus iste sanctus est." (Ex 3:5) Vi siete forzate; avete fatto violenza a zoi stesse a ppraticare la virtu' a vivere come conviene a questo luogo). Ma siete voi intimamento persuase che questa e' la casa di Dio e non la nostra, che si ci permette di chiamarla nostra solo perche' abbiamo noi scelto per casa di Dio. Ma quando abbiamo detto casa di Dio, abbiamo detto tutto. Iddio - il Santo per eccelleza - santo, santo, santo. Egli viene salutato dagli angeli e beati nel cielo - santo per i santi Sacrifici che vengono offerti - Santo per i sacramenti che vengono offerti - Santo per i semi di santita' che vengono amministrati - Santo per i semi di santita' che vengono immersi nelle anime tenere di tante ragazze - Santo per la parola di Dio che viene amministrata - Santo perch' in esso abitano le sante anime spose di Dio, spose del Sacro Cuore di Gesu'.

[page 287]
b) E voi che qui soggiornate avete compreso, siete persuase che qua' vi trovate allo scopo preciso di diventare sante? come nella santita' vi hanno preceduto tante altre religiosa, come santa e' diventate la religiosa devota di Gesu', Suor Margherita Alocoque? Se voi esitate a respondere, io non esito a dichiararvi che ancora non avete capito la vocazione alla quale siete chiamate - "sancti estote sicut Pater voster in Collis Sanctus est," (Lv 11:44) e' detto a tutti gli uomini, a tutti i Fedeli, ma con quanta maggior ragione non vien detto alle spose di Gesu' Cristo, a coloro che si vantano di chiamarsi "Figlie del Sacro Cuore" - Figlie della stesse santita' che non se ne curano della santita! Se uno resce ad immaginare questo concetto no avra' per risultato un nostro nefando - Ah! non siamo persuasi che ci troviamo in un luogo santo, noi siamo persuasi che dobbiamo essere santi come arrivare a questa grande santita?

c) Il come non ve lo dico io, il come l'avete gia sentito dalla religiosa che ve precedette in questa vita; per diventare santi, essa vi dice dovete rinunziare a voi stesse senza resparmio - Ed infatti come siete venute qua' a fare non la rinunzia totale di voi stesse, a qualsiasi soddisfazione, a qualsiasi attrattiva che possa offirvi il mondo il Demonio.

 

[page 288]

[Homily 111]

            Domenica Va dopo Pasqua 1919 conferenza tenuta alle superiore delle terziarie Francescane Floriana.[15]

"Sit autem omnis homo velox as audiendum, tardus autem ad loquendum, et tardus ad veam" (Jm 1:19) (Epistola odierna).[16]

Avuto dalla vostra Madre Generale, Sorelle Dilettissime in Gesù Cristo, l'incarico di dirigervi poche in questo vostro incontro andavo ruminando in verca della materia da trattare con voi, quando leggendo l'ordierna epistola, la mia attenzione venne rechiamata e fermata su queste parole. E dirigendomi a Superiore, ho scoperto in esse un'aurea di prudenza - di quest virtu' necessaria in tutti, ma in modo speciale a quelle reigiose che la Divina Provvidenza ha posto a capo di una comunita'. Percio' ne passeremo ad esame il sirreferito testo e divideremo il nostro discorso in tre parti.

Sit...... velox ad audiendum (Jm 1:19)

La superiora cosa deve udire? Chi deve udire?

Una Superiora di una comunita' reilgiosa diceva a se stessa se per tanti anni non mi reusci' dfi tenere a posto l'anima mia per una settimana come mai non sara' possibile a tener a posto le anime delle mie suddite, che io dopo tutto non conosco de esse ance sono di carattere diverso? E la risposta che ebbe fu questa "Dio sara' con voi". Si, non vi scoraggiate, Dio e'con voi non ve ne ha dubbio, ma la vostra parte e' appunto questa, di udire la voce di Dio che vi parla in favore della vostra comunita'. "Velox as audiendim" (Jm 1:19), dovete avere premura e grande premura di udire la vpce do Dio -.

Dio dirige, maneggia, santifica la vostra comunita' per mezzo vostro, quindi ecco l'obbligo di star sempre vicine a Dio e per udire la sua voce. "Velox ad audiendum" (Jm 1:19) Una comunita' di suore che cosa e' essa mai? Essa e' la reunione di anime che Iddio ha privilegiate una sua proprieta' tutta speciale - dando loro l'ufficio di angeli sulla terra e per messo vostro egli le guidera' e versera' su di loro le sue benedizione. Ma voi? voi? dovete udirlo, dovete essere premurose di ascoltare la sua voce, di conoscere i suoi consigli "velox ad audiendum" (Jm 1:19).

Ma dove, quando, come, ascoltare questa voce di Dio? - nella santa Comunione - Anzitutto mantenete la vostra coscienza continuamente nello stato d'innocenza in modo do poter fequentare ed accostarvi alla Sacra Comunione giormalmente - E Fatta la comunione dopo offerti i sentimenti di unilta' e gratitudine per tanta degnasione, e domadate tutti i limi e le grazie necessarie al vostro ufficio - entrate a trattare con lui delle sorelle affidate alla costra cura: presentatele a Lui una per una e state attnete a quel che wi dive per ognuna "velox ad audiendum" (Jm 1:19).

Amate l'prazione e sopratutto la meditazione. La mezz'ora di meditaione e per voi, superiora, una mezz'ora di udienza speciale che Iddio vi concede. Egli vi da i suoi ordini - la sua rappresentante, la sua, per cosi' chiamarvi, segretaria. L'precchio dell'anima vostra deve ssere continuamente teso ad ascoltare la sua voce "velox ad audiendum" (Jm 1:19).

Ma sopratutto avete un altro mezzo per ascoltare la sua voce e questo e' l'atto della sua presenza. Tenete l'anima vostra sempre qual dev'essere tempio di Dio , e quando non potete andare a fare meditazione, quando per voi e passato il breve tempo della comunione non vi scoraggite, chiudetevi un istante con Dio entro l'anima vostra e con Lui conferite e pregate, pregate e pregate continuament per le sorelle offidate alle voste cure. Oh! che premura vi
[page 289]
assalivebbe, se il Signore a farvi sentire la sua voce "velox ad audiendum" (Jm 1:19) - Una e' tentata da scoraggiment, altra conto la vocazione, un'altra da memorie passate, etc., E se il lupo infernale cantera' vittoria su qualcuna di queste anime a voi affidate potete voi esimiervi da ogni colpa.

Percio' usate tutti i mezzi per ascoltare la voce di Dio - Comunione, mediazione, presenza di Dio.

"Sit tardus ad Loquendum" (Jm 1:19)

La correione fraterna e'segno di amore non vi ha dubbio lo dice lo stesso Iddio per mezzo di S. Giov. l'apostolo. "Ego quos amo arguo et castigo" (Rv 3:19). E San Paulo "Quem enim diligit Dominus castigat" (Hb 12:6) - Cosi il padre che ama il figlio lo corregge perche' lo vuol buono - S. Agostino "Qui non corrigit non regit".

Quindi non vi ha dubbio che la correzione sia un atto di vera carita', amore, me siccome non dipende soltanto dai setimenti e dalle disposizioni materne della superiora ma anche dall' accettazione delle suddite e con quante cautele va fatta. Onde recordiamoci del monito odierno "tardus ad loquendim" (Jm 1:19): Esso ci aiutera' a correggere con carita' e prudenza. Perche' dopo tutto la correzione sempre reca pena e quindi quante cautele perche' sia meno penosa e piu' proficua e vantaggiosa:

1. Scegliere tempo favorevole - finche' torni la calma tanto nella suddita che in voi.
2. Adattarsi al carattare della colpevole.
3. Eliminare i sentimenti di antipatia e di avversione.
4. Castigate poco.
5. Incoraggite molto.
6. Perdonate facilmente.
7. Dimenticate.
8. Riprendete secretemente le colpe secrete.
9. Per cose da poco non troppo sovente.
10. Avere reguardo all' eta', grado di virtu'.

Tardus

ad loquedum. (Jm 1:19)

"Et tardus ad viam". (Jm 1:19)

Ecco un altra virtu' tanto richiesta in chi e' superiora.

"Discite a me quia mitis sum." (Mt 11:29)

1. Mezzo di San Gregorio: cul ricordarci ghi affronti che Gesu' Cristo sopporto' per noi - Schiaffi - spirti - calunia - denigrato l'onore - nelle visti -
Se egli accetta tutto questo per tuo amore e' possibile che noi non possioamo con manuetudine soffri un poco per Lui.

2. Vedendo e recivendo le mancanze contro di noi, riflettiamo alle mancanze contro di noi, reflettiamo alle mancanze commesse da noi contro gli altri - Le auddite ci mancano pensiamo all' ommissione dei nostri doveri.
Come l'acqua estingue il fuoco cosi la memoria delle proprie colpe smozza il fuoco dell'ira.

"Laudi" p.104

Speranza e confidenza in Dio

"Sit autem omnis homo velox ad audiendum. tardus ad loquendum, et tardus ad viam" (Jm 1:19)

[page 290]
Se questa massima, questa norma di prudena sia a tutti diretta con quant6o maggior ragione e' diretta alle superiore delle comunita' religiose.

Il mezzo che ci auita ad osservare questa norma e' la fiducia, la speranza in Dio.

La speranza e' virtu' teologica a) perche' ha Iddio per suo oggetto primario - b) perche' da noi soli non possiamo acuistare uno tale virtu'.

Oggetto secondario: la remissione dei peccati - la grazia santificante - i lumi che ci mostrano la via da battere - la determinazione della nostra volonta' e turri altri doni sopranaturali che ci spignono ad operare il bene.

Il Profeta Geremia "Benedetta sia quell persona che confida nel Signore, ed in Lui se abbandona totalmente. Essa sara' simile ad un'albero piantato sulle rive di un fiume: quest: quest' albero stendendo verso l'aqua le sue radici non temera' l'ardore dell' estate, le sue foglie saranno sempre verdi, ne' mai cessera' di portar frutti" (Jr 17:7-8) Ecco quanto e' preziosa, ed utile questa confidenza in Dio - essa e' sorgente di beni - fornte di benedizioni - e' una felicita' anticipata in questo mondo - ed una felicita' preparatoria a quella che ci aspetta nell'altro mondo.

Difetti contro questa virtu'                 La superiora deve mostrarsi madre e non sovrana

1. Sperare poco - si manca per disperazione.
Cerchiamo di scoprire questa piaga - Eccovi una superiora quanto selo non spiega nei suoi primi tempi del suo superiorato, quanto le sembra di agguistare tutto, di rimediare tutto - tutti dicono che buona superiora - la novita' del luogo, delle persone, etc. Ai primi disinganni, alle contrarieta' che le vengono dai suoi suo ufficio le appare una MONTAGNA insormontabile e nulla vale a toglierla da tale scoraggimento. Cosa e' questo? E mancanza di confidensa in Dio. Da principio non e' posta abbastanza confidenza in Dio e questa fu la cousa, in principio dello scoraggimento.

Confidiamo in Dio ed allora il timore si cambia in fortezza, la debolezza diventa coraggio.

Difendiamoci da questo difetto, quando l'ufficio ci sembra grave, superiore alle nostre forze esclamiomo dal fondo del Cuore: "Deus in adiutorium meum intende. Domini ad adivinandum me festina". (Ps 69:2)

2. Per eccesso - sperare troppo - cadendo nella presunzione.

 

[page 291]

[Homily 112][17]

1. Si ricorda la Superiora perche' viene chiamata Madre, ed in tutte le sue azioni si deporti come tale.

2. Si ricordi che esse rappresenta Nostro Signore Gesù Cristro percio' nel comandare, ed insegnare sparga sempre tra tutti i membri della campagnia, fil buon odore di Gesu' Cristo. (2Co 2:15)

3. Si ricordi di dover governare piu' coi fatti, che colle parole, e tutte quelle cose che condannera'nei suop figli, nostri col suo diprtamento che non devono farsi, acciocche' predicando agli altri non sia fitrovata colpevole.

4. Si ricordi che nella Compagnia non deve fare differenza da persona. Non sia l'uno piu' amato dell'altro accetto quegli che trovera' migliore nelle opere buone, e nell'pbbedienza "Qua non est accepitatio personarum apud Deum". (Rm 2:11)

 

5. Si ricordi quanto l'ufficio suo sia difficile ed arduo, dovendo usare ora la serverita' del maestro ed ora l'afetto pietoso di madre. Ora infatti dovra' ammonire con figore gli indisciplinati ed inquieti; pra pregare dolcemente gli ubbidienti e pazienti, perche' vadono di bebe in meglio; ed ore dovra' correggere o con repressioni e con persuasioni adattandosi sempre alla capacita' di ognuno.

6. Si recordi di non dissimulare i peccati dei delinquenti, particolarmente se insigniti della dignita' dei Superiori, ma sempre con carita' tolge dalle radici per quanto pero', tutti i difetti e gli abbusi in sul loro primo nascere.

7. Si recordi di avere sempre grande premura, della salute, delle anime a se connesse, e di guardarsi dall' avere maggiore collecitudine delle cose transitorie, e caduche; e perche' non gli sia di pretesa la poverta' della Campagnie si ricordi di avere sempre grande fiducio nella Divina Prvidenza, perch' incoraggiate coloro che temono Dio.

 

8. Si ricordi che nel tremendo giudisio che Dio si fara' l' esame del suo governo, e dell' ubbidienza dei suoi sudditi, procuri pertantoche usare ogni deilgenza nel suo ufficio per poter in quel giorno dire col profeta al Signore "justitiam tuam non abscorde in corde meo, veritatem tuam et salutem tuam disci". (Ps 39:11)

9. Si ricordi che quanto e' piu' grande il numero dei suoi figli tanto maggiore e' la sua responsabilita', e che nel giorno del giudisio dovra, rendere conto delle anime loro non meno che della propria.

10. Cosi' temendo l'esame futuro del Pastore, circa le pecorelle a se commesse nel'emendare gli altri non manchear'di emendare ance se stesso.

 

Alle superiore Terziarie Francescane 1924
Cf. Regole delle Suore [Francescane del] Sacro Cuore # 8 pp 25-27.

 

[page 292]

[Homily 113]

Superior – subject relationship

I.          Motivo di Carità: "quia praeceptum Domini est" (1Co 14:37)

Quando ha il Signore ciò comandato? Nel cenacolo, dopo aver lavato i piedi agli Apostoli – Hoc est praeceptum meum ut diligatis invicem sicut dilexi vos[18] (Jn 15:12)

Tentazione della Superiora – Esempio di un Dio che si fa uomo (Mt 1:23) – sopporta fame, sete, stanchezza, povertà, ogni sorta di patimenti – guardiamo il crocifisso – la Superiora deve soffrire da tutti, anche dai sudditi più santi dice S. Vincenzo de Paoli.

Hoc mondo vobis ut diligatis invicem. (Jn 15:12) Ha voluto con queste parole il nostro cuore – e ci mette sott'occhio i motive di gratitudine, di riconoscenza – Sono natro per voi, ho sudato, ho pregato, son pronto per patire, e morire in croce, e sol questo vi domando.

Praeceptum novum do vobis ut diligatis invicem (Jn 13:34) – non già che desso non sia antico quanto il mondo, ma perchè doveva essere il contrassegno della legga nuova – "In hoc cognoscent omnes quod discipuli mei estis si dilectionem habueritis ad invicem." (Jn 13:35) I primi cristiani hanno accolto questo preceetto, tanto che negli Atti Apostolici troviamo "errant cor unum et anima una." (Ac 4:32)

 

II.          Motivo di Carità "Si hoc fiat sufficit."[19] È sufficiente per conseguire l'eterna salute – non è il solo precetto della legge ma chi ama bene il prossimo lo ama per Iddio, perciò non lo può amare senza amare Dio. Ed in questi due precetti ve è tutta la legge (Mt 22:40). – Una Superiora può essere esenta di fare penitenza, dagli atti comuni, ma giammai dall'amore ai suoi sudditi. David quasi prosegue la communità religiosa con quelle parole: "ecce quam bonum et quam jucundum habitare fratres in unum. Sicut unguentum quod descendit in barbam, barbam Aaron." (Ps 132:1-2) "Usque ad oram vestimenti" – nelle cose umane alcune sono buone ma non gioconde, dice il Bossuet, come l'annegazione di se, la mortificazione, l'adempimento di gravi doveri, ecc. ed altre sono gioconde ma non buone, come tutti i diletti sensibili appena escono dall'austera misura dell'onesto, mentre nella carità fraterna quelle due qualità vanno unite. La menzione di Aronne e dell'unguento effuso sul suo capo nell'atto di consegnarlo[20] (Ps 132:1), è recata come un semplice paragone per la copia e preziosità di quello, che si versava sul capo del pontefice in tale solenne circostanza, secondo che era stato prescritto dall legge (Ex 30:23-25) la quale determinare i quattro preziosi aromi che devono entrarvi – la copia poi vi è espresso dal fluire, che quello faceva dalla chioma sulla barba e da quella gocciava in sulla imboccatura della tunica (in oram vestimenti) (Ps 132:2).

 

È come la pace in un regno

È come la pioggia che cade sul terreno

Perchè si chiama Madre
Rappresenta Nostro Signore: deve spargere il buon odore di Gesù Cristo. (2Co 2:15)
Tutto lo stesso trattamento – Non est acceptabilis (:)
Ufficio difficile
Non dissimulare le mancanze, reprimerle o sul loro religioza
nell'ufficio
Deve rendere conto anche dei sudditi.

 

[page 293]

[Homily 114]

N.B. Bicca minn ittra[21]

 

restagna la soave regiada della misericordia e i copiosi revi della grazia. Ah - sorelle Dilette - che non sia, che non sia questo di noi reflettiomo stamani, che prima di ricevere il beneficio della vocazione, quanti e quanti altri beneficii si presuppongono l'esistenza - la nascita in grembo della Chiesa Cattolica - Battesimo - Confermazione - Eucaristia - Confessione - Voi avete voluto fuggire il mondo ed ecco che il Signore che il Sacro Cuore di Gesu' vi apre questo nuovo Istituto, appositament pre vio. Ed ecco che al ficordarci di tanti beneficii, ma sopratutto del beneficio grande della nostra vocasione noi sentiamo il nostro cuore aprirsi e springionare i sentimenti peu' teneri. Gratitudine, si, "Te Deum Laudamus". Si a Te ogni lode a te siano rese grazio. Ah si! Noi Te ringraziomo di tanti beneficii ma sopratutto di averci scelte per tue spose. Ah si o Gesu' fa che la vita che ci rimane sia tutta spesa nel ringraziarvi - In verita' come le Sante si fanno Sante, leggert, leggert le loro vite e le troverete un continuo inno di gratitudine e di reconoscenza verso Iddio, verso l'amato loro sposo Gesu' Cristo - Coltiate percio' Sorelle dilettissime la virtu' della gratitudine ed avrete corrisposto alla vostra vocasione ed avrete anche adempito il consiglio dell'odierno Vangelo "Estate parati". (Lk 12:40)

 

[page 294]

[Homily 115][22]

"Gaudete et exultate quoniam merces nostra copiosa est in coelis". (Mt 5:12)

Le ultime feste centinare Francescane ci hanno ravivato la memoria dell'ordine e delle vote delle Suore Francescane

La presenza di queste suor nella nostra Cappella stamani che fra qualche giorno stanno per lasciare patria compagne per recarsi, obidienti agli ordini refarsi, obbidienti agli ordini revevuti dai loro superiori, in una tera lontano ed ivi continuare la missione dil loro divino Maestro quanti fatti dolci e siavi non richiamano all nostra memoria.

Esse rechiamano al vivi al vivo all nostra memoria la Grotta di Betlemme e la casa di Nazareth ove Gesu' con Giuseppe e Maria ci danno la prima idea dell Costituzione della Chiesa.

Esse ci portano sulle reve Giordano e ci fanno ricordare le dolci parole dirette da Gesu' - ad Andrea e Simeone, "Venite post me" (Mt 4:19) i primi due Apostoli, e tutti gli altri con un semplice invito "Seguere me" (Mt 8:22) con quante generosita' non seguirono il Divin Maestro a formare la Chiesa.

Ed ecco raccolti insiemi i primi uomini su cui e per mezzo di cui Gesu' doveva instituire la Chiesa. Col linguaggio piu' semplice e piu' tenero egli revela loro i misteri piu' sublimi, conferma i precetti del decalogo egli annuncia alle loro anime, generose le strette vie dei consigli evangelici.

Ci fanno ricordare nei quaranta giorni che corsero tra la risurrezione e l'Ascensione al Cielo, di nostro Signore Gesù Cristo. Egli appare ai discepoli sulle rive del lago di Tiberiale ed istituisce Pietro a Capo della Chiesa "Petro ames me? Pasce, agnos, pasce." (Jn 21:15-17)

I dogmi (la dottrina) te li confido, in questo tesoro, vo sono i precetti che ho tanto promulgato e che soli possono manterere la pace e l'ordine in mezzo agli uomini, Il sangue versato sul calvario ascolta che apprendi l'uso che devi fare di tante recchezze.

A te d'attorno i popoli si agitano in mezzo alle tenebre delle loro miserie, man mano che finiranno saranno rimpiazzate da altre generazioni, anche esse maltrattate dalle stesse passioni vizi, delitti.

Sorgi e corri a questi disgraziati porto loro il lume della verita', le dottrine che salvano, i precetti che devono praticare, predica, evangelizza, spingiti fino agli estremi confini della terra e porta loro il mio sangue la mia vita.
"Euntes ergo docete omnes gentes" (Mt 28:19)

La concezzione dell'ordine francescano e tutte quanti dovuto all' idea missionaria sposata alla grazia Divina nella mente di Francesco.

Vi protate lungo non di conforti e cimidita' che offre il progresso civile, ma nelle vostre mancanze, nei vostri bisogni nell vostre privazione di ogni genere ricordatevi nelle parole di N.S. "Guadete et exultate quoniam merces vestra copiosa est in coelis." (Mt 5:12)

15 Ottobre 1927
prima della partenza del primo gruppo di Suore missionarie francescane per l'Abisinia - Istituto Fra Diego –

 

[page 295]

[Homily 116]

Prima di veder scelta questa pia e geniale abunanza, permettete Signori che io ringrazi vivament il Direttore, gli altri sacerdoti cooperatori, i Signori Catechisti e tutti questi bravi contenute in questo bello e ficco foglio.

Di natura sua l'animo mio figugge da ogni pompa e solennita. Onorato infatti anco una volta da Mgr. Arvivescovo dell' incarico di presiedere questa gara catechistica, non nascondo di aver accettato con una certa resistenza - pero' pra mi accorgo e di cuore posso dirlo, che e' stato per me un vero piacere il rilevare la floridezza, prosperita' e disperita' e disciplina sempre crescente di quest' Instituto d'Educazione Cattolica - E durante la gara dentro di me diceva e' proprio cosi' che si fa del bene alla Chiesa di Gesu' Cristo:vi e' infatti chi dice che per quanto importante e' il noviziato per un ordine religioso, per quanto importante e' un buon Seminaro per avere un buon clero; altrettanto e' necessario aver die buoni Istituti di Catechismo per formare dei buoni e ferventi fedeli, E la dicamo con sodisfazione che tra costoro ferventi fedeli, E lo diciamo con soddisfazione che tra costoro l'Istituto di San Giacomo tiene un buon posto importante e' un buon Seminario per avere un buon cler; altrettanto e' necessario aver dei buoni Istituti di Catechismo per formare dei buoni e ferventi fedeli. E lo diciamo con soddisfazione che tra costoro l'Istituto di San Giacomo[23] tiene un buon posto in prima fila.

Ed e' percio' che ia mi congratulo con tutti della felice riuscita della gara, mi congratulo naturlmente col Principe della gara, ma poi anche con tutti, hanno concorso con quella premura di prendere il pallio, come appunto ci raccomanda l' Apostolo nostro Padre San Paolo, "Sic currite ut cimprehendatur". (1Co 9:24)

Una parola di ammirazione e considerazione permettete che io la diriga al Maestro Diacono mio ultimo amico d'infazia, per avervi rallergrato questa nostra abunanza colle sue dolci, soavi e magistrale note.

Termino poi' coll' augurare al zelamente Mgr. Direttore mio carissimo Collega, ed a tutti i suoi collaboratori, una peziensa e lena sempre maggiore per lavorare e lavorare per la causa di Gesu' Cristo, che dopo tutto il tempo datoci e' "molto breve" (1Co 7:29), la vittoria finale' nostra; "portae inferi non prevalebunt" (Mt 16:18) ed il prmio restera in nostro possesso per sempre "in aeternum."

 

[page 296]

[Homily 117]

Alle recoverate del Buon Pastore C. Balzan
27 Marzo 1922

Importanza della Salute

Immaginatevi di vedere Iddio che vi presenta un sommo bene ed un sommo male e ne lascia la scelta al costro libero arbitrio.

Chiedete a Dio tale chiareza di mente che vi gaccia conoscere il grande affare di cui se tratta, e tanto forte risoluzione di volonta' da essere pronto ad agonizzare per l'anime vostra.

I

"Ibit homo in domum alternistatis" (Qo 12:5)

Questo e' articolo di fede – L'uomo destinato a vivere brevemente sulla terra, partendo da questa col morire, deve portarsi alla casa dell'eternità.

Come è detta quella dell'eternita' a differenza di questo mondo in cui dimoriamo. Questo e' luogo di passaggio, e'albergo. L'abitazione ferma e permanente e' nell'altro, e' nell'eternita', o nell' inferno o nel paradiso, cioe' o nella sfera d'ogni scontento lungi da Dio. Ond'e' che tanto l'inferno, quanto il paradiso e' casa dell' eternita. E percio' dovendo ciascun figliolo d'Adamo, secondo i suoi portmaenti dopo morte, avere la sua stanza, o nell' uno a nell'altro attimamente e detto che l'uomo andra' nella casa dell'eternita'.

            ETERNITA' - Dovete apprendere bene questo vocabolo di eternita', per ponderare da vero che gran cosa sia il dovere voi abitare nella casa dell'eternita', cioe' dstare eternamente o nell'altro ottimamente e detto, cioe' sempre, senza che mai ve ne abbiate a partire. Laonde e' vero che se dopo morte piombaste nell'inferno, ivi giavereste sempre sempre, senza sperare di mai partirvene - E se dopo la medesima morte vi troverete in paradiso, ivi pure sempre soggiornerete, senza temere di mai lasciarlo - A questi termini vi porta l' essere immortale che Dio vi ha dato, cioe' a vivere o seco sempre beato e non mai infelice, o coi demoni sempre dannato e non mai felice.

            Che vuol dire SEMPRE e MAI, meglio l'intenderete voi pensandovi, che io speigandovelo.

            Che direste se tanto l'eternita' del paradiso, quanto quella dell'inferno dependono da pochissimo? dal ladare, riverire e servire Iddio in questo brevissimo tempo che noi viviamo. E pure e' cosi'. Cioe' dall' attenervi nel vostro vivere, o alle scarse promesse del demonio, o ai leggeri comandamenti di Dio dipende inevitabilmente ogni vostro bene o ogni vostro male. Considerate la prima verita' nel seguente punto.

II

            IL DEMONIO promette ai suoi seguaci qualche poco di bene in questa vita; al quale i meseri credendo, e secondo le sue istigazioni operando, ai rendono degni dell' eternita' di peni dell'inferno.

            Promette, ho detto, anim mia, ai suoi seguaci qualch poco di bene. Perche' rare volte ottiene anche questo poco - il promettere finisce in parole ringuardati il tempo futuro, il wqquale nella vita dell'uomo e ' inartissimo, l'atternire appartiene al prsente, Ma in questo come d'ordinario sono delusi i seguaci el demonio! Nibit invenerunt in maribus suis.

[page 297]
            Perocche' il perfido vien sempre messo nelle sue promesse piguardati il meglio ed il piu' perche' non puo'. Sono forse in sua mano quelle recchezze, quei piaceri, e quella vita, delle quali si fa larghe promesse? No - sono in quelle di Dio e, percio' promette di quello d'altri e non del suo. Promise che sarebbero Dei "Eritis sicut Dei" (Gn 3:5) e fu una solenne menzogna. Talche apparisce che le sue promesse sono fordi degne di chi e' padre della bugia - Ma intanto con questo promesse quanti inganna! quanti lo servono! Quanti precipitano nell'eternita' dell'Inferno! O che poco assai sono le promesse di diaboliche! O che molto sono le pene dell' inferno! Andate avanti e descorrete cosi'.

            Quando alle promsse corrispondessero i fatti che otterresto alla fin fine? niente piu' che beni transitori. La durata dei quali se be fosse di mille anni se dopo ne deve seguire il fuoco infernale ed eterno; ah! dite e direte bene con San Luigi Consaga: "quid haec ad poenem aeternam? che proporzione corre tra le delizie e tra le grandezze dell' universo godute mille anni, con l'eternita'di milioni e milioni di secoli senza fine e tutti in pene? Tanto e' tenue la proporzione, che non ve ne ha alcuna. Quid prodest homini, si universum mondum lucretur, animae vero suae detrimentum patiatur? (Mt 16:26) E con tal cognizione delle fallaci speranze che vi da il demonio, le accetterete? E la crederete grandi cose e tali che per esse sia bene accettare di penare per tutta l'eternita' nell'inferno? Ah! che non solo non e' bene ma e' solenne pazzia il pure badarvi.

III

            Il Signore poco richiede da noi imponendoci l'osservanza dei suoi cimmandamenti in quest vita, con sicurozza di avere a conseguire nell' altra leternita' del Paradiso. Ah! se vi contorvete sopra di cio'voi mi scandalizzate, e mostrate di non dapere qual bene vi si offra nel dirvi eternita' del Paradiso. Ella e' godimento di Dio, e d'ogni bene, che senza mescolamento de verun male sempre durera' e mai non manchera'. Ditemi percio'. Che cos'e' l'osservanza dei cimandamenti per conseguire tanto mercede? Eh che e' poco e' pochissimo e nulla. "Pro nihilo habuerunt terram desiderabilem" (Ps 105:24) ci puo' dirsi di tutti i beati nel cielo. Non vi gravate percio' di quel poco che Iddio da voi rechiede per quest beatitudine. Aggungete peuttosto quest ponderasione.

            Quando vi obbligaste a tutte le austerita' dei romiti, a tutte le soggessiosi dei religiosi, a tutte le macerazioni dei penitenti, a tutti i tormenti die martiri ancor sarebbe poco. Per "quid haec" che cosa hanno a fare tutte queste cose per cosi' breve tempo "ad vitam aeternam" Tutto e' poco, tutto e' pochissimo, tutto e' nulla. Vedere Iddio, essere beato della sua stessa beatitudine, contemplarlo faccia a faccia, senza velo, senza immagine in se stesso, sempre sitibondi di piu' conosculo e sempre saziati, sempre sazi e sempre satibondi. Come dunque vi parono gravi i comandamenti. L'annegazione delle male voglie. La mortificazione delle male voglie. La mortificazione del vostro corpo, il servizio di un Dio che gli angeli stessi reputano sono amore? Dal ricordatevi che la promessa fattavi e', la beatitudine eterna - Si tratta alla fin fine di un servizio che non dura che questa vita.

[page 298]
            Una donzella convertita dal protestantesimo al cattolicesimo che e' morta or son quatro settimane spesso diceva "Quanto e' buono Gesu' e se lo avessi amato da sempre o quanto siete fortunati voi che lo avete amato da sempre - e nella sua malattia quanto tutto sopportava con pazienza pur di sapere di servire di amare Gesu' (Violetta English)

            Dunque anche noi serviamo Dio amore in Gesu', fuggiamo il peccato e ricordiamone che ogni punizione, ogni mortificazione e' poco quando sappiamo di lavorare per la salvezza dell'anima propria che consiste nell'eterna beatitudine.

Casa
Eternita',
Mai sempre

 

Promesse del demonio

Che non attiene sono di poco valuta promessa di Adamo ed Eva (Gn 3:5)

 

Richieste del Signore
Promessa del paradiso eterno
Romiti, religiosi, penitenti, martri
Vedere Iddio - faccia a faccia, sazi e Satibondi

 

[page 299]

[Homily 118]

Alle Collettiva dell' O.B.M.[24]

"Ibit homo in domum aetermitatis" (Qo 12:5) - Uno squardo al mondo.

Casa e'detta l'eternita' a differenza di questo mondo.

Eternita' stare eternamente in paradiso o nell' inferno.

Sempre e mai             dipendono da pochissimo.
                                      Dipendono da un momento

 

Promette

Il Demonio
un poco
ma e'infedele
ma niete e suo
e poi fine eterne

Iddio
Comandamenti, e promesse
Godimento di Dio
Ogni bene
Nessun male

La porta e' la Morte

e' certa "statutum ist himinibus semel mori" (Hb 9:27)

e' fine di tutto il sensibile recchezza, bellezza, santita', piaceri nascosto nel silenzio e tenebre dil sepolcro.

e' vicina. Il Demonio ci fa sperare di vivere lungo come a quel ricco del Vangelo "in annos pruimos" (Lk 12:19)

Iddio             "Memor isto quoniam mors non tardat." (Si 14:12)
                     "Qua hora non putatis" (Lk 12:40b)
                     "Stimulus autem mortis peccatum ist" (1Co 15:56)
                     "Estote pavati" (Lk 12:40a)

Importanza di parla bene

La piu' bella fra le grazie.
La piu' importante. "Quid prodest homini si ... animae vero suae detrimentum patiatur" (Mt 16:26)

"Kexkixhom bil-ħsieb ta' dnubiethom l-imgġoddija; iżda biex jindmu minnhom u biex jibkuhom bħal S. Pietru (Mt 26:75) u mhux biex jaqtgħu jieshom bħal Ġuda mill-ħniena ta' Alla (Ac 1:18)" Talba.

 

[page 300]

[Homily 119]

"Pie Jesu Domine dona eis requiem"

La Chiesa nella Sua Liturgia.

Scopo

Cos'e' che stamani per tempo ci ha protato qui? Cos'e' che ci ha fatto prender parte in questo devoto pellegrinaggio? Noi siamo qui' vinuti per pregare te O Gesu' con oiu' fervore a favore della anime pruganti, "Pie Jesu Domine dona eis requiem".

 

Esse sono amime sante, esse sono eredi del regno die cieli nessuno e niente puo' loro privare di questa eredita' - Esse sono anime adorne di pazienza (sabar) - Esse sono amime rassegnate, unite alla vostra santa volonta' - Per quanto a Gesu' tu ti deporti con loro quale giudice inesorabile (qalil) ed esse reconoscono di aver meritati i tuoi castighi, purtuttavia ti amano quel padre il piu' tenero (ħanin) "Pie Jesu Domine dona eis requiem".

Chi sono

Esse sono anime della nostra famiglia, esse sono amime dei nostri genitori, sono anime dei nostri fratelli, sono snime die nostri amici, per noi sacerdoti sono anime dei nostri figli spirituali, sono anime dei nostri penitenti, a quante volte mentre in vita noi col segno (radda) della croce li abbiamo sciolti dei loro peccati; i adesso ascoltati o Gesu' pietoso "Pie Jesu Domine dona eis requiem". Si da loro riposo.

Pena del danno

Per poter comprendere in qualche modo la prima pena che le amime pruganti soffrano bisogna rifflettere che la privazione di un bebne e tanto piu' dolorosa quanot piu' questo bene e' eccellente in se stesso, quanto piu' ha diritto al bebe stesso, quanto piu' e' ardente la brama di goderlo. - Ora il bene di cui le amime purganti sono private e' Dio stesso. Dio, centro i pienezza (mili) di ogni bene. Dio che essi hanno diritto di possedere pei meriti del Sanque di Gesu' Cristo - Dio del quale, essendo separate dal corpo, hanna veduto assai piu' di quando erano ancora in terra.

- Percio' esse si slanciano con tutta forza verso il centro del loro amore, ma ah! quanto soffrono nel sentire la mano dura (kiefra della giustizia tenerli indietro) "Pie Jesu Domine dona eis requiem".

I loro lamenti

Si! O Gesu' senti i loro lamenti (tnehid) essi col profeta reale David ti vanno dicendo "Sicut cervus sitivit ad fontes aquarum, ita anima mea desiderat ad te Deus" (Ps 41:2), "Pie Jesu Domine dona eis requiem" o Gesu' misericordioso satiateli (haffilhom) questa sete ardente del tuo amore. "Quando veniam et apparibo ante faciam Dei" (Ps 41:3) (quando sara' mai che io verro' e ti potro' vedere faccia a faccia. Ora con Giobbe "Miserere mei quoniam prolungates est molatus mens". (Ps 119:5) O Gesu' ti prenda pieta' di noi che il nostro esilio si sta prolungando - E noi con loro ti ripetiamo. O Gesu! misericordioso da loro il riposo. "Pie Jesu Domine dona eis requiem" "Ubi sunt misericordiae tuae antiquae" (Ps 88:50)

Noi siamo la speranza delle anime pruganti

F.D. Le anime purganti nella loro estrema meseria non hanno altre speranza che in noi. Finche' ci troviamo in questo mondo se ci capita (jekk nekghow) la miseria recorriamo al lavoro ed il tozzo di pane ci viene dato; se siamo incapaci al lavoro ricorriamo all'altrui carita' e la troveremo con noi, se siamo malati preghiamo e ricorriamo a Dio ai Santi ed in modo o l'altro restiomo consolati. Ma alle anime purganti tutto manca, nulla hanno di questo, a chi infatti ricorreranno nei loro patimenti; alla misericordia di Dio, ma il regno della misericordia e' finito per loro, ed ora non sentono che la giustisia; che esige da loro il pagamento del loro sentono che la giustizia; che esige da loro il pagamento del loro debito - A chi ricorrono ai loro meriti? ma per loro il tempo di meritare e' finito - A chi ricorrono alle anime che al pari di loro sofforno nel Purgatiorio? Ma anche essa al pari di loro sono
[page 301]
incapaci - Solo noi possiamo aiutarle e percio' se manca la nostra carita', alle anime purganti manco tutto. Infatti noi non possiamo vedere le lore lacirme, esse non ci possono far sentire i loro lamenti. Perche' oggi quali figli fedeli della Chiesa ascoltiamo le parole di Giobbe e che la Chiesa mette sulla loro lingua. Miseremini mei, miseremini mei saltem vos amici mei (Jb 19:21) - Abbiato misericordia di noi, almeno voi amici nostri.

Momento prezioso della Messa

Si, F.D. adesso in questo momento solenne della celebrazione della messa - adesso quando Gesu' e' pronto di venire in persona a farci la sua cara visita - adesso i' il momento - il suo sangue e' qua' sull' altare e reclama quelle anime purganti come prezzo del suo preiosissimo sangue. Si! questo e' il nostro momento a favore delle amime, il cuore della messa. Santa Monica sul punto di morire disse a coloro si stavano d'intorno "Non pensate al mio corpo, fate dello stesso quello che vi piace, ma ficordatevi di me all'altare del Signore" vuol dire nella messa durante la messa.

Ultima

E voi O Gesu' amore nostro, Dio nostro, versate in abbondanza questo sangue sulle fiamme del Purgatorio. Voi avete promesso di ascoltare (li tati widen) le preghiere del vostro popolo. Eccoci dunque dinanzi a voi prostrate, come ci troviamo raccolti da Hamrun e di C.Curmi; fate che il vostro cuore si commuova (ticciaqlaq) alla preghiera che unitamente alla Chiesa e tutti inesieme (dite con me) vi facciamo "Pie Jesu Domine dona eis requim."

 

[page 302]

[Homily 120]

Is-Suffragju ghall-mejtin

Pellegrinaggio tas-Samra al Camposanto

Nov. 1930

            Un fine nobilissimo, D.F. - vi ha fatto stamani uscire di boun' pra dalle vostre case e vi ha radunato sotto il manto della Vergine Santissima Onorata sotto il titlo "minn tas-Samra" - Un fine catolocissimo ci ha qua' condotti in questa citta' dei nostri cari morti in devoto pellegreinaggio.

            Se per in istante ci riunisse per penetrare il nostro sguardo entro quella carcere che noi conosciamo col mome di purgatorio. Oh! quale vizione si presenterebbe ai nosti occhi. Le anime separate dal corpo, perche' ancora non sono sufficientemente purificate dalle macchie die lora peccati, commessi duurante la loro viat mortale, si dibattono (jitħabtu) ancora tra le feamme tra le pene le piu' crudeli (l'aktar ħorox); esse soffrano la privasione (iċ-ċaħda) della vizione beatifica e questa privazione e percio' si sentono naturalmente attratte verso il centro dell'amor loro Dio, ma una mano inesorabile di ferro le tiene avvinte a quel mare di fuoco i di dolore.

            E mentre una tale vizione travasi ancora sotto ai nostri acchi, parliamo a quste anime, dirigiamo a loro questa domanda - E' mai possibile che voi che vi trovate questo luogo di salvazione, viatato ogni sabato dall Vergine Santissima, Regina degli angeli, Regina di dutti i Santi, Regina e madre nostra, Regina a madre di Dio, Mafre di ;misericordia, e' mai possibile che non avete in mano vostra altro mezzo fuorche' il patire, per rendervi degni del Regno dei Cieli? - Ed a questa nostra unanime, e con una sola parola secca, secca, che ci ferisce (tinfdilna) il cuore, "NIENTE" possiamo noi fare se non il solo patire, - le pene piu' forti sono qua' il nostro pane quotidiamo.

            Ad una tale risposte non abbiamo F.D. che confonderci, non abbiamo che addolorarci, anzi al contrario abbiamo nella nostra chiesa di che consolarci (xi ifarraġna) perche' se quelle anime nula possono fare per se medesime, molto possiamo fare noi, anche tutto possiamo fare moi in loro favore. Si! F.D. esiste in seno alla chiesa Cattolica, esiste un mezzo esiste un mezzo per abbriviare il tempo della pena delle anime purganti, esiste un mezzo per liberare queste anime da quesa loro carcere, e questo mozzo Dio, per cosi' dire c'ha tolto dalle mani. Questo mezzo e' il Suffragio.

            Per poterci aiutare l'un l'altro e' necessareo vivere in societa' (irridu inkunu imxierka flimkien) ed appunto noi che abbiamo la sorte e la grasia de essere nati e di vivere in grembo alla chiesa Cattolica, siamo illuminati dalla stessa dottrina di Gesu' Cristo, abbiamo la stessa fede in Gesu' Cristo, abbiamo la stessa speranza nei meriti del Sangue di Gesu' Cristo; e queste stessa fede questa stessa speranza ci uniscono insieme (ixirkuna flimkien), e tutto insieme nell'attuale stato di prova formiamo la Chiesa Militante - Per mezzo poi della Carita', per mezzo dell'Amore di Dio, noi non solo ci troviamo sempre maggiormente uniti tra di noi, ma siamo anche uniti ai beati del Cielo, che formano la Chi sa Trionfante, per mezzo della carita' noi ce troviamo uniti alle amine, che penano nel purgatorio, e che formano la Chiesa Purgante - E come (kif) noi siamo al dire di
[page 303]
San Paolo "i famigliare di Dio e i concittadini dei santi" (Ep 2:19) cosi' pure siamo gli amici e fratelli de quelli che trovansi nel Purgatorio. E come noi otteniamo grazie per l'intercessione dei Santi, cosi' le anime purganti possono venire soccorse dall'apranostra, dal nostro suffragio.

            Percio', gloria a voi F.D. - perche' per mezzo di questo pellegrinaggio, per mezzo della vostra preghiere, per mezzo della vosto suffragio. Ma attenti adesso qua', qua, sull' altare vi e' il sommo suffragio. Si! Gesu' Cristo nel Sacramento dell'Eucaristia si mette a nostra disposizione. Si! in questa nuova vita, in questa nuova forma di esistenza fra di noi sulla terra, Gesu' Cristo e' siempre pronto a donarsi a noi; Gesu' Cristo continuamente si immola pre noi. Ed e' appunto da questa donazione di Gesù, ed è appunto da questa immolazione di Gesù che noi dobbiamo approfittare a vantaggio della anime dei; nostri morti.

            Gesu' Cristo si dona - sotto le specie del sacramento infatti Gesu' Cristo viene a noi, posa sulla nostra lingua, entra nel nostro petto... Non siamo noi che viviamo ma e' Gesu' Cristo ci trasforma (ibiddilna) in se stesso - " nei ego mutabor in te, sed tu mutaberis in me" (Ga 2:20) - Trasformati in Gesu' i meriti del suo sangue sono nostri. Ed e' in quel momento cosi' caro (hekk għażiż) F.D. che noi possiamo presentarci al trono di Dio e riscattare dal carcere del prugatorio le anime kie nostri morti offrentogli in prezzo lo stesso suo unigenito. Noi non andiamo piu' a mani vuote al trono id Dio, ma gli affriamo lo stesso suo Figlio, quel, quel Figalio che in un eccesso di amore si e' donato tutto a noi.

            Gesu' Cristo si immola - Un giorno sulla croce Gesu' Cristo coll'effusione del suo sangue (bit-tixrid) si e' fatto vittima per nostri peccati e per quelli di totto il mondo. Nella celebrazione della messa colla rinnovazione dello stesso sacrificio, il sangue di Gesu' si metto nuovamente a nostra disposizione e con quel sangue le porte del cielo si aprono, quando Gesu' scende sull'altare, qaundo il sangue di Gesu' sta in mano del sacerdote, ed alcune forse mentre la campana, ci annuziava ancora la presenza di Gesu', son gia' passate accanto a noi a ringraziare Iddio con noi, e se avessiamo avuto la sorte di Santa Geltrude forse le avemmo vedute quali stelle luminose avviarci al paradiso.

            Ecco dunque - F.D. - se e' stato cattoloco il fine del nostro pellegrinaggio, perche' per lo stesso abbiamo fatto la professione piu solenne in una delle verita' piu' care che conserva la nostra chiesa quale e' la comunione dei santi.

            Ecco dunque - F.D. che e' stato nobilissimo il fine che ci qua' portati stamani perche' per mezzo delle nostre preghiere ma soprattutto per mezzo della celebrasione della Messa, per mezzo dell'attendenza alla stessa, per mezzo della nostra comunione sbbiamo versato in abbondanza sulle anime purganti il nostro suffragio.

 

[page 304]

[Homily 121]

Pellegrinaggio al Campo Santo

 

Page 1.

Gloria a voi che col pellegrinaggio, colle preghiere siete venuti per assecondare i voleri della Chiesa.

Sante amime sue suddite trovarsi nel Purgatorio. Solo noi possiamo auitarle.

Colla vostra Comunione, oh! Che bel favore, colla vostra Communione voi siete venuti per suffragare l'anima di tanti in purgatorio.

Page 2.

Fede crediamo fermamente all'esigenza di un luogo di apimento ove le amime dei defunti sono trattenute dalla giustizia de Dio per qualche debito di pene non ancora soddisfatte.

Vi crediamo presente nell'Ostia.

"Adauge nobis fidem". (Lk 17:5)

Page 3.

Mentre Gesu' e' unito a noi ecco il momento.

Gesu' che risuscita Lazzaro. (Jn 11:38-44)

Quello stesso Gesu' che risuscito' Lazzero, verra' fra poco nella Casa dell'anima vostra.

Preghiamolo, per cio' per le anime vostre piu' care, genitori, fratelli, sorelle, amici.

 

[page 305]

[Homily 122]

L'ultimo dell'Anno

Un anno corto. La vita e' composta da tanti anni corti.

Un anno quanti cambiamenti - ragazze entrate, ragazze uscite

Un anno e che tesoro di grazie, messe comunione. La comunione ritiro pasquale. ritiro San Francesco

Forse abbiamo ricevuto tanti soccorsi spirituali che basterebbe a santificare una lunga vita.

Un anno - quanti abbusi di grazie - quanti difetti, quanti peccati - oh! anno breve dai nostri difetti quanto ci sembra lungo - disubbidienza vanita', risposti mancanza di risposti mancanza di respetto.

Ringraziamo Dio dei suoi benefici. Onore, lode, e gloria a Dio, per noi pentimento e propositle buone pel futuro.

Come spesso l'anno, in virtu' o in peccati. "Videte fratres, quomodo cante ambuletis, non quasi incipientes, sed ut sapientes, redimentes tempus." (Ep 5:15)

Quanto bene potevate fare a non l'avete fatto?
Quel poco bene potevate fare e non l'avete fatto?
Quel poco bene che avete fatto come l'avete fatto?
Quanti peccati/ disubbidienza, risposte, gravi disgusti mal esempio.

"Nolo mortem imous, sed ut convertatur a vis suis, et vivat" (Ezk 18:32)
"Tempus non est empluis". (Rv 10:6)
"Venit nos quando nemo potest operari" (Jn 9:4)
S. Antonio I dannati darebbero tutti i tesori del mondo se potessero avere un sol momento per pentire e salvarsi"
Isanti farebbero assai piu'.

 

[page 306]

[Homily 123]

Gratias agamus Domino Deo nostro
Dignum justum equum, salutare, semper et ubique gratias.
[25]

I. Iddio ci ha dato un anno di tempo come l'abbiam impiegato. Lensi il pittore greco tanto attento nelle sue pitture un cittadino vedendolo gli rechiede perche' non ti contenti mai della tua pittura. Riposa "aeternitatem pingo".

II. I benefici di Dio.
Tu eri David (desse Iddio per bocca di profeta Matteo/Natham). (2S 12:7) Tu eri misero partorello. Et ego senza alcun merito per mia bonta' Ego vinse/unxi te in regem.

O Signore! Autore della vita e della morte, o Padre nostro, o Redentore nostro o Giudice a te salga la nostra preca. Sia essa l'espressione del nostro pentimento per le nostro colpe. Sia essa l'animo digratitudine per tanti benefici recevuti durante l'anno.

 

[page 307]

[Homily 124]

Uno sguardo indietro troviamo grasia e benefici.

Come abbiamo corrisposto con questi benefici.

Se con offese? Abbiamo servito Dio.

-facciamo l'esame di coscienza di tutto l'anno.

S. Paolo - "Videte fratres, quomodo cante ambulitis, non quasi incipientes, sed ut sapientes, redimentes tempus." (Ep 5:15)

 

Quanto bene abbiamo potuto fare e non fatto comunioni comunioni? Messe? Visite ben fatte?

Il bene fatto come l'abbiamo fatto

(L'immodestia cresciuta)

 

S. Luca - Il padrone che dopo tre anni non trova frutto nell' albero lo toglia e lo getto al fuoco. (Lk 13:6-9)

 

S. Agostino. Sero te cognavi. sero te amavi.

 

[page 308]

[Homily 125]

Primo Giorno

i.        Introduzione
ii.       Fine ultimo
iii.      Fine delle Creature
iv.      Indifferenza

Secondo Giorno

1.      Peccato mortale
2.      Peccaro Veniale
3.      Inferno
4.      Misericordia

Terzo Giorno

1.      Regno di Gesu' Cristo
2.      Nascita di Nostro Signore Gesù Cristo
3.      Poverta'
4.      Misteri sulla Croce

 

Quarto Giorno

Eucaristia.

 

[page 309]

[Homily 126]

Orario

Sera precedente

7.00       In Cappella - Introduzione: Vol. 1 Page 4 - Rosario - Cena - ritiro in camera - tempo libero.

9.15       In Cappella - esame

Ogni Mattina

5.00       Levata

                               Terzo giorno           Il Crocifisso               vol 1 p. 384

5.15       Meditazione       Secondo giorno     Sull'Inferno                 vol 1 p. 85

                                           Primo giorno           Il fine dell' uomo        vol 1 p. 21

6.15       Messa          Colazione e tempo libero

8.15       Lettura spirituale

10.00    Meditazione       Primo giorno        il peccato punito                     Vol 1 p. 50

                                           Secondo giorno   Del Regno di Gesu' Cristo    Vol 1 p.170

                                           Terzo Giorno        Dei tre gradi D'umilta'            Vol 1 p.262.

11.00    Riflessione in camera e tempo libero

11.45    Esame

12.00    Pranzo e tempo libero

 1.30      Ritiro in camera - riposo o lettura di un libro spirituale

 3.00      Visita - Via Crucis - Riforme e considerazione sulla stessa.

                                    Primo Giorno -          La Confessione                        Vol 2 p. 98

                                    Secondo Giorno -     Per bene meditore                   Vol 2 p. 108

                                    Terzo Giorno -           Regole per ordinarsi ne vitto   Vol 2 p. 236

[page 310]
 4.45      Passeggio all' aperto sul terrazzo in silenzio e recita di S. Rosario in privato.

 6.00      Meditazione       Primo Giorno          I peccati proprii                     Vol 1 p.58

                                           Secondo Giorno     I due stendardi                      Vol 1 p.238

                                           Terzo giorno           L'Amore di Dio                     Vol 1 p.443

 7.00      Riflessione

 7.45      Tempo libero

 8.45      Rosario - cena - ritiro in camera - tempo libero

 9.15      In Cappella - esame.

Mattina di Chiusa

              Meditazione - Della Santissima Eucaristia - Vol 1 p. 347

 

[page 311]

[Homily 127]

Introduzione Accolini p.3
Verb iii 7 16

 

1. Principio e fondamento. Parte I Ac p. 9.12

 Desposizioni per ascoltare con frutto la parola di Dio

 Pred. Catt. p.25

 

2 Principio e fondamento. Parte II Ac pag 15a 19

 Imped dell'Indifferenza p. 32

 Prefezione religiosa - Pred. Catt. p.28

 

3 Dei tre peccati Ac pag. 5) Peccati propri p. 58

 Peccati veniali.

 

5 Inferno dei sensi Ac. p. 84 Inferno dell'anima Ac. p.80

 (,) Trepidezza Ac p.79

 

4 Strage che fadel corpo la morte Ac. p.122

 Obbedienza Pred. Catt. 107

 

7 Nascita di G.C. Ac p. 208. Venuta al tempio

 Ac. 234 Ac 231 (?)

 Castita' e Poverta'

 

8 Dell'imitazione Ac 183

 Imitare Gesu' sull croce ac. 284

 

6 Misericordia di Dio. pred. Catt pag 132 Ac p.148.

 vita esteriore e condotta irriprensibile Pred. Catt. p.

 130

 

Conclusione Brama dell'amor di Dio Ac. p. 443 "Gloria del Paradiso" Ac p.440

 

[page 312]

[Homily 128]

Introduzione

          Sera precedente:        Importanza degli Esercizi

          venerdi 19 dicembre

          6.00 am              1 Meditazione                       Fine dell'uomo
          10.00 am            2 "                                           Fine delle Creature
          3.30 am              3 "                                           Dei castighi del Peccato
          6.00 pm              4 "                                           Il Peccato Veniale

          Sabato, 20 dic

          1 Meditazione    La morte
          2 "                        Giudizio
          3 "                        Inferno
          4 "                        L'Eternita'

          Domenica, 21 dic

          1 Meditazione    Due stendardi
          2 "                        Incarnazione
          3 "                        Vita privata di Gesu'
          4 "                        Vita pubblica di Gesu'

          Lunedi, 22 dic

          1 Meditazione    Il sacrificiio dell'Eucaristia
          2 "                        La Passione
          3 "                        Il Crocifisso
          4 "                        Dolori di Maria

          Martedi, 23 dic

          1 Meditazione    Resurrezione
          2 "                        Il Paradiso
          3 "                        Amor di Dio
          4 "                        Il frutto degli Esercizi

 

[page 313]

[Homily 129]

Ritiro Spirituale
fatto alle Suore dell'Istituro Nuzzo Hamrun
Dal 22 al 31 agosto 1921

Lun. 22 ag.         I Introduzione
(Lettura Kempis Lib 1 cap XX)
la Religiosa - Solotudine
(Lettura - La Religiosa - Solitudine p. 8 cap II. p. 27 cap VII)

Mar 23                Il Fine dell'uomo.                     Parte I Ac. p. 9 e 12 III
Fine delle creature.                 Parte II Ac. p. 15 e 19
Imped. dell'indifferenza          p.32.
(Lettura p. 71 governo dei sensi esame. si legga lentamente).

Mar 24                (Lettura pag. 74 grav del peccato mortale).
IV dei tre peccati. Ac. pag. 50
peccati propri pag. 58
V Dei peccati veniali. Ac. pag.75
(Lettura. Governo delle passioni o pag. 116 lentamente)

Giov 25               (Lettura O sopra la morte pag. 119)
VI Strage che fa del corpo la morte. Ac p. 122
VII Tiepidezza Ac p 79
Lettura - religiosa relassata - religiosa fervente martedi pag. 124

Ven 26                (Lettura Penitenza e mezzi per acquistarlo pag. 136 e 140).
VIII Inferno dei sensi; pag; 85 dell'anima Ac. p.90
IX Il figliol prodigo Ac. pag. 148.
(Lettura - Delle speranza e mezzi per acquistarla p. 92 e 95)

[page 314]
Sab. 27      (Lettura - Sopra la vocazione religiosa p.298)
X Regno di Gesu' Cristo
XI Nascita di Gesu' Cristo.
(Lettura - Pastori? Circoncisione? Magi)

Dom 28              (Lettura - Fino al 12 anno)
XII Venuta nel tempio
XIII Tre classi di uomini.

Lun 29                 XIV Tre modi e gradi di umilta,
XV Eucaristia

Mar 30                XVI misteri avvenuti sulla corce
XVII Contemplazione per ottenere l'amore di Dio

 

[page 315]

[Homily 130]

Primo Giorno

1.      Introduzione e Fine dell'Uomo
2.      Fine delle Creature (AC. p.15) (p. 19) (p 32)
3.      Peccato mortale (p. 70)

Secondo Giorno

I.        Peccati Veniali
2.      Applicazione dei sensi alla morte
3.      Il Figliol Prodigo
4.     

Terzo Giorno

1.      Il Regno di Gesu' Cristo
2.      Il Crocifisso
3.      Eucaristia
4.      Amore di Dio.

 

[page 316]

[Homily 131]

I                       Introduzione e fine [dell'uomo]
II                       Orribili danni del Peccato Mortale
III                      Dei tre peccati e peccagi propri
IV                     Peccati veniali – Tiepidezza
V                     Strage che fa sil corpo la morte
VI                     Misericordia
VII                    Il Crocifisso
VIII                   Amore di Dio – Eucaristia

Fine [dell'uomo]
Quello
Domanda e risposta
Non confonderci perche abbiamo il mezzo il
Per aiutarci dobbiamo essere - societa'
Dunque fortunati noi.

 

[page 317]

[Homily 132]

I              Introduzione e fine [dell'uomo]

II              Orribili danni del Peccato Mortale

III             I tre peccati

IV            Che fa del corpo la morte

V                        Il figliolo prodigo

VI            Vita di Gesu'

VII           Crocifisso

VIII          Eucaristia e Amore

 

[page 318]

[Homily 133]

Introduzione

Fine [dell'uomo]

Fine delle creature

Il peccato

Dei tre peccati

 

Morte

 

Misericordia

Vita di Gesu' dal 12 a 30

Eucaristia

Amore di Dio.

 

[page 319]

[Homily 134]

Introduzione

"Si scires donum Dei". (Jn 4:10) Gesu'... stanco dal cammino (dalla Galilea e percio' doveva passare per la Samaria) sedeva cosi cosi' in sulla fontana di Giacobbe. Venne una donna ad attingere acqua Gesu' le disse "Dammi da bere" (che i suoi discepoli transiti nella citta' a cimprare da mangiare). Ma la donna samaritana gli dissa: "Come mai' tu essendo Giudeo, chiedi dda bene a me domma samaritana?" Percio che i Giudei non trattano coi Samartiani: Gesu' respose e le disse "Si scires donum Dei," e chi e' quegli che ti dice: Dammi da bere Lei forse gliene avesti chiesto ed to avrebbe dato dell'acqua viva. Chi beve di quest'acqua non avra' piu' sete in eterno - Anzi l'acqua che io gli daro', diverra' in lui fontana di acqua, che zampilla in eterna vita." (Jn 4:1-26) Infatti quest vita siamo colla fede e speranza e percio' colla realta' del fatto. Grazia singolare forse l ultima - tempo che noi - sentiremo risorgere.

quanti imperfezioni nel passato da riparare.
Quanti cose da correggere nel presente
Quante cose da prevenire nel futuro
"Qui sanctus est sanctificatum aduc" (:)
"Sancti estote sicut et pater vester sanctus est." (Lk 11:44)

Passato le confessioni? poca o nessun penitenza, dolore? sincerita' di proponimento - Communioni?
Peccati e Sagramenti

Presente. Occupato troppo del mondo, quasi vi doaete restare sempre - osio di Dio dell'anima
[page 320]
dell' eternita' - Quali i vostri affetti? La Vostra opere? passioni sfrenate. Abiti inveterati. Peccati senza numero.

Futuro Non e' necessario esser profeta per sapere cio'che l'aspett ta, se andate innanzi cosi' qualis vita finis ita - Un fiume quanto piu' s'ingrossa tanto piu' diventa difficile per guardarla.

 

Fine dell'uomo      "Homo creatus est ut Dominum Deus laudat etc."[26]

Introduzione:- Senza principi non si impara ne una scienza ne un'arte

I.          Origine - non io - non i genitori - dunque creato da Dio - dalla ragione - dalla fede "Creavit Deus hominum". (:)

 

[page 321]

[Homily 135][27]

1. Non per uso o complimento ma con desiderio di cavarne frutto.

2. Puramente alla sostanza e non alla forma.

3. Non pe udire cose nuove ma per udire e rinfrescare la memoria di cose gia' note.

4. Ciascuno lo prede detto a se e non ad altri.

5. Si parla contro un difetto non perche' ci e', ma perche' non ci sia.

6. Tale in mente che e' cibo dell'anima.

 

[page 322]

[Homily 136]

Ite et vos in vineam meam (Mt 20:1-16)
La Parabola del Buon Padre di Famiglia

che un giono ando' varie volte sulla piazza a prendere degli operai a lavorare nella sua vigna.

la         volta di buon mattino.
2a        verso le nove
3a        intorno al messodi
4a        presso le ore15
5          verso le 17 (un'ore di lavoro)

"ite et vos in vineam meam." (Mt 20:7)

Questo e' una figura di quello che il Signore va facendo con voi in questo istante
- ogni anima e' una vigna del Signore
- a togliere l'erba cattiva - ogni peccato - alberi cattivi - male abitudine - mettervi piante buone - la virtu'

Eccellenza degli Esercisi Spiritwali

{Grazia singolare
{Grazia forse l'ultima
{tempo che Dio dedica a noi
ad alcuno dire
Adam ubi es? (Gn 3:9)

Adolescens tibi dico surge al figlio della vedova di Nain. (Lk 7:14)

Festina et salvare l'angelo a Lot prima dell'incendio di Sodoma (Gn 19:22)

Vis sanus fieri? quello che disse al paralitico che da 38 anni giocava nel suo letto presso la probatica piscine (Jn 5:6)

Vade ostinde te Sacerdoti al lebbroso per che si e' vergonato a confessa i peccati. (Mt 8:4)

Veni sequere me agli apostoli, al giovane che coleva farsi santo (Mt 19:21)- vieni a caminare vicino a me - voglio fare di te un pescatroe di uomini (Mt 4:19) - coglio mandarti in mezzo al mondo per guadagnarmi delle anime.

 

[page 323]

[Homily 137]

{tempo dell'anima
{tempo della fede

Necessita'

Passato                     peccati - niente o poco penitenza
                                   confessioni – come
                                   pentimento?
                                   Comunioni?
                                   Omissioni
                                   Mormorazioni
                                   Scandali

Presente      occupato troppo del mondi quasi vi dobbiam restare sempre.
- Spensierati di Dio - dell'anima, dell'eternita'
Quali i vostri affetti, le vost e passioni, le vostre opere.

Futuro           incerto, qualis vita fini ita. (:)

Disposizioni

Generosita'             Carta bianca - non legare le mani al Signore

Coraggio -              speranza in Dio - Il demonio fara tutto per scoraggire

Raccoglimento       esterno - interno

Del fine [dell'uomo]

Dove ero io tanti anno fa?

Come sono ventuo al mondo?

non io
non il caso
con i genitori
Dunque Dio se - da uomo

A che mi ha messo nel mondo?

 

[page 324]

[Homily 138]

Introduzione Cic. p.4.

Eccellenza:      Sono una grazia particolare che ci offre Iddio. Sono una dottrina ispriata dallo Spirito Santo ordinata a farci detestare il peccato ed ardere d'amore di Dio. "ut homo vincat se ipsum." (:) "Ut ordinat vitam suam." (:)

Necessita':       Passato -     peccati, poca penitenza, difetti di pentimeto.
Presente -   Forse spensierate Dio, dell'anima, dell'eternita'
Futuro -        Siete giusto? Molti migliori di voi si sono perduti.
Siete peccatori? "Qualis vita finis ita". (:)

Disposizione - Generosita' - Corraggio - Dio verca chi fugge molto piu' accepio
(cic. p 9)                  {Homo creatus est us Deus
Fine dell'uomo        {Deum Suum laudet, si reverentiam
                                 {exhibaeat si que serviat.

{Dover ero io tanti anni fa?

{Come sono venuto nel mondo? non io - non il caso - non i genitore, Diceva ai suoi figli la Madre dei Maccabei "non io vi ho dato l'anima e la vita ne non io che ho messo insiome le vario parti che cimpoongono il corpo." (2M 7:22)

{Chi duque mi ha messo nel mondo? Io non penso da uomo ragionevole se non concludo che Dio mi ha messo nel mondo - Perche' solo Dio puo' fare alcuna cosa dal nulla. Dalla fede "Creavit Deus hominem ad imaginem suam." (Gn 1:27)
A che fare mi ha messo Dio nel mondo?
"In gloriam meam creavi eum" (Is 43:7)

 

[page 325]

[Homily 139]

Si scires donum Dei (Jn 4:10)

Grazia singolare
Grazia forse ultima
Tempo che noi dedichiamo a Dio
Tempo che Dio dedica a nio
Tempo dell' anima
Tempo della fede

Passato       peccati
confessione come?
pentimento
ommissione
mormorazioni
scandali

Presente      occupati troppo del mondo quasi vi dobbiamo restare siempre.
Spensierati di Dio, dell' amore, dell'Eternita'
Quali i vostri affetti, le vostre passioni, le vostre opere.

Futuro          Incerto - qualis vita finis ita. (:)
Generosita' - carta bianca - non legare le main al Signore.
S. Francesco Saverio ancor secolare.

                                        Coraggio - Speranza – Dio
Il demonio fara' di tutto per scoraggiarvi.

                                        Raccoglimento esterno
Raccoglimento interno.

 

[page 326]

[Homily 140]

Grazia singolare che e' il ritiro. Forse l'ultimo "si scires donum Dei" (Jn 4:10)
Can. 595 "Quotannis spiritualibus exercitus vacent".
[28]

Tempo che noi dedichiamo a Dio
Tempo che Dio dedica a noi
Tempo dell' Anima
Tempo della fede / la sentiremo resorgere.

Bisogni che tutti ne abbiamo

Presente / anima fervorosa
futuro / anima tiepida
passato / anima peccatrice

Disposizione per farlo bene

Raccoglimetno esterno /
Raccoglimento interno / "Qui custodit es sum custodit aneman suam." (Pr 13:3)
Generosita' / famigliarita' / io vi dico (:)
antipatia / proprio comodo

Coraggio

Fatevi apostoli tra di voi.
1. Sia lodato Gesu' Cristo
2. Son peccatore
3. In pace.

Esercizi

Ut homo vincat seipsum (:)
ordinat vitam suam. (:)

 

[page 326]

[Homily 141]

Fine dell'uomo

Introduzione:       senza principio non si impara ne' una scienza ne' un'arte.

I.                           Origine, non io - non i genitori - dunque creato da Dio - dalla ragione - e dalla fede.

II.                          Perche' mi ha messo nel mondo - forse come sasso - bestio - non come il sole, la terra ed il fuoco - ho un fine - non senza fine.

III.                         "Habetis fructum vestrum in sancti, ficationem - finem vero vitam aetuanam." (Rm 6:220

Sacerdote - Breviario, rosario.
reverentiam exhibeat - culto liturgico eI serviat (:) - Decalogo.

I.                           "Ibit homo in domo aetunitatis". (Qo 12:5)
Casa – albergo
[29]
eternita'
sempre, mai

II.                          Promesse del Demonio promette cio' che non e' suo promesse fallaci - "non moriemini - eritis sicut Dei" (Gn 3:4)

fossero vere - sono brevi

III.                         Piccole richieste di Dio coll' osservanza dei comandamenti.

Voi vi aggiungerete gli abblighi dello stato.

 

[page 328]

[Homily 142]

Fine [dell'uomo]

Questa meditazione si chiama fondamentale poiche' e' la base di tutti gli esercizi.[30]

I         - L'uomo e' stato creato da Dio ut videam? (Mk 10:51) [31]
- E' stato da Dio creato per un fine
- 100 anni fa il mondo c'era ed io non ero

          Soli gli animali, i sciocchi, i pazzi non oprano per un fine.

          Lo scultore fa una statua non per collocarla in una stalla ma in una sala, in una chiesa.

          Cosi' l'anima - immagine di Dio - tutta come l'angelo non e' creato per i beni di questa terra, per il piacere, ricchezza, potenza, mangiare, bere, dormire etc -

          Infatti S. Agostino dice se cosi' fosse che differenza dalle bestie

          S. Tommaso. Nessun bene di questa terra appaga il nostro desiderio.

          Salamone - il piu' che ha goduto, chiama il piacere "Vanitas vanitatis". (Qo 1:2)

 

          Dunque 'homo creatus est ut'[32]
{laudet -             Rosario, perghiere, riconscenza
{reverentiam -   Messe, Comunione
{serviat -            Comandamenti – Ubbidienza

 

L'albero serve al giardiniere che l'ha piantato oppure non l'ha creato

Se diamo una parte al mondo, al demonio siamo ladri commettiomo un furtu.

 

[page 329]

[Homily 143]

Fine dell'uomo

Introduzione.    Senza principi non si impara ne una scienza ne un'arte.

I.                        Origine, non io - non i genitori - dunque creato da Dio - dalla ragione - e dalla fede.

II.                        Perche' mi ha messo nel mondo - forse come sasso - bestia - non come il sole, la terra ed il fuoco - ho un fine - non senza fine.

III.                       "Habetis fructum vestrum in sanctificationem, finem vero vitam aetuanam." (Rm 6:22)

                          reverentiam exhibeat - culto liturgico

                          serviat - Decalogo.

 

I.                        "Ibit homo in domo aetunitatis". (Qo 12:5)

                          Casa – albergo
eternita'
sempre, mai

 

II.                        Promesse del Demonio
promette cio' che non e' suo
promesse fallaci - "non moriemini - sitis sicut Dei" (Gn 3:4)
fossero vere - sono brevi

 

III.                       Piccole richieste di Dio coll' osservanza dei comandamenti.
Voi vi aggiungerete gli obblighi dello stato.

 

[page 330]

[Homily 144][33]

Principio Fondamento

I.                        100 anni fa il mondo era ed io non ero.
Chi mi ha messo nel mondo? non io, non il caso, non i gentiori - La madre dei Maccabei. (2M 7:22)
Dunque chi? la ragione mi dice che Dio i la Fede "Deus creavit homine".
[34]

 

II.                        A che fare mi trovo nel mondo?
Non senza fine. Come il gettito di un sasso da un (brutto?)
Ogni savio opera per un fine. Iddio la stessa Sapienza.
Dunque certo per un fine.

 

III.                       Qual e' questo fine?
"In gloriam meam creavi eum" (Is 43:7)
"Deus time ut mandata epis observo." (:)

 

                          Dunque:                                      creato est homo
Ut Deus laudabat:                     ufficio, Rosario, preghiera, gratitudine.
ut Deo reverentia exhibeat:      messa, comunione
ut Deus serviat:                         Comandamenti, Ubbidienza, regola

                          L'albero serve eppure non l'ha creato il giardiniere.

 

[page 331]

[Homily 145]

Il supremo dominio che Dio ha di me rechiede l'indifferenza

1. Il fine e' di servire amare Iddio.
2. Non sta a noi di determinare la maniera di servire a Dio.
3. Perche' e' illimitato (Vasaio).
4. Amare Iddio con perfezione e' il servirlo come egli vuole.
 Ministero - Ufficio

La Providenza

1. Perche Iddio e' infinita Sapienza e scienza
2. Perche' Iddio e' Amore infinito.
3. Perche' Iddio e' omnipotenza infinita

La divina giustizia

1. Senza indifferenza si patisce di piu'.
2. Si perde un alto grado di gloria.
3. Si mette in pericolo l'eterna salute.

 

[page 332]

[Homily 146]

Un ragazzo nelle Indie risponde al tiranno che gli impone di dargli il rosario "Se il rosario e' Dio, come lo posso dare al nemico di Dio?"

Cosi' se i miei pensieri sono di Dio, come darli alla vanita'? Se sono di Dio, come darmi al demonio? Se sono di Dio come darmi alle creature?

 

1.             gratitudine -          che mi ha creato
                               Che ha creato me e non gli altri
                               Che senza mio merito
                               in un paese cattolico
                               mi ha prevvisto un'educazione.

2.             Siamo di Dio e non nostril
                               L'albero ed il giardiniere
                               Chi si da al mondo, al demonio, ruba.

3.             Se non corrispondiamo al fine siomo inutile
Esercizi
fondamento
Origine
Non pei beni di questo mondo / Solomone – Vanita' (Qo 1:2)
Dunque per Iddio.

 

[page 333]

[Homily 147]

I.               E una cosa dolorosa
1.      Perche' cosi' richiede la bonta' di Dio.
2.      Perche' cosi' richiede il supremo dominio di Dio.

II.              E' cosa utile
1.      Beatitudine immensa per l'anima
2.      Beatitudine
3.      Beatitudine eterna.

III.             E' cosa necessaria.
1.      Iddio e bonta' e giustizia infinita.
2.      Percio' ha creato il paradiso e l'inferno
3.      Iddio otterra' sempre il suo fine.

 

                 mondo  -    banchetti
natura    -    rugiade

                 per non tornar indietro

 

[page 334]

[Homily 148

Fine delle Creature

I.          Per chi le creature, non per Iddio, non per gli angeli, non pei brutti, ma per l'uomo - sostentameto, sanita', debloezza, recreazione.

II.          Perche Dio ha provveduto l'uomo di queste cose? non per goderle, sono materiali, transitorie, ma per conseguire il suo fine.

a) col fargli conoscere Dio
b) ammirare Iddio
c) manternerci la vita.

Qui si sbaglia chi si da a godere le creature e dietro ad esse perde il suo cuore.

III.         Unde Sequitur - tantum, quantum. (:) L'artefice come usa gli strumenti.

Non ci ha da badare se piace o non piace, inferno, sano viandate.

 

I.          Nostra disposizione verso le creature - Indifferenza - Indifferenti non nelle cose proibite ma libere ne nella disposizione della divina providenza.

II.         sanita'          - infermita'
ricchezza     - poverta'
vita lunga     - vita corta

 

III.         Desiderare ed eleggere cio' che piu' ci e' al fine per cui siamo stati creati.

per vivere in pace abbiamo pochi desideri e questi diretti alla salute eterna.

per essere sicuri siamo indiffernti fuorche di Dio.

 

[page 335]

[Homily 149]

Fine delle creature

Et reliqua ... ut eum juverit. Unde sequitur, tantum quantum juvent - se retrabere tantum quantum impediunt.[35]

I           -           Considerare tutte el cose sulla terra.

-           Per chi Iddio le ha create?

-           Per se stesso perche' egli crea tutto per l'eternita'.

-           Non per gli angeli perche' le cose materiali non hanno proporzione colla loro natua spirituale.

-           Non per gli animali occazionali perche' sono incapaci di conoscerlo.

-           Le ha create pre l'uomo.

            "Constituisti eum super opera manuum tuarum". (Ps 8:7)

            Per suo sostentamento, per sanita', per sollievo, per

            ricreazione.

            Che sono queste creature? Ricchezza, onori, agi, delizie.

II

Perche' queste cose all'uomo?

Non per goderle. Salomone dopo aver goduto tutto:

"Vanitas vanitatis" (Qo 1:2)

{Le cose materiali     -          l'anima nostra
{transitoria                  -          l'anima immortale

modo

 

[page 336]

[Homily 150][36]

Fine

Quello che le

Domanda e risposta

Non confonderci perche; abbiamo il mezzo il

Per aiutarci dommiamo essere societa'

Dunque fortunati noi.

 

[page 337]

[Homily 151][37]

Fine [dell'uomo]

Questa meditazione si chiamo fondamentale poiche' e la base di tutti gli esercizi.

I

-    L'uomo e'stati creato da Dio.

-    E stato da Dio creato per un fine

-    100 anni fa il mondo c'era ed io non ero.

     Soli gli animali, i sciocchi, i pazzi non operano per un fine.

     Lo scultore fa una statua non per collocarla in una stalla ma in uan sala, in una chiesa.

     Cosi' l'anima - immagine di Dio

-    tutta con se - l'angelo non e' creato per i beni di questa terra - piacere, ricchezza, potenza, mangiare - bere - doemice etc.

     Infatti S. Agostino dice se cosi' fosse che differenza dalla Bestia.

-    S. Tomaso "Nessun bene di questa terra appaga il nostro desiderio"

     Salamone - il piu' che ha goduto chiama il piacere "Vanitas Vanitatum" (Qo 1:2)

     Dunque "homo creatus est ut laudat - Rosario, preghiere, riconoscenza.

     reverentiam - Messa, Communione

     Serviat - Comandamenti - Ubbidienza

     L'albero serve al giardiniere che l'ha piantato, eppure non l'ha creato.

     Se diamo una parte al mondo, al demonio, siamo ladre. commettiamo un furtu.

 

[page 338]

[Homily 151][38]

Indifferenza

I

Non nelle cose proibite o vulute da Dio.

Non nelle disposizioni della divina providenza.

 

II

Questa indifferenza e' necessaria in tutti i casi in cui siamo in liberta' di eleggere.

sanita' - infermita'
ricchessa - poverta'
vita lunga - vita corta

 

Motivi dell' indifferenza

I

Il dominio di Dio - a Lui appartiene di determinare il modo di servirlo - in quello stato che vuole, in quell'ufficio, in quella carica che vuolo

Dio e' il padrone e noi servi             sapienza, amore, omnipotenza

II

La Provvidenza di Dio rechiede di me un amore indifferente
Dio e' sapienza infinita.
E amore infinito
E' potenza infinita - niente e nessuno puo' opporsi a Dio se non te stesso anima mia se non ti mantieni indifferente (rassegnata).

III

La giustizia Chi si allontana da un male s'imbatte in un altro.

Impedimeti dell'Indifferenza

1. La fantasia coi sensi - attenti alle letture, alle conversazioni - nel trattare col prossimo - sesso diverso.

2. L'intelletto coi Falsi dettami. trova sofismo ragioni apparenti per scusare il male.

3. Il cuore coi suoi appetiti. L'anima aggravata da questo corpo che cerca sempre il suo comodo.

 

[page 339]

[Homily 153]

Tiepidezza

 

Segni della Tiepidezza

a)    Ha in onore solo il peccato mortale.
E' negligenti negli Esercizi di Pieta'

b)    Nella operazioni quotidiane non ha ordine, non bada alla purita' l'intenzione. Si contenta di una mediocre pieta'.
Trascura la pratica della virtu'.

c)    Con falsi principi soffoca i rimorsi. Segretamente nutrisce l'invidia, superbia. Mantiene familiarita' Eccita litigi.

d)    Lascia vivere in pace l'amore proprio.
Nemico del travaglio del sacrificio. Si procura comodita' delicatezze.

Se vi soni questi segni siete tiepidi. Noi siete il campo dell'uomo pigro. La vigna dell'uomo stolto. L'albero di fichi infruttuosa coperto d'inutili foglie. (Mk 11:13) Voi siete quella terra inorata dalla pioggia delle divine grazie che non produce che spine in cui sovrasta la maledizione divina.

Pericoli

1.    Di cadere nell'abbisso del peccato mortale.
Se si apressero le porte del Purgatorio e quelle dell'inferno. Qui apervit modice paulatum decidet."

2.    Nell'essere regettato dal cuore divino. "Quia tepidus es incipiam te vomere." (Rv 3:16)
Ma chi Colui che viene a cercare i peccatori. Iddio preferisce in qualche modo lo stato di peccato alla tiepidezza. "Utinam frigidus esset." (Rv 3:16)

 

Rimedi - sono difficili

a)    Perche' l'anima tiepida non si persuade dello stato suo - esse fa esercizi di pieta' - esse languidamenti esercita una virtu' apparente.

b)    Ha talmente mal disposto lo stomaco che anche le medicine sono nocive. S. Bernardo secolari - religioso, Missione un crocifisso - viso moribondi.

c)    Una grasia singolare e forte del Signore. Ma anche questo e difficile perche' e' tutta esteriore e non ha vita interna - il bene che fa lo fa male.

 

[page 340]
Meditazione Esame - lettura - Raccogliamento.

Dice S. Gregorio - l'anima dell'uomo tiepido e'simile al campo dell' uomo pigro come descritto nel libro dei Proverbi (Pr 24:30-34) tutto pieno di ortichi e spine e le mura in rovina - esso infatti cade nella tiepidezza perche' trascuradi coltivare l'anima sua.

 

[page 341]

[Homily 154]

Gli presento' delle pietre
per mutarle in pane
(vanita')

Non de solo pane vivat homo
sed onme verbo
quod procedit a facie Dei. (Mt 4:1-11)

Lo porto' sul tempio
incitandolo a saltare

Non tentati Dominum
Deum tuum,

Lo posto' su un monte
promettendogli tutti i
regni (ambizione, cupidigia)

Vade retro Satana Dominum
Deum tuum servies, adorabis

UTILITA'

Il Signore prova la nostra fedelta'
Per farci meritare
Per non attacarci alla via del pellegrinaggio
Per liberarci dal purgatorio
Ci umiliamo

 

RIMEDII

Orazione e veglie
Vigilate e orate. Ut non interreretis in tentationem
Attenti alla passione predominate
Non stare oziosi
Principii
Manifestarle al Confessore.

 

[page 342]

[Homily 155]

Orribili danni del Peccato Mortale[39]
"Peccavi quod mihi accidit triste" (Si 5:4)

I

Rede l'anima deforme, schifosa

a)         Toglie la simmetria dell'anima
            Figurarci un volta cogli occhi ecc, fuori del sito.

b)         La priva della grazia santificante
            - come il cadavere senza anima, in relazione a noi
            - cosi' l'anima senza grazia in relazione a Dio.

Che diremo se per un Peccato Mortale si diverrebe neri e sformati e visibilmente mostri? Saremo lenti a commetteri - selleciti ad emendarci - Deformati del corpo visibile agli uomini - quella dell' anima visiblie a Dio.[40]

 

II

Negli occhi di Dio l'anima in peccato diviene piu' abietta di ogni verme - Esempio la vipra che ferita mortalmente se contarce snza muoverci a pieta'. Cosi' l'anima dannata pel Peccato Mortale toglie l'amicizia di Dio/Homo vero in Loco triste esset.

 

III

Il Peccato Mortale toglie l'amicizia di Dio se la privazione della corride relazione di un sovrano e' bastata a privarla vita. - Filippo II re di Spagna, fece un'osservazzione ad un suo Ammiraglio (Alvaro Bassano) e questi s'ammalo e mori' - non dichiarato nemico ne l'odiava.

 

IV

Prive l'Anime del diritto al regno dil cieli

Non si perde un traffico, un patrimonio, un principato, ma un regno celeste "Nolite errare neque fornicarii neque idelis servientis possidebunt regnum Dei". (1Co 6:9-10)

 

V

Reo del inferno in pericolo di cadervi -

Figuratevi un uomo pendente da uno spago sopra una fossa piena di solandre e serpenti, che aspettano la preda - Cose' l'anima in P.M.[41]

 

[page 343]

VI

Anticipa all'anima l'inferno - la priva della pace, la riempie di remorsi, terrori,

 

Conclusione   

quando la sensualita'
suggerisce il peccato

racordati vi di
questi occhi

S. Cipriano - la donna vanitosa immodesta e' percio' micidiale e ' veleno delle anime.

Ne disceris

            "Peccavi et quid mihi accedet triste" (Si 5:4) Gli uomini cosi' sovente si fanno anima pr peccare piu' liberamente - perche' le loro iniquita' non sono immediatamente punite. - Vale a dire perche' Dio e' paziente ed aspetta - non perche Egli non possa punire - non perche' luogo al ravvedimento e alla penitenza.

            Ma attenti dice S. Paolo n.p. che il peccatore che abusa della pazienza di Dio accumula un tesoro, non di amore, ma di ira pel giorno del giudizio. (Rm 2:5)

            Geremia VIII "Attenti et auscultavi ... nullus wst qui agat poenitentiam super peccato suo". (Jr 8:6) Se andiamo per tutto il mondo troviamo molti a piangere pei propri peccati - miseria, fame perdita di denaro, gravi dolori, perdita dil padre, madre, figlio, amico, una lite, bocciato in esame, calunniato, condannato ingiudtamente.

1.    deforme agli occhi di Dio
2.    abbietto agli occhi di Dio
3.    nemico di Dio
4.    una causa
       un gioco              {si perde il diritto
       un negozio          {al regno dei cieli
       un affare
5.    Reo dell'inferno

 

[page 344]

[Homily 156]

[I Due Stendardi]

S. Paolo "Umiliavit semet ipsum factus abediens usque ad mortem". (Ph 2:8)

 

I

Non trasgredire i Comandamenti per tutto il mondo.

1.    E' necessario alla salute
2.    E' il frutto della 1a settimana
3.    alcune volte e'morte eroica - I Martiti "Magorem hauc dilectionem nemo...."                     (Jn 13:15)
4.    Mezzo per conservare                          1. Massimi eterni
                                                                       2. Castighi del peccato
                                                                       3. fuga dell'occasione

 

II

Non fare peccato veniale pr tutto il bene del mondo.

1     Meno considerazione reccolti del mondo
2     Malizia del peccato veniale
3     Grande cura delle cose piccole

 

III

Chi elegge la poverta', i disprezzi, umilta' per Cristo.

Gesu' mi propone i mali ed i beni

Un Figlio amatissimo di un padre
1     Suppone il 2o grado
       S. Paolo "Mihi absit gloriari in cruce Domini Nostri Jesu Cristi (Ga 6:14)

2     grande stima ed amore

3     Produce una grande somigliansa
       S.Paolo "Stigmate Domini Nostri Jesu Cristi in corpore (Ga 6:17)

4     E' il porto sommo della perfesione Cristiana

5     Grazia singolare - viene desunto

6     Considerare la sembianza - e' esempio dei Santi

 

[page 345]

[Homily 157][42]

"Est fidelis usque ad mortem et dabit tibi coronam vitae" (Rv 2:10)

            Secondo tutte le leggi, i delitii reiterati sono simpre stimati piu' gravi e piu' difficili a pedonarci e meriteroli di maggiori pene. Consideriamo il fatto di un perdonato che torna ad inguriare, insultare, offendere e tradire.

            Quello che succede nelle malatie del corpo succede per consento nelle malattie dell'Anima. - Le malatice di ricadimento sono peggiori e di piu' difficile cura cosi nelle spirituali. - Leggiamo in San Matteo che quando lo spirito immondo e' uscito da un anima convertita a Dio, ne esce con rabbia e torna, con altri sette. (Mt 12:43-45)

            S. Paolo "Quis se existimat stare, videat ne cadat." (1Co 10:12)

            S.Paolo ad Tim. "non coronabitur nisi cui legitime certaverit". (2Tm 2:5)

a)    Amarsi contro i nemici (frequenza di Sacramenti)

       Fede   "in icta verbi"[43] (1Co 15:52) "memorare novissima" (Si 7:40)

                   "Viviam tanquam fur" (Rv 3:3)

b)    Resistere quando ci attacano –          mondo
                                                                       demonio
                                                                       carne

c)         Ritirarsi quando il bisogno e la prudenza lo richiedono (fuga dell'occasione)

Confessione - Esorcismi. richiesto il demonio di dire quale sua l'arma piu' potente che la Chiesa per superarlo - rispose la confessione. [44]

Orazione -        Orate, sine intercessione orate
                          Pulsate ad aperietur vobis
                          Petite et accipietis. (Mt 7:7)

 

[page 346]

[Homily 158]

[I Due Stendardi]

Non possiamo servire due padroni (Mt 6:24)
O Dio o il Demonio
O Dio o le nostre passioni

S. Gerolamo e gli Ebioniti:- erono una setta di eretici i quali non volendo lasciare la legge ebraica e volendo essere Cristiani, finirono col non essere ne Giudei ne' Cristiani

 

Quindi e' richiesti una magnanima risoluzione - Missam Corpi

Il Demonio sussurra all'orecchio che ci e' tempo per servire Dio.

Dio dice nell'Ecclesiastico: "Memento Creationi tui in diebus inventutis tuae." (Qo 12:1)

Job - "Bonum est viro cum portaverint jugum a juventute sua" (Thren 3:27)
L'incertezza di diventare Vecchi
La maggior parte che miete la morte sono piccoli.
Poche arrivano alla vecchiaia.

 

            Quando anche tutti i giovani divenissere vecchi, sara' loro facile sradicare le passioni assecondate per la vita

            S. Doroteo nel foreste coi suoi discepoli
            con una solo mano presto con facilita
            con una solo mano con difficolta.

 

Cosa diresti di uno che vi offre u cassestro di limoni ed arancie spremute

Eppure cosi farebbe quel giovane che lascia l'osservanza dei comandamenti alla vecchiaia.

S Alfonso dice io ho lasciato il mondo a 26 anni ma beato colui che lo lasciera' prima.

In sostanza evitare il peccato.

Non est pave impiis (Is 48:22)

"Jaqum meum suave est et onus mei levi". Gesu' C. nel Vangelo. (Mt 11:30)

S. Agostino "Quanta dolcessa, qual piacere non sento nell' aver rinunciato ai vani piaceri del mondo".

Che fare colle mie male inclinasioni

"Omnis possum in es qui nos confortat" (Ph 4:13)

 

[page 347]

[Homily 159]

-           Rallegrarsi voi ragazza per la grande grazia.

-           Mi rattrista in pensiero e perche' questo non avvanza di voi vi daro' dei mezzi.

-           La grazia e' una perla preziosa e' un tesoro piu' bello della luna, piu' vaga delle stille, piu' sorprendente del sole -

            Un peccatore .. esce convertito adorno della grazia appena si distingueva dall'angelo.

-           che brutta cosa sorella il cadere in peccato.

            perderemo la bellezza.

            I santi si lasciavano tormentare, ammazzare per non commettere un peccato.

            S. Tea Romana svenne e cadde a terra perche' passava in canto dei peccatori.

            S. Filippo - si attorciava il naso in simil caso

            Se cade sotto i nostri occhi un serpente

            S. Caterina volle camminare su carboni tutta la vita e non vedere piu' il demonio, Lucifero.

            Fuggite i cattivi compagni

            Si conoscono dalla opere. (Mt 7:20)

            Il fatto del Catechismo.

            Di un giovane che ando' solo a festa.

Fare la Comunione spesso od anche quatidiana

Devozione alla Madonna

Il fatto di due giovani studenti raccontato da Sant' Alfonso de Liguori nel Belgio.

 

[page 348]

[Homily 160][45]

Rovina del tempo [spargimento della natura (written in pencil)]

            Gli interpreti di questa abominazione della desolazione riconoscono il peccato mortale. [46]

            Che cosa diremo se invece di Gesu' in Sacramento metterebbero un idolo dei tempi pagani - Noi siamo tempio di Dio "Templum Dei estis vos". (1Co 3:16)

            Lo stesso succede sol peccato togliamo Dio e vi mettiamo il Demonio.

            Se si vedesse l'interno il peccatore allora capicebbe dice il P. Segneri, perche' viene chiamato vipero, cane, porco. [47]

            "Vos ex pantre diabolo, estis" (Jn 8:44) un demoni figura di un animale.

            Ammonizione.

 

            Mezzo per fuggire il paccato, fuggire l'occasione.

chi nella Giudea fugga sui monti.
chi fouri di casa non vi entri
chi nei campi non vada a prender la veste. (Mt 24:16-18)

            S. Agostino ci assicura che non questo parlare Gesù Signore non intende altro che la fuga dell'occasione.

 

            L'occasione per i piccoli e' la male compagnia.
Esempio del ragazzo che va alla festa - Boudrand che dopo il primo peccato cadde morto.
[48]

            Non differire la conversione. "qui convertuntur ad vesperaz famen patientur ut canes" (Ps 58:6)

            "quaeretis me ac non invenietis in peccato vostro moriemini" (Jn 8:21)

 

"Qualis vita finis ita"[49]

S. Girolamo da cento appena uno da 100,000 si salva.

S. Dionisio chi vive ostinato muore ostinato.

S. Vincenzo Ferreri un miracolo piu' grande che si salva un malvivente, che suscitare i morti.

 

Di uno che visse a suo talento contento id saper dire in punto di morte tre giaculatorie. Sapete infatti che cosa ha detto "Rapiat omnia Demon" (:)

 

Un sacerdote affaticato con un moribondo, "Il pane e'duro e il coltello non taglia".

Ecclesiaste "Cor durum male habebit in universum" (Si 3:27)

Buona educasione, buona vita, buona morte.

 

[page 349]

[Homily 161]

Dei tre peccati

Introduzione: Difetto predominante

 

I           Il fatto chi castiga? Chi sono i colpevoli? colpa? pena? modo?

II          Chi castiga? I colpevoli? la colpa? pena? come? per mancanza di indifferenza.

III          Chi castiga? Dio
Colpevole? un'anima innocente per tempo
Colpa? un peccato solo.
pena? un inferno eterno.

 

I           processo dei peccati
II           bruttezza dei peccati
III          Chi son io che ho peccato
IV         Chi e' Dio che ho offeso

 

[page 350]

[Homily 162]

Dei tre peccati

Introduzione: "Difetto predominante".

I

Peccato degli Angeli - Il fatto - ciscostanze del fatto - giusto, santo misericordioso

chi castiga? - chi sono i colpevoli? quale la colpa?

prime creature, principi, spiriti

quale lapena, in che modo? E noi ed io?

 

II

Peccato di Adamo ed Eva. - Adamo, adorno di grazio, sapienza, e giustizia originale. - nel paradiso terrestre, per l'eternita' beata - dopo un tempo di servizio

(labero). - Il serpenti, infuce Eva, ed Eva Adamo.

- Pena li caccia dal paradiso, condanna a miserie, morte, vita di guai e di penitenza -

Chi e' che castiga? - giusto, misericordioso, speinte, santo.

I colpevoli?

la colpa?          Un peccato solo

La pena?          Cacciati dal paradiso
                          Spoglio della giustizia originale.
                          Mali dell'anima e del corpo
                          stenti, dolori, infermenta' e dolore. morte.
                          Ignoranza - ribellione appetito alla ragione.
                          ripugnanza al bene, inclinazione al male.
                          Non solo ad Adamo ed Eva ma a tutti i posteri.

Come?             Ambendo di sapere piu' del bisogno, e contro ordinazione di Dio. Essi ed io?

 

III

Il peccato di un'anima dannato per quello solo. Colpevole? Colpa? Pena? Iddio e padrone, dell'uomo ed ha infinito dovere di obbidire.

Chi pecca impugna questo diritto, calperta le legge disprezza la padronanza, e quanto in se di sconosce Iddio. amore e pena.

 

[page 351]

I           Processo dei peccati. tempo, luogo, compagni, uffici, fanciullezza (tfulia) gioventu' - adoliscenza - virilita'

II          Bruttezza dei peccati
"qui facit peccatum servus est peccati". (Jn 8:34)

III          Chi ciete voi che aveti peccato?
tutte le creature innanzi a Dio. "quali non sunt" Isaia. (:)

Come mai gli angeli, i santi, le creature, i demoni mi hanno sapportate?

perche' oltre all'essere guisto a anche misericordioso?

 

[page 352]

[Homily 163][50]

 

I      Rende l'anima schifosa

1.     Per la bruttezza dell'atto peccaminoso
2.     Fa uscire la grazia
3.     Se se deformasse il corpo

II      Toglie la degnita' della grazia divina

1.     Scendiamo all'inferno Iddio non si muove

2          Vipera

III     Toglie l'amicizia di Dio

Comunica le forze e le ricchezze
L'amicizia di un monarca tereno
Il fatto del Marchese Alvaro Bassano
Ammiraglio di Filippo II re di Spagna.
[51]

IV    Priva l'anima del diritto al regno dei cieli

lite perduta - nave affondata perdita al gioco
Qual fine e' questa?

V     Vi fa rei dell' Inferno

Uomo appeso da uno spago sottile su di un precipizio pieno di serpi.[52]

VI    Anticipa l'inferno della morte.

pietanza avvelenata

 

[page 353]

[Homily 164][53]

"A paenis inferni libera nos Domine" (:)

- si narra di uno scolaro apparso sl suo maestro - goccia di sudare di un dannato

- Se una goccia dunque - lo Spirito Santo "Descendamus - viventes S. Bernardo "ne discend: morientes"

 

- Il fuoco brucia continuamente

- Nel fuoco non una parte ma tutto il corpo.

- Il nostro fuoco in paragone e' un ombra

Il nostro fuoco e' potente quanto piu' quello dell'Inferno?

Poveri noi, povera quelle ragazze cosi' delicata.[54]

 

- I dannati soffrono non un dolore, ma insieme ogni sorte di dolore, pene e tormenti - Il ricco epulone.

Ad Abramo "crucior in hac flamma, in hunc locum tormentorum" (Lk 16:24) plurale.

- Tormentati della cista - topo - lucertola - S. Francesca Romana, in una fornace - S. Caterina da Siena - camminare nella bresca tutta la vita.

Udito catene, battiture, pianti, lamenti, urli, bestemmie.

Odorato fetore, puzza - se un sol cadavere che sara' di migliaia.

Gusto sete, fame - se non possiamo.

 

[page 355]
Come non abborrire il peccato?

- Si patisce la privazione della vista di Dio

- E' pena piu' sensibile, piu' atroce, piu' tormentosa.

- Assalonne initmato da suo padre il Re David preferi la morte.

- Filippo II re di Spagna ad un suo cavaliere? mori'.[55]

- che sara' dunque quando Iddio priva l'anima dalla sua vista.

 

[page 356]

[Homily 165][56]

"A poenis infernis libera nos Domine" (:)

 

Il fuoco brucia continuamente.

Nel fuoco non va parte ma tutti quanti, tutto il corpo. [57]

 

Il nosrtro fuoco si paragona, e' un'ombra.

Il nostro fouco e' potente, quanto piu' quello dell'Inferno.

Poveri noi, povera quella ragazza cosi' delicata.

 

I dannati soffrono non una specie ma ogni sorta di dolori, pene, e tormenti - Il ricco ad Abramo "Crucior in hac flamma in hunc locum tomentorum." (Lk 16:24) plurale.

 

[page 357]

[Homily 166]

Inferno di sensi[58]

Vedere

lougo di fuoco - anime chiuse in corpi di fuoco
aspetto dei dannati - loro attegiamenti - furiori.
mostruose sembianze dei demoni - non piu' tentatore ma cornefici - Riflessione chi pecca qui' va a finire - Non potete guardare un morto qui' va a finire - Non potete guardare un morto ed ore a guardare l'inferno, dannati demoni - Il primo passo verso l'inferno lo fanno gli occhi.

Udire

Se in una casa che va a fuoco tanto si grida che sara' all'Inferno, grida, pianti, bestemmie - Se piange l'inferno alla vista del chirurgo cogli strumenti che sara' dei dannati colpiti dai demoni - Improperii verso i complici - maledizioni dei piaceri, delle vanita', bestemmie dalla gola - Dove e' il riso - Ad alcuni da fastidio una campana, cane abbaia, una zanzara, un bambino che piange.

Odorato

fumo - zolfo, puzza - luogo chiuso senza aria - Icorpi dei dannati peggio dei cadaveri - e starvici per sempre - Riflettere - non si sopporta - l'aria di un'ospedale - Si cercano odori - essenze - etc.

Gustare

amore - valeno - lacrime - sete - veleno dei sepenti, fiele, pece - Zolfo fame Riflettete la gola a chi puo' condurre. I santi soggigavano la gola con astinenze, degiuni.

Toccare

il fuoco - il dannato come un pesce nell' acqua cosi' nel fuoco - tutti i dolori di malettie e di tormenti - Se n peccato o penitenza o inferno - Pensate, riflettete - risolvete per non cader nell'inferno

 

Ho perduto Dio -       mio   creatore
                                             salvatore
                                             mio ultimo fine

                                    mia felicita'
                                    la stessa bonta'
                                    la stessa bellezza
                                    la stessa generosita'.
[page 358]
                                    Un Dio buono
                                    misericordioso
                                    padre

 

Ho perduto Dio

per mia colpa
una piccola soddisfacione
un piacere momentaneo
poteva salvarci con tanto poco
quanti mezzi ho disprezzato.
quante grazie - lumi – buoni
desideri, rimorsi – parenti
christiani - buon educazione

Ho perduto Iddio

per sempre
mai' vedere Iddio
mai' il paradiso
mai' i meie amici beati

Padre - ma Dio giudice giusto.

 

[page 359]

[Homily 167]

Che fa del corpo la morte

Il corpo cadavere[59] - Si. pecca a causa del corpo che cosa e' questo corpo?

Considerarlo appena morto

Pochi giorni dopo la morte         {Corruzione[60]
{Gesù Cristo NO
{naso, orecchie, labbra, cappelli, ente, fori degli occhi, vermi.
[61] (Jb 7:5)

Esempi -      Daniele per togliere dell'inganno i Babilonesi
"Ecce quem colibatis" (Dn 14:23-27)
Cosi' anche S. Efrem.
la voce noi fummo come voi
- Mors non tardat (Si 14:12) - tempus breve S. Paolo (1Co 7:29)

 

Avarizia                                                          Poverta'

Il corpo scheletro

attacco disordinato alla roba
Che vi resta? risponde la morte ossa lingua, cervello, cuore
si nomina i peccati

Giezabele? (1K 21:23)
S. Alfonso - Scheletro - Alessandre Magno.
Un religioso scheletro - copri con cose che si ambiscono
ultima moda.

 

Il corpo polvere                                  umilta'

L'uomo viene formato dalla polvere per tenersi umile.

 

[page 360]

[Homily 168][62]

E' certa - increduli - non forse - libro battezzati.

E' fine di tutto il sensibile - Averi - Corpo - beni - ombre E' vicina - il demonio - Iddio ci avvisa - Estote partati. (Lk 12:40)

Vedere[63] - Faccia - parenti – sacerdore - Udire - Parenti - morribondo - sacerdore

Odorare - Aria - Medicine - tetto

gustare - entrare nel cuore del moribondo separazione - eternita' - tovvare - capelli - foronte - mani.

Cadavere - morte ma putrefacione[64]
Scheletro
Polvere.

 

[page 361]

[Homily 169]

Applicazione dei Sensi alla Morte (p. 116)[65]

Vedere[66]: Camera al quanto oscura - Sul letto moribonda una giovane - essa aveva seguito il mondo servito il demonio ma pentite. Contrasto tra bianchezza nitidezza del letto col suo volto - lista sprofondata - capelli - front - occhi, naso, guancia, bocca. Il petto come mantice tremito il capo a piedi. I parenti aspettano la catastrofe - La madre la compange Il Sacerdote.

Riflessione: Che spettaclo diverso di poco fa per le cie, pei teatri, per balli.

 

Udire: Sospiri della madre e dei parenti - Ma che l'avrebbe detto? Ma ma ma Gesu' l'ha detto "estate parati" (Mt 24:44) "que ora non putatis" (Lk 12:40).

- altri parlano di cassa, di sepoltura - Il Sacerdote

"Proficiscere de hoc mundo" (:) - La moribonda e' muta - rantola di quando un genito.

Riflessione: - E' poco fa parole superbe mormorarione, minaccie - invettive - collera ed ora muta per sempre.

 

Odorare: La stanza aria corrotta - pensa di medicine il Fiato cadaverico - ci vuole la carita' dil sacerdote cattolico per sopportarlo. Chi conosce il bisogno di quell'anima in quel frangente.

Riflessione: - dove le terre, sapone, sembrava volersi inbalsamare vio, ed ore?

 

Gustare: Intrate nel cuore della moribonda "O mors quam amara memoria tua" (Si 41:1) Ecce memoria - vederla venire - sentirla venuta - esser moribonda "Solum Mihi Superat Sepulchrum" (Jb 17:1) - Separazione da ogni persona - spavento di andare all'eternita'.

La bocca arsa - lingua arida - bocca tutto piaghe - la gola corrosa - Medicine amare.

Riflessione: quante recarcatezz e nell'accarezzare il palato.

 

[page 362]
Toccare: i capelli molti di sudore - fronte golida - Il polso intermettente indica lo sato el cuore - le braccia sembrano di piomo - l'ultimo erspiro e chiuderete gli occhi e la bocca - e internerite a incrociarla le dita - per inserirvi il crocifisso o il rosario.

 

Ecco l'idole del mondo un cadavere.

Quello che abbiam considerato puo' essere di noi e forse non lontano

Come desideriamo di trovarci al punto della morte?

dunque cerchiamo di vivere cosi' - "Qualis vita finis ite". (:)

 

[page 363]

[Homily 170][67]

- la morte come guerra col peccato di Adamo (Gn 3;5)

- Un giovane passa innanzi alla Chiesa.

Adamo: 930
Malalal: 9?5
Jarid: 972
Matusala: 969

disse "che gioia vivere" (:)
se poi ci ha da morire?
Dunque

Statutum est
Sentenza
(Hb 9:27)

- sentenza irrevocabile
verita' che non ha bisogno di prova
corpo – vesti

 

non ci e' residenza che basti
fuoco/acqua/ferro/eserati

 

li spoglia di tutto

 

E' un affare della massima conseguenza - se       entra nell'eternita'

E' un affare

Si muore una volta percio e' un affare pericoloso.
S. Agost - S. Ilarione - S. Gerolam S.M. Maddalena die Pazzi

 

E' un affare irreparabile
lavoro - lezione - semel - semper

[page 364]

La Morte incerta dunque prepararci presto

- Dunque pensiamo seriamente
- Come il generale in tempo di guerra
- Come quando noi aspettiamo qualche personaggio Vescovo, Governatore

La Morte incerta dunque preparati ad ogni ora

tutta la vita una preparazione

non si prepara
- Chi sta in peccato mortale
- l'anima in
- Odio ne cuore
- Invidia
- Vendetta
- Occasione del peccato
- Oziosa vita
- lontano dalla Chiesa
- lontano dalla Parola di Dio
- lontano dai Sacramenti

Ci prepariamo
- col dare il couore a Dio
- abbandono delle occasioni
- Imitare Cristo
- domare le passioni
- vincere le tentazioni
- mortificati
- penitenza
- timore di Dio

 

[page 365]

[Homily 171]

1.         E' certo che abbiamo a morire
            Si muore una sola volta.

2.         Incerto -     il luogo
                               tempo

                               modo / confermati in grazia di Dio.

3.         Qualis vita finis ita. (:)

 

[page 366]

[Homily 172][68]

Della Morte

"Per unum hominem peccatum in hunc mundum intravit, et per peccatum mors." (Rm 5.12)

Oh che gran punto, che gran pensiero e' questo, che sbalordisce la mente di ogni uomo piu' di qualunque altro novissimo poiche' tutti gli altri novissimi, il giudizio l'inferno, il paradis li crediamo per fede, ma non li vediamo laddove la morte la vediamo tuttodi' coi nostri proprii occhi - Onde e' che un vivi pensiero della morte opera continua convrersioni e mutazioni di vita, e reimpe tuttidi' i chiostri ed i romitaggi d'ogni sorte di persone, che riflettendo alla brevita' della vita, ed alla vantia' delle cose terrrne, danno il tempo al mondo per meglio desporsi ed una buona morte. "Mors in nobis operatur" (2Co 4:12)

Il famoso Girardo Domenicano nel leggere il capo V del Genesi (Gn 5) di quei primi uomini che abitarono il mondo trova[69]

Adamo: 930 anni
Enos: 905 anni
Seth: 912 anni
Matusale: 969 anni

et mortum est

qui chiude il libro e tutto meditabondo - ma dunque la vita anche di secoli finira'.
Ma cosa e' di loro? che cosa sara di me e resolve di lasciare il mondo e farsi religioso

- D. Giorgio Bugeia teschio, bara, . -----

 

Il corpo cadavere[70] "Induta est caro mea putredine".(Jb 7:5)

quando ? forse presto - mors non tardet (Si 14:12) - estate parati (Lk 12:40) - breve est tempo. (1Co 7:29)

"Ecce quam celebratis" (Dn 14:23-27) Il dragone adorato dai Babilonesi.

 

[page 367]
Il corpo scheletro omnes avaritiae student" (Jr 6:13)[71]

Gesu`

"Qui volunt divites fieri" incidunt in tentationem et in laquem diaboli". (Tm 6:9)

 

Il corpo polvere "Pulvis es et in pulvere revertis" (Gn 3:19)

 

[page 368]

[Homily 173]

Vocale e mentale

II

Il Rosario e' preghiera a Maria. Ci acquista la sua intercessione - La potenza di Maria in nostro favore e'immensa Tanto piu' che essa ci ama.

La Chiesa ha dato tanti vantaggi -

Chi puo' misurare quente vittorie sul peccato.

Uno dei favori spirituali sono le numerose indulgenze che si possono applicare alle anime dei defunti.

Chi sono?      persone come noi - cristiani - conoscenti - amici - famiglia - anime sante.

Dove sono?

Che cosa fanno? Soffrono, piangono, si purificano, aggiustano la veste della grazia.

Fino a quando? Ce lo dice S. Matteo "non uscirai fino a tanto che non avrai pagato il tuo detitto" (Lk 12:59) - Ricordiamoci tutti i peccati di 1o giorno, di 1a settimana.

Possiamo nio aiutarli

Nella messa c'e' il momento dei defunti.

Dobbiamo aiutarli

come possiamo aiutarli? Tutte le opere buone - la mortificazione - le indulgenze.

La Messa preghiera di Dio.

 

[page 369]

[Homily 174][72]

Il Figliol Prodigo (Lk 15:11-16)

I

"Pater, da mihi portionem substantiae quae me contingit." (Lk 15:11)

a) Spontatezza / in regionem longuiquas

b) Raffigurare nel giovane l'anima in peccato
- Abbandonato il posto nel cuor di Dio
- Perduta la stima
- Diventuta oggetto dell'odio id Dio
- Perduta la sua protezione
- Vi siete circondata di nemici
- Deturpato l'immagine di Dio: sapienza, bonta', omnipotenza, felicita'
- Perduto il diritto al cielo
- Il vostro nome cancellato dal catalogo
- Le opere buone coperte di un velo

Confusione - Rammarico - Pentimento

 

II

Ad quid? Volle la sua porzione.

"Dissipavit substantiam suam vivendo luxuriose". (Lk 15:13)

Colla vostra libera volenta' vi assomigliavate agli angeli, anzi a Dio stesso.

sapienza
Intelletto
Kunsill
Karita'
Għerf
Pieta'
Biża' ta' Alla

L'anima portava l'immagine di Dio

Il corpo membro di Gesù Cristo

Tempio dell Spirito Santo

 

III

Coepit egere                                                 Ut pasceret porcos (Lk 15:15)

Questo per lo star meglio che dal padre

L'anima in peccato oltre i doni della grazia perde anche quelli di natura.

I porci: i nostri sregolati appetiti.

 

IV

Hic fame pereo                     Surgam et ibo ad patrem meum (Lk 15:18)

- Le parole che il figlio dice al padre.

- Chi gli da coraggio di cosi' dire padre.
il pensare che egli è mio padre.
Se in quelche modo abbiamo imitato il figliol prodigo imitiamolo nella sua resoluzione.

 

[page 370]

V

Effetti della risoluzione

- Cum adhuc laonge esset vidit illum pater.

- Et misericordia motus est.

- Ecco come ricevuto il peccatore da Dio.

- Coraggio altro che disperazione.

 

VI

Accoglienza buona liberale.

- Proferte stolam primam et niduite illim (Lk 15:22)
(grazia santificante)

- Sate anulim in manu suis. (Lk 15:22)
(lo Spirito Santo coi suoi doni)

-Calceamenta in pedes eius (Lk 15:22)
(felicita' di camminare nella via di Dio)

- Adducite, occidete vitulum, mandicemus et epulemur (Lk 15:23)
(lo stesso sangue di Gesù Cristo)

Mortuus erat et reiscit
Perierat et inventus est (Lk 15:24)

"Ne permittas me separari a te" (:)

 

[page 371]

[Homily 175][73]

timore non disperazione

giustizia - misericordia

 

Dio sapetta

Dio chiama

 

Perdona gernerosamente

Prodigo (Lk 15:11-16)
David (2S 12:1-11)
S. Pietro (Jn 21:15-17)
S. Paolo

 

[page 372]

[Homily 176][74]

Christus Jesus venit in hunc mundum peccatores slaves facere, quorum primus ego sum – (1Tm 1:15)

I

Da mihi portionem (Lk 15:12)

Cuor di Dio
Stima
protezione
governo

Sapienza
Bonta'
omnipotenza
felicita'

II

Dissipaviat substantiam suam vivendo luxuriose (Lk 15:13)

simili agli Angeli – Dio
Immagine di Dio
tempio dello Spirito santo
membro di Gesu'

III

Coepit egere (Lk 15:14-15)

Cerco' padrone
ut pasceret percos
Guardatelo

Compiangendolo
cimpiangete
voi stessi

IV

Hic fame perio. Surgam et ibo ad petrem meum (Lk 15:17-18)

mi anima il pensiero che egli e' padre mio.
imitiamo anche adesso il figlio prodigo

V

Cum adhuc longe vidit et misericordia motus est (Lk 15:20)

non dieperare ma coraggio
con un padre cosi' buono

VI

liberalita'

Cito proferte stolam primam et induite illum Date anulum in manu eius. Et calciamenta in pedes eius. Adducite vitellum saginalum, et uccidete. Mirtuus erat et revixit, perierat it inventus est. (Lk 15:22-24)

 

[page 373]

[Homily 177]

1. Sta in mano nostra il fare buona meditazione "Non la speciale e straordinaria ma l'ordinaria".

 

2. La Meditazione e' l'esercizio della memoria, intelletto e volonta'.

Non sta nella dolcezza e gusti sensibile ma negli atti della potenza dell'anima.

Infatti quantunque sono secco, e duro, posso odiere i miei peccati, e posso amare Dio sopra ogno cose, e fare atti di virtu'.

 

3. E' errore di coloro che credono di non far buona orazione, perche non sentono dolore die peccati, ed affezione della virtu'.

Poiche' la volonta' non sta' nel senso ma nello sprito.

 

4. Io voglio il male quantunque senza questo pecco e pecco mortalmente.

Nave che si muove a vento e con remi fanciullo in mano e grade

 

5. L'Oradione e' mezzo e non fine.

Sempre possiamo darci all' umilta', pazienza, ubbidienza, mortificazione, rassegnazione.

 

6. Non importa se non si fanno grandi discorsi ma nell'atto della volonta'.

Distrazione in cerca di riparare

Come chi si addormenta.

 

[page 374]

[Homily 178]

Parola di Dio

"Beati qui audeunt verbum Dei et custodiunt illud" ai Farisei. (Lk 11:28)

"Qui ex Deo est, verbe Dei audit propterea vos non auditis quia ex Deo non estis" (Jn 8:47)

Le parabole di Nostro Signore nel vangelo di S. Luca.

Quanto importa il salvarci altrettanto importano le disposizioni per ascoltare la parola di Dio.

L'omnipotente "Omnipotens verbum tuum Deus".

Le parola degli apostoli ha cambiato la faccia della terra

La parola di Dio e' verita'. e la verita' prende valore di se stessa.

Il sole - il fuoco - il cibo.

Via             - durezza del cuore, e disipazione dello spirito/raccoglimento - comprensione

pietra - leggerezza dellp spirito, inconsistenza di volonta'
(profonda meditazione - fermezza nei propostiti)

spine          - affetti disordinati veso le creature.
(distacco - repellere l'amore disordanato)

terreno buono         concime / mortificazione
                                 pioggia / preghiera
                                 sole / carita' di Dio e prossimo.

 

[page 375]

[Homily 179][75]

Del Regno di Gesu' Cristo

I

Un Re terreno - la capacita', diritto, autorita', possesso, di Dio stesso - ossequiato ed ubbidito doa tutti i cristioni e principi cristioni.

II

Si prepare per una spedizione - e' mia volonta' di conquistare la terra degli infedeli - avremo

1.

Lo stesso trattamento

vestito
cibo
bevanda
tutto

fame
sete
nudita'
miseria

2.

Sosterremo fatiche

vigilie, viaggi, caldo

Andro' avanti io.

3.

Riporterimo ferite

sangue ma nessuno morra', vincitori.

Iddio e' con noi.

4.

Avrete parte dei frutti della vittoria giusta e meriti.

 

 

5.

Ma badate non alle armi nemiche

schiavitu', tiannia, morte certa.

 

Pensate e Risolvete

III

Gli altri Re a condizioni diversi hanno un unfinita' di seguaci - Tutti si offrifebbero pronti - ed il piu' generoso - Offrira tutto il suo a se stesso - non resterebbe nella ultima fila - attacherebbe a lato del Re i nimici.

Chi non accetta biasimato - se non la nobilita' dell' impresa, almento il timore della schiavitu' e della morte, dovrebbero farlhli vincere la sua poltroneria non vuol scomodarsi.

I

Gesù Cristo        Re per natura               - tutto da Dio
      " " "                per merito                    - tutte le dote perfette.
      " " "                per elezione                 - lo costitui' l'eterno suo padre.
      " " "                per potenza                  - lo vedremo nel giudizio
      " " "                per conquista               - col suo sangue
      " " "                Eterno                           - non ha fine il suo regno.
      " " "                Universole                    - tutti monarchi e sudditi l'ubbidiscono

[page 376]

Roconosciamo Gesù Cristo Re e noi suoi sudditi

II

Prima del discorso consideriamo i nemici: mondo, varne, demonio.

Sensualita', amore carnale, amore mondano.
Con questi si _________ il demonio

Se non si domano nelle cose lecite si ad essi il demonio.

 

Ho determinate di conquistare il regno e la gloria paterna - per arrivarci sotto i piedi il mondo e combattere i nemici.

Ciascuno avra’ il centuplo e la vita eterna. Se non mi seguite …. Schiavitu`, morte eterna. Venite prendete la croce e seguitemi

 

III

Chiunque ha un po` di ragione chi offrira' a seguire.

Chi è affascinato combatte prima i nemici.

Amarlo
Ricopiarlo

ut eum magis sequar
nella poverta' o nel disprezzo.

 

[page 377]

[Homily 180][76]

I

Un Re umano eletto da Dio al quale obbediscono tutti i principi e popoli Cristiani

 

I

Gesù Cristo che chiama tutto il mondo
Re        per natura
             per merito
             per elezione
             per potenza
conquista eterna universale

II

Discorso di questo Re voglio conquistare la terra degli infedli, chi vieni con me sara' contento del cibo, bevande, vestito, lavoro - e participera' con me della vittoria.

 

1. Lo stesso trattamento
2. Sostenne fatice andro avanti io.
3. Fatiche - vittoria certa tutti vincitori
4. Parte dei frutti secondi il merito
5. Badate schiavi torture - morte

II

Invito di Gesù Cristo nemici conquista gloria paterna.

III

Considerare la risposta dei sudditi di un Re cosi' liberale. Chi non accetta biasimato.

 

III

Chi e' piu' appassionato a Gesu' Cristo.

fatiche
battaglie
vittorie
trionfi

di stabilire il regno di Cristo in cuor nostro collo stesso intimo sentimento di imitarlo

 

 

[page 378]

[Homily 181]

Nascita di Gesù Cristo

"Exut edictum e Caesare Augusto ut describeretur universus orbis." (Lk 2:1)

Obbediscono all'Editto
Sentimenti che inspirava loro nel viaggio il Verbo di soggezzione ed obbedienza.
Ma Carsare? estraneo, idolatra.
la legge? dettata dall'ambizione dalla supperbia
Grande esempio come dobbiamo essere coi superiori

Come obbedizcono a costo di molesia
di pericoli, con pace e perfezione - le strade, stagione, delicatessa della Vergine -
avverra al interno - Giuseppe - i discorsi nelle tribolazioni - nel silenzio con Gesu'.

 

Peperit filium suum perimogenitum, et pannis eum involvit et reclinavit eum in proaesepio." (Lk 2:7)

Entrano in Betlem, cercano alloggio.
ma "non erat eis locus in diversorio".
E voi come la accogliete quando batte al vostro cuore?
Con pace accettano il frfiuto - e voi? come?

 

Giuseppe esce, cerca, trova la grotta. Consideratela.
Quest e' il palazzo in cui nascera' Gesù Cristo.
"All'ora decretata come il raggio cosi Gesù Cristo
"Aut ista fallitur aut mundus errat" S. Bernardo
Cosa gli dobbiamo noi due - che dire della nostra superbia della nostra comodita'.
Chiediamo gli umilta'

 

[page 379]
"
Facta est, multitudo, militiae ceolestis, dicuntium Gloria..." (Lk 2:13)

Gle uomini li regettano, gli angeli reconoscano.

Nasce a dar Gloria a Dio ... ecco il fine della nostra vita.

I Pastori - Circoncisione - I tre Re Magi - Purificazione -

Fugo in Egitto - Ritorno dall' Egitto.

Venuta nel Tempio

Giuseppe e Maria per Pasqua in Gerusalemme al Tempio.

Loro diportamento nel tempio, il nostro?

Eppure allora figura oggi realta'

 

"Mansit in Gerusalem et nesciverunt porentes eius" (Lk 2:43)

Le lascio, come, perche'

Il nostro distacco dai parenti?

Gesu' senza casa, senza cura.

Le nostra fiducia nella provvidenza?

 

"Fili prod fecisti nobis sic" (Lk 2:48)

Per norma la volonta' del padre

"et ipso non intellezerunt verbun prod hocutus est ad eos". (Lk 2:50)

"Che ne pensate dello stato religioso? Quanto lo stimate? come lo rispettate?

Gesù Cristo fui adombro' la vita religiose.

 

[page 380]

[Homily 182]

I Pastori al Presepio

Apparizione dell'Angelo ai pastori (Lk 2:13-18)

Li manda gente semplice e umile

Invencevitis infantem - umilta'

Pannis involutum - poverta'

Positum in proesepio - mortificazione.

I pastori vanno a Betlemme

Eamus usque ad Bethlem (obbidienza)

Venerunt festinantes (prontezza)

Preghiera, aspirazioni

 

Rogate Dominum messis Ut mittat operis in messem suam. (Mt 9:38)

Oremus

Deus, qui;non vis mortem peccatoris sed magis ut convertatur et vivat, da quesimus, per intercessionem Beata Maria semper Virginis et omnium sanctorum operarios Ecclesiae tuae, qui sint cooperatores Christi et se impendant et super impendant pro animabus.

Per eusdem Domini Nostri Jesu Christi etc.

 

Esame di coscienza, particolare e generale

 

L'Angelus Domini

 

Risposte Messa

[page 381]
Lettere di S. Paolo per tutti

 

Confessione e Communione.

 

[page 382]

[Homily 183]

Il ritorno dei Pastori

Parlano con tutto riconoscenti

"Omnes qui audierunt mirati sunt" (Lk 2:18-19) ed intanto i Giudei non si muovano - E noi coll'Eucaristia?

La Vergine attenta non perdeva cosa alcuna.

Imitiamo la Vergine, i pastori quendo attorno all' Eucaristia.

 

Vade Mecum

Preghiere del mattino

(L'intenzione di lurare l'indulgenza).

Preghiere prima e dopo il pranzo e la cena.

"De profundis". (Ps 129:1)

Novena a S. Paolo

Viaggi del Ritiro

Ritiro mensile

 

L'Anima dell'Apostolato"

da Padre Tabone - 5 copie (chautard)

Cornede - grevi meditazioni - 6 copie - Roberto Montoli.

 

Preghiera per le Missioni - di Pio XI

colla seguente

Ind. 300 giorni (29 Marzo 1908)

Antiphona: Quid statis tota die ostiosi? Ite et vos in veneam meam. (Mt 20:4)

 

[page 383]

[Homily 184]

Vita di Gesu' Cristo
dal 12 al 30 anno di sua vita

I      Erat subditus illis (Lk 2:51)

Morto Erode dall'Egitto fecero ritorno di nuovo in Nazaret. Entriamo in poco in questa casetta - vi regno carita', concordia, pace ilarita' (frutti dell'umilta'.

Chi ubbimisce? a chi obbedisce? in che modo? per quanto? in quali cose? (era come un servitorello).

E subesce superbe civis; Deus se umiliat et tu te exaltas.

Il      Proficiebat sapientia, aetate et gratia. (Lk 2:52)

aetate

sapientia        come il sole nei suoi effetti e non in se et

gratia              "Se non andate avantiandrete indietro".

Quali virtu' avete acquistato piu' ora? quali vi adoprate ad acquistare?

III          Nonne hic est fabri filius? Nonne hic est faber? (Mt 13:55; Mk 2:3)

La poverta' in Nazareth in quella casa
Tutto da se si guadagnano il pane quatidiano

La fatica                     Che lavoro                 il sole

E voi?      come amate la poverta', la fatica
                 come ci siam usati del tmepo finora?

Era venuto a curare il male nella fadice che e' la superbia (Questa e' la ragione della vita privata nascosta).

I misteri nell'orto (p.355)

 

[page 383]

[Homily 185]

"Haec est dies quam fecit Dominus exultemus et laetemur in ea". (Ps 117:24)

1.      Ecco il giorno, ecco l'ora, ecco il momento.

2.      Non temete. Gesu' per vostro amore si e' spogliato dalla grandezza.

3.      Approvazione di Gesu' sull'A;tare - suo sguardo - se poi fosse venuto a visitarvi.

4.      Gesu' non solo in guarda, vi visita, ma viene ad unirsi con voi.

5.      Oh quanto Gesu' vi ama: grotta, Egitto, flagelli, corona di spine, morte e croce.

6.      A tanto amore come avete corrisposto: pentimento, proponimento.

7.      Domandare la grazia pei ragazzi.

8.

9.      Ecce agnus Dei.

"Haec est diesquam fecit Dominus exultemus et laetemur in ea". (Ps 117:24)

 

[page 385]

[Homily 186][77]

"Cum dilexasset suos qui erant in mundo infinem dilexit eos". (Jn 13:1)

I

"Ecce ego vobiscum sum usque ad consummationem saeculi" (Mt 28:20)

Perche' Gesu' Cristo e' rimasto con noi?

1.       Non pr redimerci
2.       Non per conferirci grazia
3.       Ma per amarci e deliziarsi di noi.

"Deliciae meae esse cum filus hominum". (Pr 8:31)

Ascoltate.

 

 

Ed a questo fine.

1.         Si tiene nascosrto
2.         Si fa trovare ovunque.
3.         Riceve tutto in tutte le ore

 

 

- a consolare
- ad asciugare lacrime
- ad immorbidire cuori duri
- ad attrarre i peccatori
- a rinvigorire
- ad amimare e far coraggio
- a prodigare grazie a tutti

"Siamo piu' fortunati degli apostolo e dei descepoli."

Perche sentiamo freddi? Cerchimao di infervorirci.

 

II

Perche ci ha voluto lasciare il compendio delle sue piu' belle meraviglie.

"Memoriam fecit mirabilium suorum" (Ps 110:4)
[page 386
La parola del sacerdote - Betlem - Il tabernacolo - Nazareth - I tre anni di predicazione

Solitudine
Candide specie
I pochi adoratori (i pastori)
L'indifferenza di molti (i Betlemiti)

Obbedienza
Vittima

Pertransut beneficiendo et sanando omnes (Ac 10:38)

 

III

Perche' ha voluto unirci con coi e farsi una stessa cosa con noi.

Gesu' ad Agostino: "Cresci e mi mangerai ma non come il cibo."

Come si unisce a noi? in maniera di cibo e di bevanda.[78]

Con quali sentimenti vuole unirsi:-

Desiderio desideravi (Lk 22:15)
Nisi manducaveritis (Jn 6:54)
Qui manducat hunc panem vivit in aeternum. (Jn 6:52)

Quello che fa per amarci - sapienza, omnipotenza, nel trovarsi ovunque, nel sopportare le prove, grandezza, non si consuma.

Hoc facite in meam commemorationem (Lk 22:19) - Ricordat di me.

Come corrispondere. Visitare, accompagnare, assistere, receverlo, trattenersi.

 

[page 387]

[Homily 187][79]

"Cum dilexisset suos qui erant in mundi infinem infinem dilexit eos" (Jn 13:1)

I           "Ecce ego vobiscum sum usque ad consummationem saeculi". (Mt 28:20)

Perche Gesu' Cristo e rimasto con noi?

1.         non per redimerci
2.         non pr conferirci grazia
3.         ma per amarci e deliziarsi di noi "Deliciae miae esse cum filius hominum". (Pr 8:31) Ascoltatelo.

Ed a questo fine

1. Si tiene nascosto
2. Si fa trovare ovunque
3. Riceve tutti in tutte le ore.

Siamo piu' fortunati degli apostolo

Perche?

Perche' dunque cosi' languida, cieca, fredda, misera? Ah non saro' piu' come come il passero; in quesi giorni son cresciuti le ali: ho trovato il nido.

II           Perche' ci ha voluto lasciare il compendio di tutte le sue meraviglie.

"Memoriam fecit mirabilium suorum" (Ps 110:4)

Betlem
Solitudine
Candide specie
I poverelli
L'indifferenza

Nazareth
Obbedienza
Vittima

Tre anni di suo predicazione
"Pertransiit beneficiendo" (Ac 10:38)
Passione
Si immola, scende nel sepolcro.

 

[page 388]
III          Perche' ha voluto unirsi con noi, e farsi una cosa stessa con noi. Gesu' ad Agostino: Cresci e mi mangerai ma non come il cibo.

Come si unisce a noi? A manieradi cibo e di bevanda. Qual madre escogito' mai' di divenire cibo e medicina di suo figlio.

Con quali sentimenti vuole unirsi? desiderii, promesse, minacce.

Desiderio desideravi. (Lk 22:15)
Nisi manducaverites. (Jn 6:54)
Qui manducat hunc panem vivet. (Jn 6:52)

Quello che fa per unirsi

Sapienza, omnipotenza, grandezza.

"Hoc facite in meam commemorationem. (Lk 22:19) Ricordati di me. Come corrispondere - Comunione - Visite - Adorazione.

Consideriamo quale felicita' sono il godere la presenza di Dio.

Apostoli l'hanno avuto possibile e debole - noi nello stato di gloria.

Discepoli lo godevano ad intervalli - noilo abbiamo di continuo.

Popoli della Giudea, della Galilea, e della Samaria - voi potete goderne "xi darba" - noi ad ogni ora.

Beati del Cielo - lo stesso Signore che siede sul trono della gloria risiede quaggiu' sui nostri altari.

 

[page 389]

[Homily 188]

La Religione nostra tutta quanta e' compresa nell' idea della presenza di Dio in mezzo a noi. Senza la presenza di Dio il mondo diviene semplicemente un teatro e l'uomo spettatore di questo teatro.

"Ecce Ego vobuscum sum, omnibus diebus usque ad consummationem saeculu" (Mt 28:20)

Adoriamolo Chiediamogli perche, sta qua?

Perche?         Non per redirere le anime
                        Non per conferire la grazia.
                        Ma perche' "Deliciae meae esse cum filius hominum" (Pr 8:31)

 

 

Come sta

I profeti lo vedevano da lungo.
Iddio parlava loro, e per loro

Vi sta nascosto

parlava al suo popolo - I gentili gli idolatri, i pagano, sentivano

Dovunque

anche loro nel fondo del loro cuore e desiderando avere Dio

Riceve in tutte le ore

con loro. E con statue dicevano al Signore "Vieni, Vieni".

 

A che fare a consolare resciuga le lacrime

Illumina

Ammolisce i cuori indurati

i peccatori

Da forza ai deboli, ai pusillanimi

Spargere le sue grazie sopra tutti.

 

[page 390]

[Homily 189]

Vita di Gesu' nell'Eucaristia

Memoriam fecit mirabilium suorum

(Ps 110:4)

Nascita in Betlemme

Presenza reale alla voce del Sacerdote

Spelonca deserta

Solitudine della Chiesa

Candide specie sacramentali

Candide fasce con cui venne avvolto

I poveri che gli fan corona in Chiesa

I pastorelli che primi al adorarono

L'indifferenza di molti verso l'Eucaristia

L'indifferenza dei Betlemiti.

Tabernacolo poverissimo - augusto

Casa di Nazareth

preghiera in cui sempre si accupa per noi

Ritiro a nascondimento in Nazareth

Obbedienza ai suoi ministri

Obbedienza fino ai 30 anni "erat subditus illis". (Lk 2:51)

Pertransiit beneficiendo et sanando omnes (Ac 10:38)

Istrui', ammoni', consolo', risuscito' morti

Istruisce, ammonisce, consola, illumina, suscita grazia, sana infermita spirituali. Opera tutto il bene che si fa nella sua chiesa, dal tabernacolo per mezzo dal suoi ministri.

Pati'

Per lo stato si gloria non soffre dolore nell'umanita'. Ma gli affronti ad maltrattamento continuano.

Si immola sulla croce

Si immola ogni di, ogni ora per tutta la terra.

Fu sepolto - descende nel sepolcro

Descende nel sepolcro nuovo, non mondo, nel petto degli uomini.

[page 391]

 

Nell'orto sud sangue per la malizia degli uomini (Mt 26:49; Lk 22:44)

Nell'Eucaristia in uno stato di Vittima continua tiene sotto gli occhi tutto questo.

E' tradito da Giuda

Da quanti Giuda non e' oggi tradito.
Sopporta con ammirabile pazienza il bacia di chi si

comunica in peccato.

I suoi nemici ardevano di odio

Sono oggi meno solleciti di cancellare il suo nome se possibile.
Quante arti per ridurre i suoi fedeli e ribellare.

 

[page 392]

[Homily 190]

Nella cena viene raffigurato il Santissimo Sacramento

S Caterina da Siena

Portiamoci col pensiero nel Cenacolo. Il fatto dell' Istituzione.

Tempo            Non quando le turbe lo acclamavano; non quando saziate dal pane miracoloso lo volevano coronare Re; non nell'entrata trionfale in Gerusalemme. Ma in quella volta quando si pensava a dargli la passione e morte – "In qua nocte tradebatur". (2Co 11:23)

                        Non solo la passione, ma previde gli insulti dei giudei, eretici, cristiani sacrilegi. Sant'Ambrogio da il vitro a chi voleva tradirlo. Gesu' Cristo questo lo fa con chi sa che lo vuole tradire.

 

Usque ad consummationem saeculi (Mt 28:20)

Non in un sol posto della terra.

Non per una sola volta nella nostra vita.

Contuttocio' molti dicono come del Vangelo

"non possum venire". (Lk 14:20)

Che dire di un affamato incitato dal Re?

Che dire di un ammalato che reciesasse rimedi?

 

Ai

Mi consoli di voi nel vedervi a comunicarvi tutti i giorni.

Santa M. Maddalena di Pazzi.

 

[page 393]

[Homily 191]

-      Sguardo al Calvario.

-      Sull'altare si ripete la stessa scena.

-      Contemplare Gesu' nell'Ostia come crocifisso.

Chi ha trafitto il Capo colle spine?

- pensieri, desiderii;

Chi appanno' gli occhi?

- sguardi immodesti, curiosi;

Chi amareggiato la bocca?

- parola contro la carita', contro l'obbedienze mormorazioni;

Dilacerato il corpo, squarciato il costato, ferito il cuore

- inclinazioni del corpo tentazioni del demonio Vanita' di questo mondo.

-      Non siamo degni, ma domandiamo perdono.

Fa che le nostre comunioni ci tengano uniti coi vostri sacrifici, perche' un giorno riuniscano a voi nella Gloria.

 

[page 394]

[Homily 192

Fine della Chiesa nell'istituire questa festa[80]

La Chiesa guarda al tabernaccolo, osserva le umiliazioni, alle quali si e' sottoposto il suo sposo divino.   

Gli stessi uominin non corrisponde aggiungono delle altre umiliazioni
                                                                quanti non onorano la sua presenza
                                                                quanti non assistono al sacrificio della messa
                                                                quanti non participano del banchetto.

Negli altri misteri la divinita' si disvela - sul Calvario: "Vere hic homo Filius Dei erat" (Mt 27:54)

non solo non appare Dio ma neanche uomo - Eppure dice S. Tomaso "e' il maxunum miraculum Christi". Ma mentre i miracoli nella sua nascita, nella sua vita, nella morte manifestavano la sua grandezza, nell'Eucaristia sono i miracoli diretti a nascondere sempre piu'.

Si ci confondono questi annientamenti ci deve anche l'amore pre cui si assoggetta ad esso. Volle stare con noi - Volle darci il suo corpo ed il suo sangue "Deliciae meae ... " (Pr 8:31) in cibo e bevanda "Sangius meus vere est potus, caro mea vere est cibus." (Jn 6:56)

Quando piu' egli abbassa, la sua grandezza, tanto piu' vuole la Chiesa con questa festa che noi innalziamo coi nostri amaggi - Essa e' il trionfo di Gesu' umiliato in questo Sacramento.

Trionfo pubblico        non nei soli templi ma per le pubbliche vie.

Trionfo universale,    da ogni nazione, tutti si inginocchiano, dinanzi a Dio in Sacramento.

Trionfo luminoso       per la bellezza delle cerimonia la devozione del popolo che assiste alle cerimonie, "pertransivit benefaciendo". (Ac 10:38)

Quanti reguardi per gli uomini, e niente per Gesu'.

Anche nei cristiani che sono devoti quanta tiepidezza - e forse anche sacrilegi.

 

[page 395]
Noi dobbiamo onorarlo - ravviviamo oggi la nostra fede prima di avvivinarci a riceverlo.

 

Umiliazioni concomitanti il Sacramento

Umiliazioni aggiunte dagli uomini.

 

Nostro dovere

Di secondare la Chiesa, nel portarla in trionfo.

Ma stamani nel comunicarci perche' fine ultimo di questo sacramento e soltanto questo - grandi fede, ed amori, per riparare a tutte le umiliazioni - viviamo uniti sempre con Gesu' in sacramento per restar uniti con Gesu' in cielo.

Miracolo      "Venite et vedete opera quae posuit super terra".
Il cambiare delle sostanze.
Il sussistere delle specie senza la sostanza
Il corpo di Gesu' nello spazio del tabernacolo
La presenza in tutti le ostie.

 

[page 396]

[Homily 193]

Cuore adorabile del mio Gesu', nascosto, 'annihilato' per amore degli uomini in quella sacra ostia, io desidero in questamattina gli ardori di un Serafino per poter corrispondere a quell'amore tenerissimo che mi addimostrate, e per ricevervi dentro di me nella maniera la meno indegno che ci' possibile - Pero' io veggo la mia fredezza, la mia insensibilita'; ed allo stesso tempo penso a quantoe volte ho offeso il vostro amorisissimo cuore - Se in questo mattino non ti posso offrire il mio cuore puro come e' uscito dalle mani di Dio io son pronto ad offrirvelo sinceramente pentito, e col dolore piu' vivo intendo riparare alla mia passata ingratitudine - Percio' prime di ricevervi assicuratemi del vostro perdono, dite a me pure cio' che diceste alla peccatirce di Maddalo.

Ti son rimessi i peccati.

 

[page 397]

[Homily 194]

Perche' Gesù Cristo ha salvato il mondo colla croce e coi patimenti.

Per darci alla preghiera bisogna soffrire.

per istruire bisogna soffrire

per sollevare i mali bisogna soffrire.

Lettura (Tentazione di Cristo nel deserto) p 263

Lettura "I due stendardi" p.288

Sopra il portare la corce p.380

Sopra la carita' del prossimo p.251

 

[page 398]

[Homily 195]

L-Imħabba t'Alla

            Il cuore e' fatto per amare e sente il bisogno della presenza dell'aggetto amato. Sa cio' si spiegano le tristezze della separazione, le lacrime che accompagnagno la morte, e tutte quelle connessioni dolorose le quali dicono abbastanza chiaro che quando si ama, e' necessario vedersi, e, se si puo' non abbandonarci mai.

            Dio ama l'uomo - e di tutti gli amori l'amore a Dio e' quello piu' radicato nel cuore dell' uomo - Ecco percio' di conseguenza la presenza reale di Dio all'uomo e dell'uomo a Dio.

            Percio' insin dai primi giorni questo presenza si desidera' dall'indomani della creazione. Ed a misura che i Patriarchi ed i profeti sentono un amore piu' intenso per Dio lasciano sfuggire i piu'ardenti sospiri. E gli stessi popoli idolatri ne sentono cosi' forte il bisogno che gli errore dell' idolatria non hanno altra origine - Quei templi, quegli idoli non sono che le grida dell' unamita' che invocano Dio e gli dicono, "Vieni, discendi fra noi, fatti uomo, fatti marmo, se bisogna, piuttosto che privarci della presenza reale".

            Dio che ama l'uomo pou' che non e'amato - Finche' l'uomo ne fu degno non gli aveva negato questa felicita'; e la scrittura ce lo dimostrata che passaggio entro l'Eden con la tenera famigliarita' di un amico e di uno sposo - Ed obbligato a ritirarsi si soffre. L'aspettazione di 4,000 anni nin e' sopportata dal suo cuori, dal suo amore. Egli si msnifesta continuamente all'uomo sotto forme diverse, per mezzo die suoi profeti, fa pervernire all' uo,p parole di tenerezza id tenera ricordanza.

            Ed eccoci all'incornazione - Ma la vita mortale di Gesu' era breve - e che 33 anni e' poi' tutto finito? Non fu quella presenza che domanda il cuore, poiche' il cuore esige la durata della presenza, e dice all'oggetto amato "restati, restati sempre; non ci abbandoniamo mai".

[page 399]
            Era circoscritta. La Palestina un piccolo lembo si terra, avra' veduto il Salvatore, e il resto del mondo sara' privato di questo incomparabile dono? e' le anime sparse per tutto il mondo e le anime che vissero dalla venuta di Gesu' fino ad oggo e che vivranno fino alla fine del mondo devono esse restare prive? Cio' e' impossibile e percio' venuto Gesu' vi doveva restare, fino dalla consummazione dei secoli (Mgr Bougand[81] - Il Cristianesimo ed i tempo presenti) Vol IV la chiesa.

 

[page 400]

[Homily 196]

Il vangelo - la fanciulla

L'amore sta nelle opere piu' che nelle parole, "Si diligitis me mandate mea sirvate. (Jn 14:15)

L'amore consiste nella comunicazione dei beni tra l'amante e l'amanto.

 

Benefici dellla Creazione

tutte le cose create per l'uomo

Piccola Teresa                      S. Francesco

Benefici particolari, animo, corpo, nascita, fortuna.

 

Benefici di Conservazione

l'uomo e' l'oggetto del governo di Dio conserva le creature affinche' lo aiutano al fine.

Benefici paricolari, di grazia, pericoli, scappati, bei non conosciuti.

 

Benefici di redenzione

L'Eterno Padre da il Figlio

Il Figlio da' il proprio Sangue

Lo Spirito Santo diffonde nei cuori la sua carita'.

Gesu' -            dottrina
                        virtu'
                        esempi
                        La Madonna
                        la Chiesa
                        I sacramenti

particolari -    vocazione stato religioso

 

Benefici di glorificazione

Il suo regno, se stesso.

La mia liberta' tutto me stesso

[page 401]
e presenti

Come Iddio abita nelle creature tutte

in elementis            - esse
in plantis                  - vivere, vegetare
in animalis               - sentire
in hominibus           - intelligere

 

in me: esse, vivere, sentire, intelligere o far di me suo tempio

 

Dio e' presente in tutti i benefici

 

Per essenza       / perche' e' causa

                            / qua di.

 

Per potenza / poiche' le conserva continuamente

Non come le natura
            sesso

 

Per presenza /

"in ipsum vivimus et movimus et sumus" (Ac 17:28)[82]

 

Per grazia /

nel Sagramento

"ad eum veniemus et mansuram faciemus" (Jn 14:23)[83]

 

[page 402]

[Homily 196]

Il nostro vantaggio

"Si hoc fiat sufficit"[84] basterebbe per l'eterna saluta. Facile, nessuno pou' dire di non poterlo adempire - possiamo essere impediti dal digiunare, fare penitenza, piegare - ma amare il prossimo mai. (Lk 10:28)[85]

Pace e prosperita' che ne segue.

Discordia "omne regnum in se divisum desolabitur et domum supro domum cadit". (Mt 12:25) paragona il Vangelo ad un terremoto.

"Maledictus qui seminat inter fratres discordiam"

"Pax vobis" nella messa, nella Comunione.

 

[page 403]

[Homily 197]

Dell'Eccellenza - Della Necessita'

Comprovazione dalla Sacra Scrittura

S.Giovanni. "Si sic. Deus dilexit nos; et nos debemus alterutrum deligere". (1Jn 4:11)

Come S. Giovanni ne inferire da questo che dobbiamo amarci a vicenda e non che dobbiamo amare Dio?

I           Per farci capire l'eccellenza della paterna carita'.

Infatti leggiamo in S. Matteo la domanda fatta dal Dottore della legge. "Magister quod est mandatum magnum in legge?" "Diliges Dominum Deum tuum ex toto corde tuo, ex tota anima tua, e in tota anima tua." Secundum autem simile est huic. "Dileges prozimum tuum sicut ti ipsum. (Mt 22:36-39)

II           Per significarci; come vanno uniti insieme l'amore di Dio e l'amore del prossimo.

L'amore di Dio e' e dove essere il motivo dell' amore del prossimo.

"Si diligamus in viam, Deis in nobis manet, et charitas suis in nobis perfecta est". (1Jn 4:12)

Spicca l'amore che Iddio porta gli uomini nell' univie l'amore verso di Lui all'amore verso il prossimo.

Un Re che ci msttessi inanzi al suo servirore.

III          Perche' coll'amore il prossimo si mostra colle opere che si ama Dio.

 

[page 404]

[Homily 198]

Carita'

Eccellenza - "Deus Caritas est." (1Jn 4:8) Dio si onora col nome di carita'. La carita' fa del mondo un paradiso - Dove non e' inferno.

Motivi - E' volonta'di Dio.

S. Giovanni Apostolo la raccomendava sempre. Racconta di lui S. Gerolamo che essendo vecchio in tutte le feste facevasi portare i chiesa per un po di predica - Filioli diligite altuutrum - Perche' sempre la stessa raccomandazione? "quia proeceptum Dominum est, et si hac solum fiat sufficit."[86] Quando ce l'ha dato Nostro Signore? - Nel cenacolo dopo la lavanda per le tre volte.

a) Hoc est praeceptum meum ut diligatis invicem sicut dilesci vos. (Jn 15:12)
b) Hoc modo vobis ut diligatis invicem. (Jn 15:17)
c) Praeceptum meum do vobis ut diligatis invicem (Jn 13:34)

Sicut dilesci vos come ci ha amato? Si abbasso' (Ph 2:7), si fece uno di noi, sopporte la fame, la sete la stanchezza, la poverta' ed ogni sorte di patimenti, ha dato il sangue, la vita.

Mando - Mandatum novum do vobis - In hoc cognoscunt omne omnes quod discipuli miei estis si delictionem habueritis ad invicem". (Jn 13:34-35)

-           questo e' il testamento di Dio che muoie fra noi".

saremo noi cosi' ingrati da non osservarlo? - Leggiamo negli atti Apostolici che i primi cristieni "erant corunum et anima una". (Ac 4:32)

S. Paolo         Niente
S. Giovanni    Vidi turbam magnum.

A che fanno i Santi in Paradiso? Qual e' la loro occupazione?

Non giudicate       S. Giacomo "chi sei tu da guiudicare il prossimo? (Jm 4:12)
S. Paolo. "Chi sei tu da giudicare i servi di Dio? Se fanno bene ae avran meritato da Dio, sa male ne renderanno conto a Lui. (Rm 14:4)

[page 405]
Non condannate

Perdonate

L'uomo e' creato per essere amato e per amare.

L'amore sta nell'opere e non nelle parole.
L'amore sta nella comunicazione dei beni

"Si diligitis me mandate mea servate. (Jn 14:15)
"Probatio dilectionis exhibito est operis". S. Gregorio.

Ambulante in delectione sicut et Kies dilexit nos" (Ep 5:2)

Ridurre alla memoria i benefici:

Benefici di creazione tutto per l'uomo l'uomo ad imagine di Dio
Benefici di conversazione. L'uomo e' tutto per l'uomo.
Benefici particolari / pericoli scampati - beni el arigiti
Benefici di Redenzione - La chiesa coi suoi vivifici sacramenti.
Benefici di glorificazione
Il Sacramento dilla Penitenza - Secondo posto naufrago cadura

Esame                Presenza di Dio

Dolore                 sua grande importanza – essenziale - senza dolore non si ottiene perdono - dunque bisogna che ci applochiamo con tutto lo studio a concepirlo non basta l'esame, non la confessione ma il dolore ci vuole per cancellare il peccato.

Proponimento    Il dolore non e' atto del senso ma della volonta'. Consiste nella detestazione del cuore. Consiste nell'odio che si concepisce del peccato.

Confessione      Somma (apprizziative) cioe' stimando il peccato per quel male sommo che e' percio abominarlo sopra ogni male.

Penitenza

 

[page 406]

[Homily 199]

Usare Carita'

"Estate misericordes sicut et Pater Coelestis misericors est". (Lk 6:36) Iddio non ci per la misura gli uomini ma lo stesso sup padre celeste.

Modo di usare Carita'

Non giudicare
(pensiero)

giudizi temerare sospetti
Chi ha carita' (S. Agstino) pensa bene di tutti

Se si vede il prossimo che pecca –
[non] pensate male ma abbiate compassione.

San Filippo - sentendo male degli altri temeva di se

 

Perdonate e vi sare perdonato (Lk 6:37)

Tenerci lontani dalla vendetta non guardate il compagno che vi fa peccare

Il Signore ha reservato la vendetta per se "mea est ultio" – (Dt 32:35)[87]

Egli fu il primo.

Esempi di Gesu' che domanda perdono per suoi crocifissori (Lk 23:34)

Il vescovo Cipriano nomina crede il cornefice

Alacio vende i calaci pei pagani

Il fatto di S.Giovanni Guelberto che si incontro' nella via con uno che aveva ucciso il suo padre.

 

Stiamolo e' la misura con cui uno viene pagato -

Noncinanza
bonam
Confertam
coagitatem
supereffluentem

 

[page 407]
I mali compagni

Il pastore colla pecora

Con il demonio col cattivo vompagno

 

Racconta Tommaso Contipratuni di i suo discepoli

 

[page 408]

[Homily 200]

Carita'

-           Entrano senza conoscersi. Vivono senza amare.

Muoiono senza

-           Se vivessero per alcun tempo esclameranno

"Bonum est nos hic esse".(Lk 9:33)[88]

Ragioni

I

Volonta' di Dio

S. Giovanni: "filioli diligate alterutrum.

Praeceptum Dei est si hoc fiat sufficit."[89]

Quando nella cena.

Modi - Sicut dilexi vos (Jn 15:12)

 

Vantaggi

Si hoc fiat sufficit.

 

[page 409]

[Homily 201]

Carita'        Caritatem ed invicem habentes quod est vinculum perfectionis (Col 3:14)

Volonta' di Dio (quia praeceptum Domini est) [90]

S. Giovanni Apostolo il discepolo della carita'

- quel che racconta di lue S. Gerolamo - "quia preaceptum domini est, et si non solum fiat sufficit."

Nostro vantaggio (Si hoc fiat sufficit)

- perche chi ama il proccimo, ama Dio ed amando Iddio ed il prossimo - si osserva tutto la legge si acquista il paradiso. (1Jn 4:20)

- si puo' essere esenti dall'orazione, dal digiunt, e dagli atti comuni - ma giammai dal'amare il prossimo.

- David "ecce quam bonum" (Ps 132:1) etc - Comunita' con carita' e' paradiso - I santi in paradiso si amano Dio si amano tra di loro. S. Giov. Hoc domus Dei et porta coeli (Gn 28:17)

 

vantaggio la prosperita' della casa

 - in un regno la querra e la pace -

- per contrario. "regnum divisum desolabitur et domus sopra domum cadet" (Mt 12:25)

La pace regno

Con la Carita' in una comunita'

La pioggia su in terreno

Con la carita' in una comunita'

 

Al contrario la descordia

"Regnum divisum desolabitur et domus supra domum cadet." (Mt 12:25)

Grande danno quando traspare al di fuori.

 

[page 410]
S. Giovanni "Praecepti Deum est" Esempio della 2 persona della Santissima Trinita.

 

Si hac fiat sufficit

 

[page 411]

[Homily 202]

"Beati misericordiosi quoniam ipsi misericordiam consequentur" (Mt 5:7)

            La misericordia, dice S. Agostino e' una compassione (tbatia) nel nostro coure dell'alturi miseria. E San Tomaso dice che la misericordia e' una virtu' molto grata a Dio e cara agli uomini. Ora e' appunto un atto di questa bella virtu' che viene da noi frichiesta. Ed a muoverci ad emetterla siamo oggi invitati a gettare il nostro sguardo sul letto di un moribondo osservatelo dove va? egli va nell'eternita' "ibit homo in domo eternitatis" (Qo 12:5) una eternita' beata se muore in grazia di Dio od una eternita' di pen se esce da questo mondo eternitatis" una eternita' beata se muore in grazia di Dio od una eternita' di pene se esce da questo mondo in peccato mortale". Oh che momento terribile; - Cade, dice S. Bernardo, cade una bestia da soma e si trovano braccia pietose per rialzarla. Un'anima anzi, migliaia di anime cadono nel peccato e nell' inferno e se ne da penciero all'ora della morte di un peccatore il demonio sapendo che non gli rimangono piu' che pochi minuti per tentare qull'anima e guadagnarla per sempre, si avvicina al morente con rabbia grande, e moltiplica i suoi sforzi per perderla "descendit diabolus habeus iram magnam scius quid modicu tempus habet". (Rv 12:12) - ora vedete quntunque la morte di giusti sia ordinariamente piena di pace e di contentezza, pure talora per divina disposizione, il demonio ha facolta' di tentarli gravamente, come si legge di S. Andrea Avellino, il quale fu circondato durante l'agonia da numerosissimi demoni e fu visto tremare, peangere, ed iscurarci in volto. Che cosa sara' dunque dei poveri peccatori i quali hanno trascurato in vita l'anima loro? Anime' quale spavento non iacutera' loro il pensiero delle loro colpe e della dannazione vicina. Come vorebbero por ritornare indietro. Come bene direbbero colui che li aiutasse in quei terribili frangenti a fare una santa morte e ad evitare l'inferno.

            La Chiesa madre tenerissima dioe fedli moltiplica le sue premure attorno il letto dei miribondi. Il retuale romano cintiene calde esortazioni ai sacerdoti affinche' spieghino il maggio zelo possibile nell' assistere gli
[page 412]
agonizzanti. Quanti bellissime preghiere non metto loro sul labbro Essa conosce a pieno quanto le anime hanno costato al suo sposo Divino; sa che da una buona o cattiva morte dipende l'eternita' felice o sventurato dei suoi figli, che la grazia di una santa morte e' la piu' grande che si possa ricevere, anzi il cimplemento, il coranamento di tutte le altre grazie. - Ma molti mono che fuggono alle cure materne della Chiesa non solo fra gli infedeli e fra gli eretici ma eziandio fra i cattolici, causa il numero ogno crescente delle morti improvvise e la scarsita' dei sacerdoti in certe regioni.

            Ora eccola voce della misericordia: Chi pensera' a questi infelici? Chi verra' loro in aiuto? Chi li strappera' dagli attigli di Satana, che gia' sembra sicuro della preda?

            Ecco qua' e' la "Pia Unione de Transito di San Giuseppe" alla quale stamane state pe essere ascritte. Si per mezzo di un Apostolato di preghiera e di mortificazione alle quale la Pia Unione vi invita di praticare voi potrete recare un bene un sollievo immenso a quste anme che continuamente partono per l'altro mondo. Vendete il numero degli uomini che popolano la terra si fa resalire a 1,500,000,000 in questo principio del secolo XX - Ebbene da accurate statistiche resulta che ogni anno 50 milioni di vite umane sono troncate dalla falce della morte. Sono dunque a un prsso 1.50 mila morti al giorno, 6,000 all'ora, 100 al minuto secondo - Con ogni palpito del mio cuore, un altro cuore, mano cessa di palpitare.

 

[page 413]

[Homily 203]

            La sua maggiore carita' risplende nell'offrire il suo figlio Gesu' per la salvezza degli uomini.

            Questa carita' in Cielo non e' scemata ma cresciuta, "quia magis nunc videt hominum miserias.

            Ecco quanto e' ragione all'ultimo del mese festeggiamo il Cuore di Maria.

            Lo festeggia col cercare di imitarla. Abbiam usato qualche parola che potesse offendere il nostro porssimo. Risolviamo adesso prima di abbondanare la cappella.

            Il mezzo e' con il Sacro Cuore di Gesu' "Cor Mariae cor Jesu".

            Chiusura del mese di Maggio.

 

[page 414]

[Homily 204][91]

Della confessione

"Ut homo ordinet vitam suam
Secunda post nam fraqium tabula.

Esame (non il particolare) ma il generale - da farci tutti i giorni in:

I

Presenza idi Dio o Ringraziamento

II

Domandar luce

III
ezami

Pensieri se si a consento - se si da ascolto per alcun poco
Parole parole cattive - parole oziose - menzongne - detrazione mormorazione – peccato in pubblico – Opere 10 comandamenti, precetti della chiesa - doveri propio stato - Ommissioni

IV

Implorare il perdono - Dolore -
sommo, considerando il peccato come il maggior male che possa darsi.
universale che si estenda a tutti i peccati
soprannaturale i.e. non per motivi naturali od umani come pel:

 

Dolore imperfetto

- disonore, perdita di beni temporali malattia, castigo
- ma per motivi scoperti della fede - timore dell'inferno
- speranza del Paradiso, Bruttezza del peccato inse stesso

 

Dolore perfetto

- L'amore solo di Dio,
La sentenza / il perdono - dipende dal pentimento

Mezzi per otteneri il perdono ed il Dolore

1. Preghiera, 2, Penitenza, I considerazioni dei motivi che ocitano al pentimento

[page 415]
Del Proprio

Il pentimento ha due faccie

- coll'una guarda il passato e si chiamo Dolore
- coll'altra guarda il futuro e so chiama Proponimento

Fermo
Universale
Efficace

occasione prossime

"Attende lectioni" (1Tm 4:13)

La Confessione

umile

sia umile internamente ed esternamente
senza scusa
Non incolpare altri
Tacere quando parla il confessore.

 

Tutti, col numero o presso o poco
Circostanze che variano la specie - siamo sulla lingua come sono sul cuore
Senza vergogna Il ladro galanuomo - la confessiono da Sacramento piu' devozione.
sacrilegio - che pecca / merita biasimo, ma chi si confessa merita lode.
Quello che piu' ripugna confessa per primo – o dite 'Padre mi aiuti'.

Soddisfazione

Quanto diverso il tribunale di Dio da quello degli uomini - Iddio esercita la misericordio senza escludere il castigo

E' di consiglio aggiungere alla penitenza del confessore

E' parte integrale - si faccia presto.

 

[page 416]

[Homily 206]

Il Sacramento della Penitenza

 

I              Il vero,il sommo, l'unico male e' il peccato - Il remedio e' la penitenza - Gesu' Cristo ne istituisce un sacramento. Che sarebbe della maggior parte dei Cristiani se dopo il Battesimo non vi fosse altro remedio? Gli angeli condannati dopo il primo peccato - La giustizia umano condanna al primo delitto.

II             Che pretende Dio per usarci tanta misericordia? Non torture, non per poche volte, non restringe la facolta' alle alte dignita' della Chiesa.

Medico che guarisce ...

III            Naaman Diro ed il Profeta Eliseo ... lavarsi sette volte al fuime Giordano (2K 5:27)...
Racconta S. Bonaventura che mentre San Francesco ...
S.Beda, di un oeccatore che non sapeva risolvere di confessarsi mori' disperato.

IV           Se anche non si vien tolto il tempo, possiamo perdere la grazia, ci mettiamo in oericolo di perderla.

V            Chi differisce non merita la grazia.

VI           Riflettano gli accidiosi.

VII          Danni e pericoli degli accidiosi.

VIII         Perdono gli assiti del Confessore come medico, Maestro, Giudice, Padre.

IX           La pratica della confessione ci fa esercitati nella Fede, Speranza e Carita', e le virtu' morali.

X            L'esame di coscienza ci conduce alla noi stessi.

XI           Viene domata la superbia.

XII          S.Alfonso M. de Liguori - S. Brigida.
S. Caterina S. Carlo Borromeo, ogni mattrina pensa di celebrare la messa.

XIII         Imitiamo i santi - quante cure per conservare il corpo - abbiamo almeno le stesse per conservare l'anima.

XIV        Il giovane prigioniero che non voleva confessarsi e fa trovato morto.

 

[page 417]

[Homily 207]

Confessione

obbligo ossia necessita'

- Il paradiso si entra coll'innocenza conservatoa o ricuperatoa - "Secunda fost naufraia tabula"

- E' un precetto. Il Concilio di Trento

- La Chiesa obbliga una volta ma il mio desiderio

Vantaggi della Confessione

E' un rimedio sicuro contro il peccato.
E' un rimedio divino - il suo sangue divino.
E' un rimedio pei peccati piu' gravi, piu' segreti.
E' un antidoto del peccato.
E' un rimedio pronto.
E' un rimedio facile poiche' e' padre, e' medico deve applicarlo - il prete, e' medico, e' costretto al segreto. Ha lo stesso potere di Gesu' Cristo.
E' un remedio dolce e consolante.

Qualita' della Confessione.

Sincera
Umile, unita al Dolore interno ed al proposito generose.

 

[page 418]

[Homily 208]

            La vita di Gesu' in terra e' stata un atto di donazione di se stesso. E quelli che chiama alla sua sequela li vuole prfettamente uguali a se - Sono vittime con Gesu' vittima. Nei campi della missione e' dato ad alcune di mescolare il proprio sangue a quello di Gesu' - Ma tutte sono tenute di dare se stesse.

            Ha dato il propio lavoro, il proprio ripose - Predicare, insegnare, guarire, consolare. I giorni non sono suoi, sono alla disposizione di tutti - le notti che non passa nell'orazione li impiega coi descepoli - notti insonni, parti in fretta, viaggi al sole, stanchezza,

            Lo fa indietreggiare, ne calunnie. Gesu' ha abbandonato tutto. Disprezzi - ingratitudine. Si stanca, si riduce in niente con abnegazione.

            Anche la religiosa di vita attiva deve darsi tutta pei suoi fratelli. Essa unita al suo sposo Gesu' diviene vittima pei peccati di tutti, per il bene di tutti - Il lavoro, il riposo, il tempo, le forze, la vita stessa non sono piu' suoi ma essa ha dato tutto, ha consagrato tutto a Dio.

            "Abnegat semetipsum" (Mt 16:24)

            "Qui volt venire abnegat semetipsum" (Mt 16:24)

            "I sacrifici e gli olocauste non ti sono stati aggredevoli. Tu mi hai dato un corpo". (Hb 10:5) Si tu mi hai dato un corpo, un cuore, un' anima, ecco in te li offro, li consacro alla gloria alla salute delle animae.

 

[page 419]

[Homily 209]

III          Nella sua generosita' Gesu' ha abbandonato tutto - Come Verbo ha lasciato il cielo, il riposo che gustava nel sen del padre, la pace dell'eterna beatitudine - Come uomo ha abbandonato tutto per abbracciare una vita di sofferenze e sacrificio.

            La religiosa ad imitazione del suo sposo ed in unione a Lui coi tre voti di ubbidienza, peverta' e castita', essa abbandona tutto e si slancia nel suo fervore - rinunzia a tutto cio' che sa si terra. Essa chiude il suo cuore ai sentimenti del mondo e lo apre e lo riempie dei sentimenti del cuore del suo sposo.

            Si Gesu' il suo riposo, Gesu' la sua consolazione Gesu' la sua pace. Gesu' durante tuttala sua vita, Gesu' sopratutto nel punto della sua morte, Gesu' per tutta l'erernita'.

 

[page 420]

[Homily 210]

Qualita'

Sia sincera

totale:      spirito
                 sensi

irrevocabile

Doveri

Diveniamo figli, servi, sudditi.

sunque onorarla, servirla, amarla

Pregarla

Imitare le sue virtu'

Diffondere il suo culto

Vantaggi

Le parola di Dio piu' fruttuosa

L'istituto diventa l'immagine di Nazareth.

Il nostro lusso ci santifica.

Se saremo in terra saremo anche in cielo.

 

[page 421]

[Homily 211]

Gratia Dei vita aeterna

            Eccoci alla fine. Rinvitgorite in noi la grazia che vogliamo conservare.

            La grazia e' dono di Dio solo - tutti gli uomini, tutti gli angeli? no

-           Per la grazia era necessario che Dio si facesse uomo - necessario per la salute

-           La nostra santificazione, oggetto della grazia.

-           Dalle fedelta alle grazie dipende la nostra saluta.

Nel ritiro abbiamo studiate la nostra fedelta'

Mezzi

-           Stima - della grazia

-           Ogni grade di grazia corrisponde ad i gradi di gloria vuol dire Maggiore conoscenza di Dio ed amore.

-           Allontanare cio' che impedisce l'azione della grazia.
dissipazione - attacco alle creature

Meditazione ed esame.

 

-           Dopo un numero di anni ne arrivera' un giono che per noi sara' l'ultimo.

            Come morremo? dove? quando?

            Supponiamo uno stato di tiepidezza l'annunzio della morte - impreparata. Vede tutta la vita una catena di peccati vieniali, ma il doppoi di mortali

-           Forse certe di non aver passato i confini del male

-           Esercizi di pieta' mormarazioni - sguardi.

-           In vita chiudeva gli occhi, ma ora colle porte addietro le si aprono

 

Opere buone sono il prezzo e non dono pel paradiso

Altro e' il fare opere buone altro il farle bene.

 

[page 422]

[Homily 212]

"Vos contris tabimini sed tristitia vestra con verlitur in gaudium". (Jn 16:20)

-           Abramo chiesto da Dio a sacrificare il proprio figlio. (Gn 22:9-14)

-           Che un padre immoli il figlio e' la prova magna.

-           Eppure le spose delSignore sono provate con una maggiore - l'aridita' la desolazione

-           Ma come Abramo sara' glorificazione

 

In che consiste la prova

-           Sottrazione delle consolazioni sensibili.

-           L'effetto di tale ritiro e' chiamato notte.

S. Teresa cessa il fervore dello spirito - mi pare di non aver fatto alcun bene - le sofferenze mi opprimono – non pensare a Dio – non so dove sono.

-           S. Alfonso sulla fine dei suoi giorni – Per le anime unite a Dio vi sono sofferenze piu' crudeli della morte - timore di peccato - inclinazione al male - sentirsi lontano da Dio. Chi sa se mi salvero' – non permetta si che io sia dannato

Gesu' Cristo soffre l'abbandono del Padre. Si vide carico du tutti e' peccati del mondo.

 

Perche' appaghi chi ama? non puo renderli buoni senza flagellarli?

Come la vita corporale cresce a grandi, cosi' la spirituale

Come il metallo per diverntare utensile.

Quid durante la prova?

Si sottomette alla volonta' di Dio.

Aspetti con pazienza la calma

Si confidi nell'aiuto del Signore

Aspetti le sue misericordie.

            Continiamo a fare tutti i doveri ed obblighi trascinandosi accorrendo agli esercizi di pieta' agli atti comuni. Atti di fede, speranza, carita'. Non si mantenga chiusa col cuore ma palesi le sue angoscie.

 

[page 423]
Abbiamo la sorte di essere desolati ma consolati - Vos contentabimus etc. Come ad Abramo cosi' alla buona religiosa.

Pace in vita

 

affare

Tranquillita'

in morte

beni

Gloria

in Paradiso

occupazioni

 

tutti i beni
nessun male
visita di Dio

 

visione

Possesso

Godimento

Ecco le eterne consolazioni alle stesse desolazioni.

 

[page 424]

[Homily 213]

Predica I

Nel creare l'uomo Iddio gli assegno' un fine.

Questo fine assegnato all'uomo e' lo stesso Dio. Percio' l'uomo poi in quanto Cristiano nelle azioni di una vita deve unitare l'esempoi di Gesu' Cristo. Lo deve imitare nell' innocensa, e percio' deve tendere a sradicare dal suo cuore lo spirito della prevaricazione, mantenendosi sempre in tutto e dappertutto uniforme al fine che gli e' stato da Dio prefisso. Lo deve imitare nell'umilta'. e' percio' non deve mai' compiacersi di se stesso, della sua posicione, della sua buona nascita, ne compiacersi nella lode da altri tributatagli.

Lo deve imitare nell'ubbediensa, e l'ubbedienza che il cristiono deve esercitare non consiste slotanto nella esterna sottomissione ai cimandi dei superiori ma deve in particolor modo consistere in un fermo e determinato sentimento di voler sottomettersi all'altrui volonta'

S. Luigi Gonsaga gradiva piu' l'ubbedienza ed un suo compagno, che ad un suo superiore, poichei nella prima non alcun influenza di autorita', scorgisi di piu' la determinata volonta' all' ubbidienza.

Lo deve imitare nella mortificazione di tutti i sensi in particolar modo di quello della vista, poiche' gli occhi sono quegli per cui l'altoppestifero del peccato entra, penetra e s'infiltra nell' anima nostra unbrattandola dal buio poi' nefando, ad allontanandola dall'immagine di Dio, che per natura porta, la rende simile a Satana.

L'uomo cristiano poi' in quanto ecclesiastico, deve mantenersi fedele al controllo ch con Dio stipulo', dedicandisi tutto a lui, donando se a lui in anima e corpo. E seccome l'ecclesiastico ha da Dio ricevuta la grasia della vocazione, cosi' piu' degli altri deve essere a Dio grato di essere da lui piu dagli altri prediletto. Percio' a Dio deve dedicare la sua liberta', ed essere seimpre pronto a dare anche la vita per amor di Dio.

All'ecclesiastico poi e' di somma necessita la meditazione
[page 425]
mentre non la e' in un secolare, poiche' un secolare entrando in chiesa ad osservando il rito ecclesiastico piu' essere edificato e rapito nell' eccellenza della nostra reigione, ma all'ecclesiastico stesso non e' dato di appagarsi di questo sentimento poiche' e' lui stesso quello che mette in alto il rito della Chiesa.

Percio' un buon ecclesiastico non deve mai abbandonare la meditazione, poiche' questo e' il nutrimento eccellente della anima sua.

Dalle fatte reflessioni in queta prima predica, resolvo si assistere colla massima attenzione alla meditazione della mattina che in comune facciamo in cappella.

 

[page 426]

[Homily 214]

Predica II

Il peccato e' un gran male in se stesso. Suoi pessimi effetti mel tempo, e nell'eternita'.

Il peccato e' la prevaricazione dalla Legge di Dio, e siccome disubbidienza alla legge importa mancanze di rispetto ed offesa all'autorita' da cui promarra, cosi' il peccato e' offesa di Dio, ribellione dell'uomo contro il suo Creatore e conservatore. Ora Iddio e' il Sommo Ente, e siccome l'azione e proporzionata al fine, ed il peccato tende direttamente ad offendere Iddio, cosi' il peccato e' l'offesa somma e percio' stesso il sommo male che l'uomo puo' operare. L'enormita' della bruttessa del peccato e'tanto piu' ingrandita dall#essere Iddio immenso infatti trovandosi Egli dappertutto noi di neccessita commettiomo il peccato in sua presenza.

Col peccato mortale si allontana dall'anima mostra la grasia di Dio e percio' stesso si rende immediatamente schiavo a demonio. L'ecclesiastico poi' piu d'ogno altro deve grardarsi dal peccato e dove mantenersi puro poiche' se non e' ancora sacerdote, pure aspira al sacerdozio; sd il sacerdote puo' fare, poiche' fa scendere nelle sue mani lo stesso corpo di Gesu' ed a questo tal pensiero si vede chiaramente qual mondezza d'animo deve il sacerdote avere.

Se l'uomo p...... uscendo dal tempo nell'eternita' si trova in peccato mortale piomba direttamente giu' nell'inferno poiche' la Divina Giustizia tanto esige: dove per sempre sempre rimarra' senza speranza di uscire mai' mai'. E se sara' sacerdote soffrira' ancor piu' degli altri dannati dappoiche' il suo carattere rimarra' sempre quel stella lucenti anche' laggiu' negli abissi; e cosi' attitera' maggior attenzione dei demoni e degli altri dannati. I demoni gli danno addosso per l'odio che portano ad un tal carattere, che tante sconfitte da loro qui giu' in terra; gli altri dannati gli daranno adosso dicendogli "anche tu sei qui venute, tu che tanto grazia dal Signor hai ricevuto. Oh se l'avessimo ricevuto noi quanto meglio di te l' avremmo custodita ed operata.

Risolvo di schivare il peccato non solo mortatle ma anche il veniale.

[page 427]
Dice un scrittore che la giovinezza è l'età della bellezza, dell'allerezza, e della generosità.

La bellezza del giovane ecclesiastico deve consistere nella candidezza della propria anima, e nell'avere in se radicata la virtù della castità, perciò ciascuno deve procurare non solo di non fare peccati contro la castità ma eziando perfezionarsi in questa vita, di modo che uscito dal collegio e trovatesi in mezzo al mondo attorniato da numerosi pericoli, abbia in se il mezzo potente per difendersi dale cadute.

IV

Il giovane ecclesiastico si manterrà allegro col tenersi scevro da qualunque peccato, e perciò stesso conforme sempre alla Legge Divina.

La generosità poi del giovane ecclesiatico deve consistere nello studio indefesso; e se il suo intelletto gli permette di fare per dieci non deve contentarsi di qualtro, poichè se Iddio gli diede l'ingegno glielo diede per avvantaggiare colla sua scienza si ed il suo prossimo, quindi fedandosi nel suo ingegno ed occupandosi poco allo studio avrà con ciò abusato del dono da Dio datogli e perciò stesso avrà offeso lo stesso Dio.

Perciò da questa riflessione risolvo di darmi allo studio con tutto animo, considerando di sottomettermi con ciò facendo al commando del lavoro che Iddio impose all'uomo; e risolve ancora di tener sempre lontana da me la noia dello studio.

 

Dalla riflessione su questo punto risolvo di accostarmi spesso al sacramento della penitenza, cioè a dire per lo meno tre volte alla settimana.

[page 428]
Che fare colle mie male inclinazioni

"Omnis possum in esqui nos confortat." (Ph 4:13)

 

---- the end ----


Bibliography: Manresa: Or the Spiritual Exercises of St Ignatius for General Use. New Edition. London: Burns & Oates, n.d.

Ignatius of Loyola. The Spiritual Exercises and selected works. Edited by George E Ganss. New York: Paulist Press, 1991.

 



[1] De Piro may be addressing the Sisters of Charity of St Joan Antide Thouret.

[2] De Piro is addressing female religious.

[3] Daughters of the Sacred Heart, founded in Malta, November 21 1903, by Maria Teresa Nuzzo (1851-1923). Nuzzo Institute in Hamrun, is the first house of the congregation. The foundress herself may have been present to this end of the year homily.

[4] "et vos estote parati quia qua hora non putatis Filius hominis venit" / "You too must stand ready, because the Son of man is coming at an hour you do not expect."

[5] = Came back.

[6] = Disfigure.

[7] = Woodworm.

[8] = Gnaw, eats away.

[9] = Weakens the energy (enthusiasm).

[10] = Thriving (blossoming) of virtue.

[11] = Stagnates.

[12] See note at the beginning of the previous homily, 109 page 284. The foundress was still alive when this renewal of the vows took place and may well have been present.

[13] Pope: 03.09.1914 - 22.01.1922.

[14] Canonised on May 13, 1920. De Piro also preached on the occasion of the canonisation of Margaret Mary Alacoque, see homily 165, volume 2, page 59. De Piro often refers to this saint in his homilies about the Eucharist and the Sacred Heart, in volume 1.

[15] May 15, 1919.

[16] Readings for the Fifth Sunday after Easter: James 1:22-27; John 16:23-30.

[17] Like homily 111, this homily is also delivered to the Superiors of the Franciscan Sisters of the Heart of Jesus. See note at end of homily.

[18] "hoc est praeceptum meum ut diligatis invicem sicut dilexi vos" / " This is my commandment: love one another, as I have loved you."

[19] St. Jerome says, (lib. iii. c. 6, Com. ad Galat.,) that in his extreme old age, when St John the Apostle used to be carried to the public assemblies of the believers, his constant saying was, Little children, love one another. His disciples, wearied at last with the constant repetition of the same words, asked him, Why he constantly said the same thing? "Because (said he) it is the commandment of the Lord, and the observation of it alone is sufficient." / "Filioli diligate alterutrum. Quia praeceptum Domini est, et si solum fiat, sufficit."

[20] Should this read: 'consacrarlo' ?

[21] Compare to conclusion of homily 109, p 285.

[22] Compare to homily 91.

[23] Arthur. Bonnici, Period IV - 1800–1975, vol. 3 of History of the Church in Malta (Zabbar, Malta: Veritas Press, 1975), 55-58.

[24] Opera di Buona Morte

[25] From the Eucharistic Prayer: "Dominus vobiscum. Et cum spiritu tuo. Sursum corda. Habemus ad dominum. Gratias agamus domino deo nostro. Dignum et justum est. Vere dignum et justum est, equum et salutare. Nos tibi semper et ubique gratias agere domine sancte pater omnipotens eterne deus. Per christurn dominum nostrum. Per quem majestatem tuam laudant angeli adorant dominationes tremunt potestates."

[26] Confer Spiritual Exercises number 23. (Foundation and Principle)

[27] Compare to homily 1.

[28] 1917 Code of Canon Law.

[29] Compare to homily 118.

[30] Cf. Manresa p. 19.

[31] Confer Spiritual Exercises, week 1, number 23. cf Manresa p 21. Orsini vol 1, p. 61.

[32] Confer Spiritual Exercises number 23. (Foundation and Principle)

[33] Compare to homily 142.

[34] Confer Spiritual Exercises number 23. (Foundation and Principle)

[35] Spiritual Exercises number 23 (check)

[36] Compare to homily 120 footnotes.

[37] Compare to homily 142.

[38] Cf Manresa p 34. Spiritual Exercises number 23: Principle and foundation.

[39] Cf. Spiritual Exercises no. 58 pt 4.

[40] Cf. Spiritual Exercises no. 52.

[41] Cf. Manresa vol 1, p 254.

[42] Original numbering: 89.

[43] "In ictu oculi"

[44] Cf. Minera vol 1 p 636.

[45] Old numbering 118.

[46] Cf Segneri vol 1, xv, 1.

[47] Cf Segneri vol 1, xxviii, 12.

[48] Cf Miniera vol 1 p 235.

[49] "As a man lives, so shall he die" – a proverb.

[50] Compare to homily 155

[51] Cf homilies p 355.

[52] Cf. Miniera vol 1, p 254, secondo giorno.

[53] Compare to homily 165.

[54] Compare to homilies page 356.

[55] Compare to homilies pages 342, 352.

[56] Compare to homily 164.

[57] Compare to homilies p 353.

[58] Cf Spiritual Exercises 65-70; Manresa p 74; Miniera vol 1 p 877.

[59] Cf homilies page 366.

[60] Cf Manresa p 87; Miniera vol 1 p 409.

[61] Cf homilies page 361.

[62] Compare to homly 169.

[63] Cf homilies page 361.

[64] Cf homilies page 366.

[65] Cf Manresa p 87; Miniera vol 1 p 409.

[66] Cf homilies page 360.

[67] Compare to homily 172.

[68] Compare to homily 167.

[69] Compare to homily 170.

[70] Cf homilies p 359.

[71] Cf homilies p 359.

[72] Compare to homily 176. Manresa pp 97-106; Miniera vol 1, p 679.

[73] Compare to homily 174.

[74] Compare to homily 174; Manresa pp 97-106; Miniera vol 1, p 679.

[75] Compare to homily 180.

[76] Compare to homily 179.

[77] Compare to homily 187.

[78] Compare to homily 28.

[79] Compare to homily 186.

[80] Is this a reference to the feast of the Body and Blood of Christ?

[81] Emile Bougaud, Il cristianesimo ed i tempi presenti, 5 v, (Torino [Italy]: Tipgrafia Pontificia. 1912) (Christianisme et les temps présents, di Monsignor E. Bougaud, vescovo di Laval; versione italiana sulla IV edizione francese; riveduta, correta ed aumentata dell'arciprete Ferdinando Cristi.) (Already published in 1902.)

[82] " in ipso enim vivimus et movemur et sumus sicut et quidam vestrum poetarum dixerunt ipsius enim et genus sumus" / " ce it is in him that we live, and move, and exist, as indeed some of your own writers have said: We are all his children."

[83] "respondit Iesus et dixit ei si quis diligit me sermonem meum servabit et Pater meus diliget eum et ad eum veniemus et mansiones apud eum faciemus" / " us replied: Anyone who loves me will keep my word, and my Father will love him, and we shall come to him and make a home in him."

[84] St. Jerome says, (lib. iii. c. 6, Com. ad Galat.,) that in his extreme old age, when St John the Apostle used to be carried to the public assemblies of the believers, his constant saying was, Little children, love one another. His disciples, wearied at last with the constant repetition of the same words, asked him, Why he constantly said the same thing? "Because (said he) it is the commandment of the Lord, and the observation of it alone is sufficient." / "Filioli diligate alterutrum. Quia praeceptum Domini est, et si solum fiat, sufficit."

[85] "dixitque illi recte respondisti hoc fac et vives" / "Jesus said to him, `You have answered right, do this and life is yours.'"

[86] St. Jerome says, (lib. iii. c. 6, Com. ad Galat.,) that in his extreme old age, when St John the Apostle used to be carried to the public assemblies of the believers, his constant saying was, Little children, love one another. His disciples, wearied at last with the constant repetition of the same words, asked him, Why he constantly said the same thing? "Because (said he) it is the commandment of the Lord, and the observation of it alone is sufficient." / "Filioli diligate alterutrum. Quia praeceptum Domini est, et si solum fiat, sufficit."

[87] "mea est ultio et ego retribuam in tempore ut labatur pes eorum iuxta est dies perditionis et adesse festinant tempora" / "Vengeance is mine, I will pay them back, for the time when they make a false step. For the day of their ruin is close, doom is rushing towards them, for he will see to it that their power fails. that neither serf nor free man remains."

[88] "et factum est cum discederent ab illo ait Petrus ad Iesum praeceptor bonum est nos hic esse et faciamus tria tabernacula unum tibi et unum Mosi et unum Heliae nesciens quid diceret" / "As these were leaving him, Peter said to Jesus, `Master, it is wonderful for us to be here; so let us make three shelters, one for you, one for Moses and one for Elijah.' He did not know what he was saying."

[89] St. Jerome says, (lib. iii. c. 6, Com. ad Galat.,) that in his extreme old age, when St John the Apostle used to be carried to the public assemblies of the believers, his constant saying was, Little children, love one another. His disciples, wearied at last with the constant repetition of the same words, asked him, Why he constantly said the same thing? "Because (said he) it is the commandment of the Lord, and the observation of it alone is sufficient." / "Filioli diligate alterutrum. Quia praeceptum Domini est, et si solum fiat, sufficit."

[90] St. Jerome says, (lib. iii. c. 6, Com. ad Galat.,) that in his extreme old age, when St John the Apostle used to be carried to the public assemblies of the believers, his constant saying was, Little children, love one another. His disciples, wearied at last with the constant repetition of the same words, asked him, Why he constantly said the same thing? "Because (said he) it is the commandment of the Lord, and the observation of it alone is sufficient." / "Filioli diligate alterutrum. Quia praeceptum Domini est, et si solum fiat, sufficit."

[91] Old numbering: 74